Bonus TV: l’importo quasi raddoppia e sconti senza ISEE. È il momento giusto per averli

Un bonus TV potenziato grazie ai nuovi fondi del decreto Aiuti ter. Uno sconto immediato sull’acquisto di un nuovo televisore, che risulti in linea con gli standard del nuovo digitale terrestre, indispensabile per poter continuare a fruire del servizio. Per chi ha necessità di affrontare la spesa, è il momento giusto per rottamare il vecchio televisore o acquistare un nuovo decoder.

Image

Un bonus TV potenziato grazie ai nuovi fondi del decreto Aiuti ter. In totale si tratta di 14 milioni di euro da distribuire tra agevolazioni di vario genere, bonus bollette, trasporti e psicologo.

Puntiamo i riflettori sul nuovo bonus che consente di ottenere uno sconto immediato sull’acquisto di un nuovo televisore, che risulti in linea con gli standard del nuovo digitale terrestre, indispensabile per poter continuare a fruire del servizio.

In realtà, è possibile sintonizzarsi sulle nuove frequenze sia tramite un televisore di nuova generazione che attraverso l’utilizzo di un decoder. Per il bonus decoder, gli ultimi aggiornamenti sono nell’articolo dedicato.

Qui di seguito invece illustriamo come ottenere il bonus in questione, qual è il nuovo importo e chi ne ha diritto.

Quanto è l’importo del bonus TV e lo sconto per la rottamazione

In fase iniziale, il bonus TV ammontava a 30€. Il decreto Aiuti lo porta a 50€, in sostanza quasi raddoppiandolo.

È il Ministero dello Sviluppo Economico che eroga i buoni, che rimarranno attivi fino al termine del 2022, anche se in realtà si procederà fino a esaurimento delle risorse.

In sostanza, l’aiuto economico si concretizza in uno sconto diretto al momento dell’acquisto del nuovo televisore ma non solo.

Infatti l’agevolazione è valida anche per l’acquisto di decoder nonché per Tv e decoder satellitari.

Nella fattispecie, possono beneficiare di questa somma tutti coloro che acquisteranno un TV o decoder DVB T2, indispensabili per il passaggio al nuovo digitale terrestre Mpeg-4 ovvero codec video-audio, che rappresenta già lo standard utilizzato sul web).

Si tratta di uno standard di cui i televisori più datati non sono forniti. Inoltre, a partire da gennaio 2023 assisteremo a un ulteriore passaggio allo standard DVB T2 con codifica HEVC, che permette a quasi tutti i canali attuali di mantenersi in uno spazio frequenziale ridot­to

Il passaggio a questa nuova tecnologia riguarderà sia le TV nazionali che le emittenti locali.

È bene sapere che il bonus innanzitutto si applica anche a prodotti che risultano già scontati in negozio ma non solo, dal momento che si può utilizzare anche per gli acquisti online.

Come esaminiamo nel paragrafo a seguire, ci sono dei requisiti da rispettare, per poter ottenere il bonus Tv da 50 euro. Tutti però possono beneficiare del bonus rottamazione Tv pari al 20% sul prezzo di listino di un nuovo televisore, per un massimo di 100€.

Chi ha diritto al bonus TV, anche senza ISEE

Il bonus TV è stato concepito per dare una mano alle famiglie più bisognose, nell’affrontare questa ulteriore spesa che però è inevitabile, se si vuole continuare a fruire della televisione e seguire i propri programmi preferiti.

Quindi, c’è un limite Isee da rispettare, fissato a 20.000€ per nucleo familiare. Spetta un solo bonus per ogni famiglia, i cui componenti devono risultare residenti in Italia.

Come già abbiamo avuto modo di accennare invece, il bonus rottamazione Tv non prevede limiti in questo senso. Tutti possono accedere all’agevolazione, purché abbiano un vecchio televisore da rottamare. In tal caso, deve trattarsi di apparecchi acquistati prima del 22 dicembre 2018. Tutti quelli in circolazione, da quel momento in poi, dovrebbero risultare già compatibili con il nuovo sistema di trasmissione del segnale.

In tal caso, l’agevolazione si ottiene sia presso che il rivenditore che in isola ecologica.

Per quanto riguarda gli anziani over 70, hanno diritto a un beneficio in più. Infatti, se l’assegno pensionistico è inferiore ai 20 mila euro annui, allora hanno diritto a ricevere un decoder del valore di 30 euro direttamente presso il proprio domicilio. 

È Poste Italiane che si occupa del servizio e di effettuare le consegne, casa per casa.

Come ottenere il bonus tv 2022

Veniamo a quelle che sono le modalità per richiedere il bonus in questione e come funziona la sua erogazione.

Innanzitutto, il consiglio è di effettuare un piccolo test sul proprio televisore, in maniera tale da essere certi che necessita di essere cambiato.

Per farlo, è sufficiente sintonizzarsi sul canale 100 o 200 del digitale terrestre. Se compare la scritta "test HEVC main", allora significa che il televisore è compatibile. In caso di schermo nero invece, è giunto il momento di cambiare l’apparecchio oppure di acquistare un nuovo decoder.

A questo punto, ci si reca in negozio per l’acquisto. Qui, il rivenditore consegna al cliente un modulo di autocertificazione da firmare, sottoscrivendo che l’Isee del proprio nucleo familiare non supera il tetto massimo di 20.000€ annui.

Tale modulo è presente anche sul sito del Mise, dove è possibile scaricarlo.

Lo sconto dunque viene applicato direttamente in cassa, sul prezzo di listino dell’apparecchio, anche se risulta già scontato presso il negozio del venditore.

Il bonus da 50€ è utilizzabile anche per acquistare apparati satellitari di ricezione. In sostanza, si tratta di dispositivi indispensabili -ad esempio nelle comunità montane- per continuare a ricevere il segnale in maniera corretta.

La misura però non è ancora attiva, motivo per cui si resta in attesa dell’apposito decreto ministeriale, da parte del ministero dello sviluppo economico.

Nuovi sconti previsti anche su benzina e diesel. Ecco gli ultimi aggiornamenti sulla proroga al 17 ottobre.