Da quando è esploso il numero di telefoni cellulari e smartphone in Italia, circa 80 milioni di dispositivi rispetto ai 60 milioni di italiani, quindi oltre un dispositivo a testa, il mercato della telefonia ha subito profonde modifiche.

Prima a farla da padrone erano gli operatori telefonici classici come Omnitel diventata Vodafone, Tim che era una derivazione di Telecom Italia mobile, Wind diventato Wind 3. Adesso la novità sono gli operatori virtuale.

Gli operatori virtuali, a differenza degli operatori classici sono società che forniscono servizi di telefonia mobile ma senza possedere licenze in merito allo spettro radio nè sulle infrastrutture necessarie alla trasmissione del segnale telefonico.

Come funzionano gli Operatori Virtuali e quali sono i vantaggi e gli svantaggi?

La risposta è tanto semplice quanto geniale: scelgono di appoggiarsi ad antenne o infrastrutture altrui, non hanno propri ripetitori o una propria rete, ma usano quelli già esistenti di proprietà di operatori reali italiani.

A titolo di esempio tra le più famose abbiamo Ho mobile e Kena sotto il controllo di Vodafone e Tim.

Tra i vantaggi sicuramente nominiamo quelli economici. Non possedendo infatti infrastrutture proprie i costi di gestione non esistono ma al massimo si può parlare di costi legati agli accordi intrapresi coi gestori detentori della proprietà dell'infrastruttura stessa. Quindi le offerte che possono proporre sono non solo più basse ma modulabili.

A livello di svantaggi c'è il grosso limite della disponibilità della rete. Spesso ovviamente il gestore che dà disponibilità di utilizzare la propria rete predilige i propri clienti a discapito di chi ha un operatore virtuale che quindi potrebbe avere una rete più lenta e qualche disservizio in più, soprattutto in luoghi affollati o in città con scarse coperture.

Fatta questa premessa, diciamo che l'operatore che in assoluto ha fatto più parlare di sè è Iliad. Iliad non è un vero e proprio operatore virtuale però, anche se attualmente non presenta proprie infrastrutture; infatti anche se in futuro è in progetto di crearne di proprie, attualmente fa riferimento a quelle di Wind 3.

Iliad: la rivoluzione ha inizio

Iliad S.A. è una società francese di telecomunicazioni arrivata in Italia nel 2016 e a seguito della fusioni di Wind e 3 Italia, Iliad ebbe la possibilità di acquisire le frequenze cessate da Wind 3 preesistenti.

L'operatore portò avanti una campagna di marketing astuta e intelligente.

La campagna si basò sui primi spot in cui faceva un rapido e semplice confronto su vero e falso, chiedendo di scegliere la verità e di scegliere Iliad. Ma Iliad nei suoi primi spot non inserì mai l'argomento centrale, cioè il campo della telefonia, suscitando interesse e curiosità.

La stessa campagna fu utilizzata molti anni fa per esempio con l'esordio di Auchan in Italia, quando iniziarono a comparire manifesti col tipico uccellino del marchio di supermercati ma senza dire di cosa si trattasse.

Così l'attenzione del pubblico fu spostata tutta su questa novità, che si proclamava sin dal primo spot come "rivoluzione".

L'operatore raggiunse il primo milione di clienti in meno di due mesi. Al 30 luglio 2021 risultava avere più di un 7.800.000 utenze attive.

La prima offerta fu anche semplice ma al tempo stesso innovativa.

Fu dato un numero massimo di attivazioni possibili a 5,99 euro con minuti ed sms illimitati e 30 giga. In quel periodo fu il primo operatore a proporre un'offerta simile con la promessa, sempre mantenuta, di non riservare mai sorprese ai propri clienti.

Il colosso francese sfruttò infatti il malcontento generale delle rimodulazioni da parte soprattutto di Vodafone e Tim che avvisavano di mese in mese i propri clienti di rincari sulle loro offerte mobile.

Iliad no. Iliad propone un pacchetto e il prezzo è lo stesso. Per sempre. Questo il claim dell'azienda e questa è la promessa mai infranta ad oggi.

Altra novità fu la possibilità di poter attivare la propria sim comodamente da casa, in autonomia o rivolgendosi ad un totem detti Simbox presente spesso nei centri commerciali.

L'abbattimento dei costi però richiedeva anche che l'assistenza fosse meno presente rispetto agli altri operatori, infatti all'inizio non esisteva un numero di riferimento per i clienti, cosa poi invece introdotta successivamente.

L'evoluzione di Iliad nelle offerte 

Col tempo, affermandosi sul mercato italiano, Iliad ha colto il bisogno sempre più urgente di più giga e l'ha soddisfatto.

Se in un primo momento le nuove campagne erano rivolte solo ai nuovi clienti, con un iniziale malcontento di chi aveva creduto sin dal primo mese nel colosso francese, oggi è arrivata la vera rivoluzione.

Col rilascio infatti dell'ultima offerta con 120 GB anche in 5G, con 6 GB in roaming, è stata data la possibilità anche a chi già cliente di poterne usufruire semplicemente collegandosi al proprio account e facendone richiesta. Tutto totalmente gratuito.

Infatti a parte gli iniziali 9 euro circa di attivazione sim, non viene richiesta nessuna cifra supplementare a chi decide di cambiare offerta.

Altra innovazione incredibile fintantochè gli altri operatori hanno sempre chiesto delle maggiorazioni il primo mese per il cambio di offerta.

Iliad dichiara che al momento offre copertura 5G nelle seguenti aree:

"Alessandria, Bari, Bologna, Cagliari, Como, Ferrara, Firenze, Genova, La Spezia, Latina, Messina, Milano, Modena, Padova, Perugia, Pesaro, Pescara, Piacenza, Prato, Ravenna, Reggio Calabria, Reggio Emilia, Roma, Torino, Verona e Vicenza"

su una serie di smartphone certificati con il 5G di Iliad.

Il fatto che il proprio smartphone possa non trovarsi nell'elenco non vuol dire che non possa utilizzare il 5G ma che non è garantito.

Il problema del cambio offerta Iliad

Alcuni utenti, interessati a questo cambio, avevano riscontrato l'impossibilità di effettuarlo.

Dopo l'annuncio dell'offerta avvenuto lo scorso 2 settembre, con grande interesse dei clienti più vecchi che potevano finalmente aggiornare la propria offerta, si era posto subito un problema tecnico: l'errore riportava una fantomatica richiesta di portabilità in corso con il seguente messaggio "non è possibile richiedere il cambio dell'offerta su una SIM con richiesta di portabilità in corso". Ovviamente i richiedenti non erano in fase di portabilità e comunque non è un problema tecnico che tutti hanno riscontrato.

Iliad si è subito attivata per rimediare al disservizio e presto, circa due settimane dopo dall'annuncio, chi ha ricevuto tale esito nella richiesta si è visto riconosciuto finalmente il cambio di offerta con la possibilità di inoltrare correttamente la domanda.

Va fatta una precisazione: anche laddove la richiesta vada a buon fine subito, il cambio dell'offerta risulta effettivo dal mese successivo. Quindi nel caso in cui ciò non avvenga nel mese in corso dell'offerta, non disperare.

In ultimo segnaliamo l'intenzione di Iliad di passare anche alla rete fissa. Grazie infatti ad una collaborazione con Open Fiber sarà possibile scegliere Iliad anche come linea telefonica in casa. 

Non esiste ancora una data ufficiale, si parlava di questa estate ma attualmente sembra che l'idea sia stata fatta slittare anche se è possibile già vedere i primi segnali come il Modem Router Freebox Pop, associato alla rete fissa in Francia che è stato aggiornato anche con supporto in lingua italiana.

Tutto questo fa pensare che l'arrivo della rete fissa sia vicino.

Iliad e il gradimento degli italiani

Nonostante i concorrenti principali di Iliad, come Tim, Vodafone o Wind3, rappresentino ancora il 77% del mercato, i suoi clienti non si possono dire quasi mai soddisfatti.

Secondo una ricerca IPSOS realizzata ad agosto, circa il 60% dei clienti Iliad ha dato il massimo del voto alla domanda "con quale probabilità consiglierebbe il suo gestore di telefonia mobile a un amico o ad un conoscente".

 

Se invece si tengono in considerazione di detrattori . Tim, Vodafone e Wind3 presentano percentuali tra il 18.5% e il 21,5% mentre iliad presenta tra le percentuali più basse, circa 8%.

Per maggiori informazioni sui dati si consiglia l'articolo di HDBlog sull'argomento.

Assistenza Iliad

Ad oggi sono molteplici i modi per chiedere assistenza con Iliad. 

  • Assistenza telefonica al 177 dal Lunedì al Venerd' dalle 8 alle 2 mentre il Sabato, Domenica e festivi dalle 9 alle 22. Se la chiamata avviene da linea iliad è incluso nell'offerta sennò è comunque possibile chiamare ma secondo il piano tarrifario dell'operatore
  • Sezione assistenza sul sito
  • Posta: ILIAD CP 14106 20146 MILANO

Attualmente le offerte disponibili sono

  • Iliad Giga 120 a 9,99
  • Iliad Giga 80 a 7,99
  • Iliad Giga 40 a 6,99
  • Iliad Voce a 4,99

Per maggiori informazioni su ogni offerta si rimanda alla brochure prezzi.

E gli altri operatori rimangono a guardare?

Risulta lecito chiedersi cosa gli altri operatori stiano facendo per evitare di perdere tanti clienti.

 

Ho Mobile per esempio propone 100 GB in 4G a 7,99 euro al mese con spedizione e attivazione gratuita, sim a 0,99 euro. Quindi la prima attivazione sarebbe di 8,99 euro al mese.

Abbiamo anche Kena con 100 GB a 5,99 euro al mese.

La più interessante in assoluto forse è Fastweb con la sua Promo Summer fino al 19 settembre anche se probabilmente verrà rinnovata. Fastweb propone 200 GB a 10,95 euro.

Anche Tim e Vodafone hanno le loro offerte, rispettivamente però con 70 e 50 GB.

Quello che quindi sembra essere chiaro è che gli operatori virtuali puntino al numero di GB offerti relativamente al costo, mentre gli operatori tradizionali, con un minor numero di GB puntano piuttosto a consolidare la fama della loro linea.

Qualunque sia l'esigenza del cliente, è sempre bene informarsi al momento del cambio su tutti i siti di comparazione delle offerte per scoprire in quel momento qual è l'operatore più conveniente.

Spesso infatti operatori tradizionali come Vodafone e Tim offrono altri servizi come abbonamenti Calcio o Serie TV per rendere più accattivanti le loro offerte.