Soffermarsi su PosteMobile significa discutere di un servizio di telefonia sia mobile, sia fisso disponibile ormai dal 2007.

Infatti, è proprio in quell’anno che si ufficializzò l’accordo tra Poste Italiane e Vodafone Italia, uno degli operatori di telefonia mobile più utilizzati in Italia. Da quell’accordo nacque PosteMobile S.p.A.

In poco tempo, la nuova Società per azioni si inserì nel settore relativo alla telefonia mobile. Pertanto, si cominciarono a diffondere le prime schede Sim, anche se in un primo momento la destinazione era riservata ai dipendenti postali.

Una volta che Poste italiane divenne operatore telefonico, ancora nel giro di un lasso di tempo estremamente sottile, si tratta ancora del 2007, lo stesso anno della creazione, si registrò una prima offerta pubblica.

I risultati di questa nuova azione furono immediati. Infatti, PosteMobile riuscì ad accaparrarsi un numero considerevole di nuovi clienti in pochi giorni.

Da quel momento, com’è normale che sia dati gli anni trascorsi, pregni di numerosi sviluppi tecnologici e abitudinari, PosteMobile ha registrato molteplici cambiamenti.

Molti aspetti verranno passati in rassegna nei paragrafi seguenti, ma è opportuno segnalare una data importante, il primo ottobre 2018.

Sul sito ufficiale di PostePay si legge che la società, interamente controllata dal Gruppo Poste Italiane nacque:

«A conclusione dell’iter autorizzativo che ha trasformato PosteMobile S.p.A. nel principale Istituto di Moneta Elettronica (IMEL) d’Italia, e riunisce attività e competenze nell’ambito dei pagamenti e delle telecomunicazioni».

Preme sottolineare questo aspetto perché i servizi di PosteMobile sono stati inclusi a partire dal 2021 nell’app PostePay. In merito, come riferito sul sito di Poste italiane:

«La nuova divisione accoglie le attività svolte dall’operatore di telefonia PosteMobile, che negli anni ha anche sviluppato esperienza in ambito digitale e a supporto del mobile-banking e del mobile-payment». 

Così, a partire da questi aspetti occorre comprendere i prossimi sviluppi, evidenziando in particolare le offerte che risultano essere le più convenienti.

Come funziona PosteMobile

Dato quanto affermato in questo momento, in modo da soffermarsi con più criterio sulle ultime offerte, occorre comprendere qualche altro aspetto legato al funzionamento di PosteMobile che, come si è visto, significa in ultima analisi discutere di PostePay S.p.A e del Gruppo Poste italiane.

Da qui, è inevitabile sottolineare come sia ben radicata una conformazione che punti forte al digitale e che offre servizi pensati sia per consumatori singoli, come si avrà modo di sottolineare in dettaglio, ma anche a imprese e alla Pubblica Amministrazione (PA).

Del resto, le funzionalità sempre più rispondenti a varie esigenze riflettono i milioni di clienti PostePAy s.p.A. Questo enorme ecosistema, affidandosi ancora al sito ufficiale, è così diramato:

«PostePay S.p.A conta su un patrimonio di 13,8 milioni di clienti, 4 milioni di SIM PosteMobile, 26 milioni di carte di pagamento (19 milioni delle quali prepagate), oltre 19 milioni di APP scaricate, 2,5 milioni di digital wallet attivati e 16,6 milioni di clienti registrati al sito».

Da qui si nota uno dei fattori caratteristici: il modello ibrido di PostePay S.p.A che si lega ai cambiamenti di abitudini repentini che contraddistinguono il presente.

Da questo punto di vista, per iniziare ad addentrarsi nelle offerte proposte, si può discutere di PosteCasa Ultraveloce

In particolare, i vari passaggi legati all’attivazione della fibra PosteCasa Ultraveloce sono riassunti in uno dei video presenti sul canale YouTube Teto Tech, di cui se ne consiglia la visione in maniera da comprendere sin da adesso molti aspetti peculiari delle offerte presenti su PosteMobile.

App PosteMobile

Un aspetto da passare in rassegna, prima di passare in rassegna le offerte che PosteMobile indirizzate sia ai privati, sia ai professionisti e alle aziende è legato all’app.

Infatti, occorre far cenno a quanto si legge sul sito ufficiale di Poste italiane dove si può leggere che:

«Dall’11 Gennaio 2021 l’App Postepay sostituirà l’App PosteMobile per gestire i servizi legati alla tua SIM PosteMobile. L’App PosteMobile a partire da questa data non sarà più disponibile».

Di conseguenza, qualsiasi utente che ha intenzione di gestire la propria Sim tramite applicazione dovrà scaricare Postepay.

I servizi di PosteMobile presenti sull’applicazione PostePay sono molteplici. Infatti si potrà controllare i consumi effettuati, il credito residuo, le offerte attivate e lo storico delle ricariche effettuate, nonché del traffico dati.

Tutte queste opzioni non prevedono alcun costo aggiunti. L’applicazione è completamente gratuita. Così facendo, ogni utente potrà tenere sotto controllo tutti gli aspetti ritenuti più importanti della propria Sim PosteMobile.

Offerte PosteMobile per privati

Tra le offerte più interessanti di cui è possibile usufruire in questo periodo, occorre far cenno a CREAMI WOW 30 GB.

Si tratta di una offerta che consente di beneficiare del piano Creami NEXT 1. I credit di cui si dispone sono illimitati e, l’utente che ha scelto di godere di questi vantaggi, può utilizzarli sia per le chiamate, sia per gli Sms.

A questo aspetto estremamente interessante, va legato l’altro punto fondamentale dell’offerta: 30GB di internet.

Il prezzo dell’offerta è di 4,99 euro ogni mese, senza alcuna variazione nei mesi seguenti all’attivazione della promozione sulla propria Sim.

Questa offerta, a patti di proroghe, data la sua struttura estremamente conveniente, può essere acquistata in un determinato lasso di tempo.

Infatti, sarà possibile godere dei vantaggi della promozione, acquistando una nuova Sim nei giorni 18, 19 e 20 marzo.

Non cambierà alcunché l’eventuale portabilità del numero. Infatti, sia che si scelga una Sim con un nuovo numero telefonico, sia che si scelga di conservare il numero precedente, non ci saranno variazioni sui termini.

Sulla stessa lunghezza d’onda, ma con un traffico dati superiore, risulta essere la promozione Creami Extra Wow 50 che, come evince sin dal nome dell’offerta, prevede 50 giga mensili al costo di 6,99 euro.

In questo caso, il costo dell’attivazione della nuova Sim ricaricabile prevede un costo di venti euro nel caso in cui vi fossero attivazioni online oppure da canale telefonico.

Dall’ufficio postale, il costo è di 15 euro, a cui va aggiunta la necessità di effettuare una ricarica minima di 10 euro.

Per clienti che hanno esigenze di traffici dati superiori rispetto a quelle poc’anzi evidenziate, occorre riferire che tra le offerte di PosteMobile figura anche Creami EXTRA WOW 150, al prezzo di 9,99 euro al mese.

I termini e le condizioni dell’offerta, al di là ovviamente del traffico mensile e del prezzo, sono perfettamente sovrapponibili a quanto evidenziato in precedenza, in merito all’offera Creami EXTRA Wow 50.

A queste offerte legate al soddisfacimento delle esigenze del singolo cliente, PosteMobile aggiunge Creami Relax 100.

A chiamate e Sms illimitati si aggiunge un traffico dati mensile di 80GB in 4G+ che, dopo un anno dall’attivazione dell’offerta, accresce sino a giungere a 100GB.

La convenienza dell’offerta evince dal prezzo che, per i primi tre mesi dal momento dell’attivazione è di 10 euro, dal quarto al sesto nove, mentre dal momento del settimo rinnovo, senza ulteriori variazioni, il prezzo dell’offerta si assesta a otto euro mensili.

Ancora, con 9,99 al mese è possibile beneficiare dei servizi dati dall’offerta Creami WeBack che presenta una particolarità molto interessante.

Infatti, ogni 10GB che resteranno inutilizzati durante il mese, il proprio credito verrà ricaricato in un euro al momento dell’addebito del canone mensile previsto dall’offerta.

Offerte PosteMobile per professionisti e aziende

In merito ai piani tariffari ricaricabili inerenti a PosteMobile occorre passare in rassegna anche alcune delle offerte più invitanti destinate a soddisfare le esigenze delle aziende.

Ancor prima, è opportuno chiarire come PosteMobile indirizzi le proprie promozioni anche a professionisti che possono beneficiare dei vantaggi quotidiani dati dalle offerte presenti sul sito.

Anche sotto questo punto di vista si leggono alcune delle offerte passate in rassegna nel paragrafo precedente. Da qui, si comprendono anche i molteplici riscontri positivi registrati dai clienti.

Dunque: anche per le imprese PosteMobile offre un ventaglio di promozioni interessanti. Tra le tante spiccano PM Impresa TOP che con soli 2 euro mensili permette di chiamare i propri colleghi per ben 1000 minuti.

Se i minuti appena evidenziati dovessero sembrare pochi potrebbe risultare soddisfacente PM Impresa Ram, un’altra delle offerte destinate ai clienti PosteMobile.

In questo caso, i minuti e gli Sms sono illimitati. A questo si aggiunge un traffico dati di un giga al mese. Il prezzo dell’offerta è di 10 euro al mese.

PM Impresa 700 Ram e PM Impresa Full Time, ai prezzi mensili di 15 e 20 euro sono destinate a esigenze ancora più dettagliate e complesse.

Quanto costa passare a PosteMobile?

Date le molteplici offerte passate in rassegna può risultare opportuno concludere questa analisi mostrando i modi attraverso cui passare rapidamente a PosteMobile e iniziare così a usufruire dei vantaggi scaturiti dalle promozioni.

Da qui è inevitabile marcare con forza l’aspetto riguardante il numero di cellulare. Infatti, il cliente avrà la possibilità di mantenere il numero telefonico usato fino a quel momento.

Per usufruire di questa possibilità servirà soltanto l’accortezza di indicare il numero usato in precedenza sul modulo riguardante l’attivazione della nuova Sim.

Così facendo, la Sim col numero differente che si riceverà riguarderà soltanto un lasso di tempo ridotto. Al completamento della portabilità del numero si tornerà a usare il numero che si aveva in precedenza.

Va da sé che durante il periodo che intercorre dalla scelta di affidarsi a Postemobile e godere delle offerte selezionate fino al completamente del passaggio della portabilità del numero, sarà possibile usare i vantaggi di PosteMobile col numero temporaneo di cui si dispone.

Vale ribadire che si tratta soltanto di un piccolo tassello intermedio comune a ogni cambio d'utenza scelto che ha una durata di appena qualche ora lavorativa.

Il costo per passare a PosteMoble è ovviamente legato all’attivazione delle offerte a cui si è interessati. Solitamente, il passaggio comporta una spesa complessiva di venti euro, di cui una parte, non di rado consistente, anche 10€, mutano repentinamente in credito già a disposizione sulla nuova Sim.