Circa 119 miliardari hanno partecipato al meeting di Davos quest'anno, più Trump ovviamente. Il patrimonio netto dei miliardari del mondo nel 2000 era di $1000 miliardi secondo Forbes, oggi invece siamo arrivati a poco meno di $10.000 miliardi. Quindi questa gente ora ha un patrimonio netto maggiore del 60% della popolazione mondiale. Stiamo parlando di 4,6 miliardi di persone!

Ovviamente nessuno qui si vuole unire alla brigata Bernie Sanders/AOC. In un mondo in cui regnerebbero libero mercato, denaro sano ed onesto e governo de minimis, allora più miliardari ci sarebbero meglio starebbero tutti. Ma ciò di cui dubitiamo è che ci sia stata una base onesta e sostenibile per un guadagno di 10 volte il patrimonio netto dei miliardari in un periodo di due decadi in cui il PIL nominale del mondo è salito da $35.000 miliardi ad $85.000 miliardi, o del 2,4X.

Dopotutto, gli asset finanziari che comprendono il patrimonio netto mondiale sono semplicemente la capitalizzazione del suo reddito o PIL sottostante. E non vi è alcuna base né in economia né in matematica affinché i primi crescano quasi quattro volte più velocemente del secondo per due decenni consecutivi.

Detto in altro modo, a meno che le antiche leggi sul denaro sano ed onesto non siano state abrogate dagli stessi dei economici, la gente di Davos si appresta a diventare qualcosa di raro come l'uomo di Neanderthal o, più precisamente, l'uomo di Piltdown.

Quest'ultimo era stato propagandato da alcuni furfanti nel 1912 come un homo sapiens di 500.000 anni e l'anello mancante dell'evoluzione. Purtroppo era uno scheletro umano vecchio di 50.000 anni, fuso con la mascella e i denti di un moderno orangutan.