Reddito di emergenza pagamento di luglio 2021: due date da segnare per due categorie di beneficiari. 

Mentre c’è chi ha ottenuto già una prima risposta da INPS riguardo ai pagamenti delle quattro nuove mensilità di Rem riconosciute dal decreto Sostegni bis, ci sono alcuni beneficiari che a luglio riceveranno i pagamenti relativi alle mensilità del primo decreto Sostegni

Si sono infatti verificati alcuni importanti ritardi già a partire dagli esiti per le domande che, i beneficiari interessati, avevano inviato quando erano state aperte le procedure per l’invio delle richieste per le rate introdotte dal decreto legge del 22 marzo, cioè ad aprile 2021. 

Ora, chi era ancora in attesa delle ultime rate potrà finalmente ricevere il pagamento Rem nel mese di luglio. Intanto, sulla pagina Facebook INPS per la Famiglia, alcuni utenti hanno chiesto all’Istituto direttive per le disposizioni di pagamento per le ulteriori quattro rate di reddito di emergenza, da giugno a settembre

Reddito di emergenza pagamento in arrivo a luglio: il calendario dei pagamenti INPS prevede due date importanti

Il calendario dei pagamenti INPS per il mese di luglio 2021 vede segnate in rosso molte date per i beneficiari di bonus INPS e agevolazioni, le cui somme spettanti verranno accreditate nel corso di questo mese estivo. 

Alcuni accrediti, come il pagamento di reddito di cittadinanza, seguono le consuete date, così come quelli delle pensioni che, anche questo mese, si sono svolti in anticipo, concludendosi già il primo giorno del mese

Altri pagamenti, come quello del reddito di emergenza o del bonus stagionali, comprendono date che dovranno essere segnate in rosso anche da chi sta aspettando gli accrediti da molto tempo. 

Prima di entrare nel dettaglio, tutte le novità sui pagamenti INPS, compreso quello relativo al nuovo assegno unico temporaneo, vengono raccolte in questo video della Redazione The Wam, attenta a segnalare le date da ricordare, in merito alle disposizioni di pagamento ed effettivi accrediti: 

Come appena anticipato, il pagamento del reddito di emergenza di luglio 2021 rientra tra quelle erogazioni che purtroppo non si sono svolte in tempi rapidi, così come dovrebbe essere per misure di emergenza di questo tipo. 

La stessa sorte è toccata anche ai lavoratori stagionali in attesa delle indennità Covid da 2.400 euro, portando a un’interminabile attesa per delle erogazioni di somme legate ancora al primo decreto Sostegni. 

I beneficiari di Rem interessati dei ritardi e che a luglio otterranno finalmente le rate spettanti includono principalmente due categorie: 

coloro che stanno aspettando i pagamenti del Rem comma 1 e coloro che sono in attesa dei pagamenti relativi al Rem comma 2. 

Vediamo cosa è successo e quando arrivano i soldi del reddito di emergenza

Reddito di emergenza pagamento luglio 2021: quando arrivano i soldi per chi aspetta la terza rata 

Mentre ci sono già utenti che chiedono a INPS chiarimenti per le prossime date di pagamento relative alle nuove rate di Rem per le quali è possibile presentare richiesta dal 1° luglio, ci sono purtroppo ancora alcuni beneficiari che stanno ancora aspettando il pagamento della terza e ultima rata di reddito di emergenza.

Si tratta del Rem comma 1, ovvero di quei beneficiari che hanno presentato domanda relativa alle rate concesse dal primo decreto Sostegni, ma che ancora non hanno ottenuto l’ultimo pagamento del reddito di emergenza spettante. 

Nel mese di luglio 2021 finalmente la rata (relativa al mese di maggio) arriverà anche per questi beneficiari. In particolare, la data da segnare sul calendario è il 14 luglio 2021

Si ricorda, comunque, che qualunque beneficiario di reddito di emergenza ha la possibilità di controllare le disposizioni di pagamento in totale autonomia, anche senza aiuto di un centro di assistenza fiscale. 

Per farlo, tutto ciò di cui si ha bisogno è il possesso delle credenziali per accedere al sito INPS: SPID, Carta Nazionale dei Servizi o Carta d’Identità Elettronica

Se non hai ancora lo SPID per accedere ai servizi online della pubblica amministrazione, leggi il nostro approfondimento su come richiedere lo SPID, come funziona e come utilizzarlo.

Una volta effettuato l’accesso con le tue credenziali, potrai accedere al Fascicolo Previdenziale del Cittadino, digitare Reddito di Emergenza e controllare il pagamento del reddito di emergenza di luglio 2021

Reddito di emergenza pagamento luglio 2021: quando arrivano i soldi per gli ex Naspi e Dis-Coll

A luglio 2021 sono da segnare in rosso due date per il pagamento del reddito di emergenza. Date attese da moltissimo tempo e che riguardano la categoria di beneficiari del Rem il cui percorso per ottenere questa misura di sostegno è stato più che tortuoso. 

Stiamo parlando dei beneficiari del Rem comma 2, cioè quei cittadini che hanno potuto richiedere le rate relative ai mesi di marzo, aprile e maggio 2021 grazie a dei requisiti meno stringenti che prevedevano solo due obblighi: 

aver terminato prestazioni quali Naspi e Dis-Coll tra il mese di luglio 2020 e il mese di febbraio 2021; avere un ISEE che non superasse i 30.000 euro. 

Un errore del sistema INPS nella distinzione tra domande per Rem ordinario e Rem concesso mediante requisiti facilitati, è però risultato determinante per questi beneficiari che hanno ricevuto l’esito negativo delle loro domande proprio a causa della mancanza dei requisiti necessari per accedere al reddito di emergenza. 

Nonostante l’INPS abbia subito rimediato all’errore, i tempi si sono ugualmente protratti, permettendo agli ex Naspi e Dis-Coll di ricevere l’esito positivo della propria domanda solo a partire dal 15 giugno. Di conseguenza, questi beneficiari hanno dovuto attendere molto più a lungo per il pagamento del reddito di emergenza. 

Dal 9 luglio 2021, queste categorie hanno potuto ricevere il pagamento Rem della seconda rata, relativa al mese di aprile, ma possono già aspettare il pagamento della terza rata, riferita invece al mese di maggio 2021, segnando sul calendario la data del 14 luglio

Complessivamente, gli ex percettori di Naspi riceveranno, non appena ultimate le erogazioni della terza rata, un totale di 1.200 euro (400 euro, quota base, per 3 mesi). 

Reddito di emergenza pagamento e nuova domanda a luglio: il termine di scadenza si avvicina

Abbiamo dunque visto che luglio sarà un mese interessante per alcuni beneficiari di reddito di emergenza che aspettavano ancora le quote riconosciute dal primo decreto Sostegni. 

Luglio, però, è anche il mese che ha visto l’apertura della procedura per presentare le nuove domande di Rem. Il decreto Sostegni bis ha infatti riconfermato il reddito di emergenza, dando la possibilità, a chi possiede i requisiti richiesti, di ottenere ulteriori quattro rate per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre 2021. 

INPS ha pubblicato le istruzioni per presentare domanda il 28 giugno 2021, mentre il servizio è stato ufficialmente aperto a partire dal 1° luglio. Infatti, chiunque fosse interessato a presentare la propria domanda di reddito di emergenza e ottenere il pagamento al più presto, ha ancora tre settimane per inoltrare la richiesta all’INPS. Le richieste devono essere inviate entro e non oltre il 31 luglio 2021.

Prima di inviare la propria richiesta di Rem è comunque necessario verificare se si è in possesso dei requisiti richiesti. L’INPS ha infatti fornito tutte le indicazioni nel messaggio del 24 giugno in cui è possibile trovare le informazioni relative alle soglie ISEE da non superare, alle incompatibilità e alle modalità per presentare domande. 

Inoltre, nel medesimo messaggio si legge: 

L’articolo 36 del decreto-legge n. 73/2021 non richiama l’articolo 12, comma 2, del decreto-legge n. 41/2021, che riconosce il diritto all’erogazione delle quote del Rem a coloro che hanno terminato, tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021, di percepire i trattamenti NASpI e DIS-COLL, in presenza di requisiti ulteriori e diversi rispetto a quelli previsti dal comma 1 del medesimo articolo.

Ciò significa che coloro che hanno potuto presentare domanda per le rate di Rem riconosciute dal primo decreto Sostegni seguendo un percorso agevolato, non hanno la stessa possibilità al momento dell’invio della domanda delle nuove rate del Sostegni bis

Se in possesso degli altri requisiti patrimoniali e reddituali, anche gli ex Naspi potranno inviare richiesta per il reddito di emergenza, ma tenendo in considerazione i requisiti riguardanti tutto il nucleo familiare.

Reddito di emergenza pagamento prima rata del Sostegni bis: quando arrivano i soldi delle nuove rate di Rem

Benché ci siano ancora beneficiari in attesa degli ultimi pagamenti del reddito di emergenza delle rate che vanno da marzo a maggio 2021, sui social alcuni utenti hanno commentato il recente post di INPS dell’8 luglio chiedendo chiarimenti sulle tempistiche per ricevere il pagamento Rem relativo alle nuove rate che possono essere richieste nel mese di luglio. 

Ci troviamo sicuramente nel campo delle ipotesi, ma l’Istituto ha comunque fornito delle prime indicazioni su quello che sarà il pagamento della prima rata di reddito di emergenza riconosciuta dal decreto Sostegni bis. Un utente ha infatti chiesto quando avverrà il pagamento Rem e l’INPS ha risposto

le domande presentate nel mese di luglio verranno elaborate a partire da metà agosto. Per i pagamenti non possiamo fare previsioni tramite social.

L’Istituto conferma dunque la possibilità, per chi presenta domanda di reddito di emergenza nel mese di luglio, di ricevere l’esito della propria domanda (accolta o respinta) a cominciare da metà agosto

Avanzando le migliori delle ipotesi, questo potrebbe significare ricevere il primo pagamento di reddito di emergenza, relativo al mese di giugno, già a fine agosto. Si tratta, comunque, solo di ipotesi, mentre è abbastanza certo quanto influisca la data di presentazione della domanda per ottenere il pagamento Rem in tempi rapidi. Prima si invierà la propria richiesta all’INPS, prima si otterrà l’esito della domanda e, di conseguenza, anche il primo pagamento.