Risparmiare sul gas si può, anche in estate. Considerando l’aumento delle bollette nel corso del 2022 e le previsioni per il prossimo trimestre che non prevedono nulla di buono, è giusto prepararsi per l’inverno con l’intento di ridurre i costi. 

Tuttavia, c’è da dire che sono molti gli errori che commettiamo, e che tendono a far lievitare le bollette, anche durante i periodi estivi. Il consumo di gas riguarda principalmente tre aspetti della vita degli italiani: il riscaldamento degli ambienti, l’acqua sanitaria e la cottura dei cibi. 

Se, per prima cosa, è consigliabile tenere conto delle buone abitudini da adottare il prossimo inverno, è anche importante riflettere su alcune azioni che possono essere compiute già da adesso e che contribuiscono ad alleggerire le bollette. 

Non tutti, per esempio, abbiamo concezione di quanto si possa risparmiare semplicemente facendo più attenzione in cucina oppure che ci siano alcuni interventi di manutenzione che possono essere compiuti anche in anticipo rispetto alla stagione invernale. 

Come risparmiare sul gas in cucina: errori che non sai di commettere

Quando si parla di metodi per risparmiare sul gas, spesso ci si dimentica che uno degli ambienti in cui siamo soliti farne largo uso è la cucina.

Un aspetto che non può essere tralasciato in questo periodo di continui rincari e sul quale, soprattutto, molte persone non badano perché non conoscono i rischi di alcuni comportamenti scorretti. 

Se rispetto al riscaldamento della casa, il consumo di gas ai fornelli rimane minore, è comunque bene sapere che ci sono alcune abitudini che andrebbero cambiate. Si tratta, in fondo, di piccoli gesti che, però, possono rivelarsi vantaggiosi. 

Risparmiare sul gas in cucina grazie a due semplici consigli

Oltre al fatto che in estate è possibile anche mangiare almeno un pasto freddo al giorno, ci sono due, importanti consigli che non sempre vengono messi in pratica. 

Il primo è considerare che ci sono alcune abitudini che non aiutano a salvare le tasche, né il pianeta. Sono diversi gli errori che tendiamo a commettere quando siamo ai fornelli: 

non prestare attenzione alla quantità di acqua che mettiamo a bollire sul fuoco: una pentola strapiena richiederà tempi di ebollizione più lunghi;

non coprire la pentola sul fuoco con il coperchio;

utilizzare un fuoco troppo piccolo per scaldare una padella troppo grande (e viceversa);

spegnere il fornello solo a totale cottura del cibo: è possibile spegnere il fuoco in anticipo e aspettare che il calore termini la cottura. 

In realtà, basterebbe anche solo evitare di commettere questi errori per risparmiare sul gas, economicamente, sì, ma anche facendo del bene all’ambiente. 

Oltre a questi errori, che non richiedono un grande impegno, il secondo consiglio richiede, in effetti, un cambiamento delle abitudini. Anche in questo caso, comunque, si tratta di una modifica dei propri comportamenti che offre diversi vantaggi: ci riferiamo al metodo di cottura, con particolare riferimento alla cottura al vapore. 

Utilizzare la cottura al vapore, infatti, permette di cuocere più cibi assieme utilizzando un solo fornello, nonché una vasta gamma di alimenti. Il consumo di gas, grazie a questo metodo di cottura, si riduce fino al 10%

Un’altra buona abitudine, poi, è utilizzare la pentola a pressione per la cottura di determinati cibi: anche questo permette di ridurre i tempi di cottura e, dunque, di risparmiare sul gas. 

Come risparmiare sul gas da riscaldamento: cosa fare per prepararsi all’inverno

Come abbiamo visto, anche solo fare più attenzione ad alcune piccole abitudini quotidiane in cucina può aiutare a ridurre i consumi. È chiaro, però, che la maggior parte del dispendio di gas derivi dal riscaldamento. 

In vista dell’inverno, è bene conoscere in anticipo alcuni metodi per risparmiare sul gas, in modo da reagire prontamente ed evitare sin da subito un aumento dei costi in bolletta. 

Così come per la bolletta elettrica è fondamentale regolare al meglio la temperatura del condizionatore, lo è anche regolare la temperatura della caldaia è il primo passo per risparmiare. Riscaldare eccessivamente casa (così come raffreddarla in estate) non solo comporta un consumo eccessivo, ma non fa nemmeno bene alla salute. 

Inoltre, è opportuno dedicarsi a una corretta manutenzione di caldaia e termosifoni. Per quanto riguarda questi ultimi, l’estate è il momento giusto per eliminare le bolle d’aria, responsabili di una riduzione dell’efficienza del sistema di riscaldamento.

Leggi anche: Come risparmiare con il condizionatore fino al 20%

Non dimenticare i bonus e gli incentivi statali

Per concludere, se si ha intenzione di risparmiare sul gas è bene ricordare che il governo ha messo a disposizione diverse agevolazioni e detrazioni per aumentare il livello di efficienza energetica degli edifici, per esempio per sostituire gli infissi, installare pompe di calore e caldaie. 

Inoltre, il governo mette a disposizione anche aiuti economici per chi intende acquistare e installare pannelli solari (sempre nell’ambito di bonus per la casa ed ecobonus). 

Rimanere aggiornati sugli incentivi permette non solo di risparmiare sulle spese richieste per gli interventi, ma anche a più lungo termine sul consumo di energia e gas, in modo da alleggerire i costi delle bollette.