Sin dagli albori, il settore dell’edilizia ha conosciuto l’esistenza di un rapporto complesso con l’ambiente che lo circonda.

L’impatto sul suolo, sull’acqua, sugli interventi di lavorazione e trasformazione dei materiali, sullo smaltimento dei rifiuti ma non solo.

Anche l’impatto ecologico legato al consumo energetico si è fatto molto sentire e già da molto tempo la ricerca di soluzioni sempre più prestanti e innovative ha trovato nella certificazione “CasaClima” il giusto alleato.

Oltre al grande risparmio energetico, questo progetto interamente “ambientalistico” consente di avere una casa che sia funzionale e al tempo stesso davvero molto accogliente.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

In cosa consiste il progetto CasaClima: 

Quando sentiamo parlare di CasaClima la maggior parte di noi chiude gli occhi e pensa a quelle case moderne dalle eleganti rifiniture in legno e dalle alte vetrate che filtrano la luce del giorno.

Magari immerse nel verde di un bel giardino con tanto di cinguettio degli uccellini.

Uno scenario da sogno, ma è il caso di essere più realistici.

CasaClima è prima di tutto una certificazione energetica degli edifici presentata nel 2002 ideata da Norbert Lantshner, direttore dell’Ufficio “Aria e Rumore” del APPA della Provincia autonoma di Bolzano.

Presentata in conformità a quanto già nominato dalla Comunità Europa ( Direttiva CEE 2009791/Ce) riguardava in primis la qualità costruttiva dell’involucro edilizio.

Poi, con l’avento dell’obbligo di certificazione energetica a livello nazionale abbraccia e rende di particolare rilevanza anche i sistemi impiantistici.

La filosofia a sostegno dell'ambiente e della vivibilità:

La filosofia “Costruire bene per vivere bene” promossa da CasaClima è del tutto fondata sulla ristrutturazione e sulla costruzione di edifici con lo scopo di:

  “ridurre i costi di gestione e contribuire a tutelare l’ambiente in quanto, l’effetto sulla natura ha raggiunto livelli allarmanti e costruire abitazioni più efficienti è una necessità che ci accomuna tutti”

Costruire una CasaClima non è questione solo di ingaggiare un’impresa qualsiasi e poggiare a terra due mattoni.

Il progetto presenta diversi punti di snodo e parte tutto da considerazioni ragionate.

Poichè coma abbiamo già detto tutti si basa sul rispetto dell’ambiente e sul risparmio energetico, l’obbiettivo principale di questo progetto si realizza attraverso la promozione delle migliori tecnologie e dei migliori materiali di costruzione.

Questi ultimi, devono avere precise caratteristiche che permettano di mantenere le giuste temperature in casa.

Attraverso l’ausilio del software “ProCasaClima” è possibile valutare la qualità ecologica del materiale utilizzato.

Per intenderci: soffrire il freddo d’inverno e patire il caldo durante il periodo estivo non è proprio il desiderio di tutti.

Inoltre, anche i materiali dei serramenti, gli impianti e le tecniche costruttive con cui vengono installati ricoprono un ruolo determinante per la riuscita di un’abitazione ad alto risparmio energetico.

Per questo motivo tutti questi fattori devono essere costantemente controllati da sopralluoghi nei cantieri e test di congruità per rientrare perfettamente nei parametri previsti dall’iter.

Che cosa contiene la certificazione CasaClima:

Solo dopo un esame finale l’organo certificatore pubblico potrà rilasciare il certificato riportante le principali informazioni della valutazione energetica e sostenibile e la targhetta identificativa.

Nella prima pagina del certificato infatti potrete leggere tutto su:

  • l’efficienza dell’involucro,
  • l’efficienza complessiva 
  • la sostenibilità ambientale ( ecocompatibilità dell’edificio)

mentre nelle pagine successive potrete trovare altre informazioni complementari di una certa importanza tecnica.

Come ottenere la certificazione CasaClima:

Ma come si ottiene la certificazione CasaClima?

Ebbene, è necessario che il richiedente accetti di sottoporre l’intera construzione a un rigido controllo che avviene dall’analisi del progetto sino ai sopralluoghi e al test di congruità tra ciò che è stato eseguito e il progetto inziale.

Per motivi prettamente giudiziali il soggetto certificatore non può essere coninvolto in nessina delle attività legate all’edificazione della casa in questione.

Dopo l’esito positivo del Blower Door Test ( verifica dell’aria), l’Agenzia rilascerà il certificato energetico che avrà validità di 10 anni.

Questa certificazione non va confusa con quella dell’APE:

“ L’ Attestato Prestazione energetica è un documento obbligatorio per tutti gli edifici e attesta le caratteristiche energetiche dell’edificio e deve essere redatto da un soggetto abilitato che ha competenze specifiche mentre il certificato dell’Agenzia è una richiesta che si fa per qualificare la propria casa”

L’Agenzia menzionata nel capitolo precedente è l’Agenzia CasaClima, un organo certificatore pubblico indipendente che:

" insieme all’ Agenzia Fiorentina per l’Energia e l’Agenzia per l’Energia del Friuli- Venezia Giulia decide di attuare il progetto per migliorare le prestazioni energetiche del proprio patrimonio immobiliare."

I vantaggi di una CasaClima:

I vantaggi di avere una casa a risparmio energetico non si traducono solo nella riduzione di spese di gestione bensì nella presenza di tante piccole comodità che consentono a chi la possiede di condurre una vita qualitativamente migliore.

Basti pensare al fatto di entrare in una casa che vi regala ogni giorno una grande sensazione di comfort e spaziosità.

Una luce esterna che illumina sapientemente le stanze e un ricircolo dell’aria talmente intelligente da rendere nulla una delle abitudini più normali che ci siano: aprire le finestre.

L’impianto presente permette infatti di avere aria pulita ed eliminare ogni tipo di odore ( che sia proveniente dalla cucina o altro), consentendo una sana vivibilità.

Altre caratteristiche che vi faranno notare la differenza dagli altri semplici edifici potrete notarli nell’assenza di ponti termici, nella capacità di sfuttamento delle energie rinnovabili e nell’assenza di rumore esterno.

ClimaCasa Nature pensa alle persone:

“CasaClima Nature” è il protocollo che permette di valutare e certificare un edificio anche in base al rispetto degli impatti sull’ambiente e sulla salute e il benessere delle persone:

“ A garanzia del comfort e della salubrità degli utenti per gli ambienti interni sono richiesti precisi requisiti per la qualità dell’aria, per l’illuminazione naturale, per il comfort acustico e per la protezione del gas radon.”

per far si che tutti questi requisiti vengano soddisfatti è necessario che gli indici di efficenza vengano rispettati secondo la lista della certificazione CasaClima Nature.

La casa a risparmio energetico più performante presente nel mercato verrà classificata come CasaClima Oro.

Viene definita anche “casa da un litro” poichè il consumo di energia è così basso che è pari ari a 10 Kilowattora per 1 metro cubo all’anno.

...Ma se parlassimo di prezzi?

So cosa state pensando, se già costruire una casa normale costa tanti soldi, figuriamoci una CasaClima con tutte queste comodità.

Avete ragione.

Una CasaClima ha inizialmente dei costi aggiuntivi di cui bisogna tenere conto ma è comunque un investimento che vale la pena di fare.

I prezzi sono più contenuti di altri perchè uniscono la velocità dei tempi di consegna all’ammortamento futuro del prezzo totale chiavi in mano.

Avere una CasaClima è un guadagno enorme visto che negli anni è possibile recuperare parte dell’erborso speso.

Il guadagno ogni giorno:

Gli oneri di cui si parla tanto, vengono ammortizzati grazie a un importante risparmio energetico ma anche al fatto che nello spazio di 10 anni si può rientrare del 15% della spesa iniziale:

“Bisogna pensare che investendo oggi si otterrà un risaprmio del 70% in bolletta per i prossimi 20 anni”

È un’importante considerazione da fare se desiderate una casa 100% sostenibile e in grado di regalarvi una qualità di vita futura ottimizzata perchè come dice Thomas Mur, direttore di Fiera Bolzano :

“Se si costruisce bene oggi, una casa sarà sostenibile anche e soprattutto per le generazioni future”.