I Bonus del mondo dell’edilizia sono in costante cambiamento? Beh, sembrerebbe proprio di si, dato che ci sono aggiornamenti continui in questo campo. 

Oggi andiamo a parlare del Bonus Facciate che, come sappiamo, è stata una delle agevolazioni tra le più apprezzate dello scorso anno. 

Secondo solamente al Superbonus 110%, il Bonus Facciate è stato amato nel corso del 2021 ed ha suscitato numerose polemiche quando è stato accantonato dal Governo. 

Infatti, come puoi ben ricordare, questa misura non sarebbe dovuta arrivare nel 2022 secondo il premier Mario Draghi. Insomma, non era stata prevista nessuna proroga per il Bonus Facciate, ma poi le cose sono cambiare. 

Tuttavia, come sappiamo, oggi il Bonus Facciate si presenta con una percentuale di detrazione nettamente ridotta rispetto allo scorso anno. Insomma, parliamo di Bonus Facciate 60% e non più dell’amatissimo Bonus Facciate 90% che avevamo nel 2021. 

Ma qualcuno può sfruttare ancora il Bonus Facciate al 90%? 

Piccolo spoiler: la risposta è sì. Andiamo a scoprire chi sono i fortunati che possono beneficiare del Bonus Facciate con la vecchia detrazione!

Com’è cambiato il Bonus Facciate con la proroga al 2022!

Prima di comprendere come poter ottenere il Bonus Facciate ancora al 90% anche nel 2022, dobbiamo addentrarci meglio in questa misura e per farlo dobbiamo analizzare la storia della sua proroga. 

Cos’è accaduto al Bonus Facciate tra il 2021 ed il 2022? Te lo spiego subito!

Come abbiamo affermato anche in precedenza, il Bonus Facciate non doveva arrivare al nuovo anno. Questa la decisione del Governo Draghi messa nero su bianco nel Documento Programmatico di Bilancio

Tuttavia, il malcontento generale di cittadini ed imprese edili ha portato il Governo a fare un passo indietro e a prorogare con la Legge di Bilancio 2022 il Bonus Facciate anche nel nuovo anno. 

Attenzione però: il bonus in questione ha ricevuto la proroga solo fino al 31 dicembre 2022. Quindi per un solo anno, a differenza degli altri Bonus che hanno ricevuto una proroga più lunga. 

Ebbene, com’è oggi il Bonus Facciate? L’abbiamo anticipato anche in precedenza: ad oggi la misura si presenta con ben 30 punti percentuali in meno per quanto riguarda la detrazione. Infatti, siamo passati dal 90% del 2021 ad un 60% per il 2022. 

Una misura ancora conveniente? Molto meno dello scorso anno, questo è certo. 

Infatti, sono sempre di più le persone che prendono coscienza anche delle alternative al Bonus Facciate, come l’Ecobonus che garantisce una detrazione fino al 75%. 

Tuttavia, il Bonus Facciate continua a rimanere una misura molto amata ed alcune persone possono ancora beneficiare della vecchia detrazione fiscale al 90%. 

Insomma, per qualcuno il Bonus Facciate risulta essere ancora la scelta più conveniente. 

Ma come possiamo ottenere il Bonus Facciate ancora al 90%? Andiamo a scoprirlo nel prossimo paragrafo!

Bonus Facciate 90% e lavori a cavallo tra 2021 e 2022!

Eccoci arrivati a scoprire come, secondo la normativa, ci sono ancora alcune persone che possono beneficiare del Bonus Facciate con la detrazione al 90% anche nel corso del nuovo anno. 

Infatti, possiamo considerare diverse casistiche. 

I primi che potranno beneficiare di questa opportunità ghiotta sono coloro che hanno realizzato interventi oggetto di bonus e li hanno pagati nel 2021. Tuttavia, queste persone possono aver sostenuto i costi relativi al visto di conformità e all’asseverazione dei prezzi nel 2022. 

Ebbene, in questo caso per ottenere la detrazione fiscale dell’anno precedente è necessario procedere con due pratiche distinte. Infatti, gli interventi che sono stati realizzati e pagati nel 2021 potranno godere della percentuale di detrazione del 90%, mentre quelli sostenuti per il visto e l’asseverazione dei prezzi nel 2022 avranno una detrazione del 60%. 

Possiamo fare lo stesso ragionamento anche per coloro che hanno iniziato i lavori nel 2021 ma che hanno deciso di non pagare in anticipo. Insomma, non tutti si fidano a pagare anticipatamente lavori che non sono ancora stati effettuati, giustamente. 

Ebbene, in questa circostanza i lavori effettuati e pagati nel 2021 potranno essere oggetto di detrazione al 90%, mentre quelli realizzati e pagati nel 2022 saranno oggetto di detrazione al 60%. 

Anche in questo caso è doveroso sottolineare che sarà necessario procedere con due pratiche differenti. 

Bonus Facciate al 90% nel 2022! Ecco cosa dice l’Agenzia delle Entrate!

A parlare di Bonus Facciate è scesa in campo anche l’Agenzia delle Entrate che ha spiegato in modo chiaro come si potrà avere accesso alla detrazione del 90% anche nel corso del 2022. 

Infatti, oltre alle due casistiche che abbiamo espresso nel corso del precedente paragrafo, ci sono altri modi per accedere a tale detrazione. 

Ma chi sono i fortunati che nel 2022 potranno godere ancora del Bonus Facciate al 90%? 

Secondo quanto stabilito dall’Agenzia delle Entrate godranno di questo privilegio coloro che hanno iniziato i lavori nel 2021 ed hanno pagato entro il 31 dicembre 2021 almeno il 10% dei lavori effettuati. 

In questo modo anche per la parte rimanente da pagare si avrà diritto al Bonus Facciate 90%. 

Bonus Facciate 90%: attenzione agli obblighi del Decreto Antifrode!

Come sappiamo, l’obiettivo ultimo del Governo Draghi è quello di scongiurare l’insorgere di truffe in ambito edilizio. Infatti, come sappiamo, le frodi nel settore dell’edilizia sono all’ordine del giorno e, proprio per questo, il Governo ha deciso di imporsi.

Tale imposizione si è concretizzata per mezzo del Decreto Antifrode che è stato firmato nel mese di novembre dello scorso anno. 

Ebbene, per mezzo di questo decreto è stato reso fondamentale il possesso di due documenti: visto di conformità ed asseverazione dei prezzi. 

Li abbiamo citati anche in precedenza, ricordi? Sono proprio loro. 

Eppure, è necessario fare una specifica importante! Infatti, tali documenti sono richiesti solamente in caso di cessione del credito e di sconto in fattura. 

Questo vuol dire che coloro che opteranno per la metodologia della detrazione fiscale non dovranno obbligatoriamente presentare il visto di conformità e l’asseverazione dei prezzi. 

La soluzione al 110% per le tue facciate: dal Bonus Facciate al Superbonus!

Per sostituire le facciate non hai a disposizione solo il Bonus Facciate ma, come abbiamo detto anche in precedenza, ci sono altre agevolazioni interessanti. 

Tra queste abbiamo l’Ecobonus che, come abbiamo compreso, prevede una detrazione fiscale fino al 75%. 

Eppure, non si tratta certo dell’unica possibilità. Infatti, per la sostituzione delle facciate possiamo anche sfruttare il Superbonus 110% che, come è facile comprendere dalla percentuale di detrazione, risulta essere nettamente più conveniente del Bonus Facciate 60%. 

Ma se è così facile perché non lo sfruttano tutti? Ecco la domanda delle domande. 

Ovviamente, sorge spontaneo chiedersi per quale motivo le persone scelgano ancora il Bonus Facciate nonostante la bassa percentuale di detrazione, rispetto al Superbonus 110%. 

Ebbene, devi sapere che sono stati imposti moltissimi limiti. Andiamo a vederli nel dettaglio. 

Limiti all’utilizzo del 110%, si torna al Bonus Facciate!

L’Agenzia delle Entrate ha messo in luce la ragione per la quale si sceglie di rinunciare al Superbonus 110% per ristrutturare le facciate. 

Ebbene, è doveroso che vengano rispettate tutte le normative relative all’Ecobonus. Insomma, si tratta di grandi lavori di ristrutturazione. 

In caso contrario, quando si parla di semplici restauri, risulterebbe poco conveniente utilizzare il Superbonus 110%.