Spesa, qualche trucco per spendere meno: tutti i segreti dei venditori da conoscere

Sveliamo tutti i principali trucchi dei venditori per far spendere di più al supermercato. Ecco il trucco efficace per spendere meno con la spesa.

carrello della spesa pieno

I consigli per risparmiare al supermercato sono sempre ben accetti e oggi concentriamo la nostra attenzione su questo trucco per spendere meno sulla spesa.

L’obiettivo è ridurre il più possibile il conto da pagare in cassa ma ovviamente senza mai andare a discapito della qualità del cibo, perché la salute deve sempre rimanere la priorità, anche sul risparmio.

Il segreto è “dribblare” con sapienza tutte le tentazioni che gli esperti di marketing ogni giorno mettono in campo, per aumentare il fatturato del punto vendita.

Pronti a scoprire tutti i trucchi dei venditori?

Spesa, questo è il trucco principale per spendere meno

Nel paragrafo a seguire sveliamo tutti i segreti che gli esperti del reparto commerciale e del marketing, mettono in atto per aumentare le vendite all’interno del supermercato e lo scontrino medio alla cassa.

Ma iniziamo dal principio, come si suol dire, ovvero dal momento in cui entri nel negozio. La prima azione che si compie solitamente qual è? Prendere il carrello.

Ebbene, quelli piccoli di solito sono sempre pochi e sistemati in prossimità delle casse. La maggior parte delle persone quindi, per evitare di restare senza e per non doversi sobbarcare il peso delle buste all’uscita (perché i carrellini non si possono portare fuori dal punto vendita) prendono il carrello grande (quello con il gettone, per intenderci).

Ebbene, è proprio questo il primo passo verso l’acquisto di prodotti oltre lo stretto necessario.

È davvero raro che qualcuno arrivi in cassa con il carrello grande vuoto. E, inconsciamente, si ha la tendenza a disporre i vari alimenti acquistati (così come detersivi e saponi) in maniera tale da occupare tutto lo spazio disponibile. In questo modo, anche se abbiamo terminato di acquistare ciò che ci occorre, di certo metteremo nel carrello qualche altro prodotto “in offerta”, prima di arrivare in cassa, così da avere un carrello abbastanza pieno.

Ecco il trucco da adottare per spendere meno. Pur scegliendo di prendere il carrello grande (decisamente più comodo per trasportare gli acquisti fino alla cassa), posizioniamo al suo interno un paio di buste in tela (quelle riutilizzabili).

Ogni volta che prendiamo un prodotto, lo sistemiamo direttamente nella busta, in maniera tale da regolarci sulla quantità acquistata, così da riempire solo le buste e non l’intero carrello ed evitando che gli altri “sbircino” ciò che stiamo comprando.

E ricordando che i prodotti sistemati sugli scaffali più in basso sono solitamente i più economici.

Come fare la spesa settimanale spendendo poco

Risparmiare sulla spesa richiede davvero un po’ di pratica : è roba da veri esperti. Innanzitutto perché bisogna imparare a memoria tutti i prezzi dei prodotti che utilizziamo abitualmente. A parità di qualità, dobbiamo impegnarci ad acquistare solo nei negozi che ci permetteno di risparmiare di più.

Questo è un altro dei piccoli, grandi trucchi per spendere meno sulla spesa: acquistare a rotazione in più supermercati.

Magari si può optare per la spesa nel fine settimana nel proprio supermercato preferito e poi recarsi in un punto vendita diverso nei giorni infrasettimanali.

Altro punto essenziale del perfetto consumatore riguarda la scelta dell’orario per andare a fare la spesa. L’ideale è dopo colazione la mattina ma, per chi invece può solo nel pomeriggio, il momento perfetto è dopo la pausa pomeridiana, magari a base di caffè o tè.

Il segreto infatti è non recarsi mai al supermercato a ridosso dell’ora di pranzo o cena, ovvero quando si è troppo affamati, bensì a stomaco pieno e così da non solleticare il palato.

Non a caso, e questo è un altro segreto che i venditori mettono in atto, non appena entriamo in un supermercato troviamo subito il reparto ortofrutticolo, con tanta frutta succosa e vaschette già pronte per l’asporto di insalate o cous cous, nonché il reparto del forno con i suoi profumi invitanti oppure il pollo arrosto o ancora la frittura di pesce.

A tal proposito, andare a fare la spesa da soli senza i bambini è di grande aiuto e non si corre il rischio di dover resistere non solo alle tentazioni (di per sé già difficile impresa) ma anche alle continue richieste da parte loro.

Soprattutto quando si è fermi in fila alla cassa, pur di tenerli buoni si finisce sempre per acquistare gomme da masticare, snack, caramelle e patatine (e qusto gli esperti lo sanno bene).

Trucchi per risparmiare al supermercato (e non cedere ai venditori)

Il percorso che si è obbligati a compiere al supermercato non è di certo improvvisato bensì frutto di studi e di sperimentazioni continue da parte degli esperti del reparto vendite e marketing.

Da quando si entra, fino a quando si arriva alle casse, ogni reparto ha il suo compito preciso da assolvere. È evidente che prodotti come la pasta, la farina, la passata di pomodoro, le uova si vendono da sé, senza sforzo, e tra l’altro sono economici.

Ciò che invece fa lievitare il fatturato del punto vendita sono i prodotti pronti all’uso, quindi da mangiare subito.

E siccome siamo ormai dominati dalla fretta, questa comodità ci aiuta molto nella gestione quotidiana dei pasti ma è anche quella che ci svuota in fretta il portafoglio.

Prodotti da forno come dolci e pizzette o rustici, insalate già pronte, piatti già preparati solo da infornare per qualche minuto (si pensi a tutte le preparazioni del banco macelleria), fritture di pesce, polli arrosto e chi più ne ha più ne metta.

Sono queste le trappole da cui guardarsi con molta attenzione e nelle quali non cadere, per spendere meno con la spesa settimanale.

Leggi anche: Come risparmiare sulla spesa: dal discount al prodotto in scadenza, ecco i trucchi migliori.