È ormai in corso d’opera la transizione digitale della Pubblica Amministrazione: anche i cittadini devono ora attivare SPID per poter accedere ai servizi telematici messi a disposizione dai vari enti. 

Per esempio, dal 1° ottobre 2021, INPS ha dismesso ormai i vecchi PIN per accedere ai servizi online dell’Istituto, in favore delle nuove credenziali di accesso più sicure e che permettono di utilizzare non solo i servizi telematici INPS, ma anche quelli di altri enti della PA. 

Molti utenti si chiedono allora come attivare SPID e, soprattutto, come attivare SPID gratuito online

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale è infatti semplice da ottenere. Tutte le indicazioni su come fare sono contenute sulla pagina apposita del sito del governo dedicato a SPID, spid.gov.it

Sul sito è possibile trovare la lista degli identity provider abilitati. L’utente dovrà solo scegliere quello che preferisce e procedere con la procedura per l’attivazione SPID

Vediamo come fare. 

SPID gratuito online: cosa e quali sono gli identity provider abilitati

I modi per richiedere SPID gratuito online sono diversi e la procedura varia in base all’Identity provider scelto dall’utente. Ognuno di questi offre infatti diverse opzioni, specialmente per effettuare la procedura di riconoscimento, indispensabile per ottenere SPID.

Le procedure online per richiedere SPID non sono affatto complicate, come ci mostra anche Micuecu, canale YouTube che raccoglie pillole per la gestione della finanza personale e che in questo video mostra in pochi, semplici passaggi come richiedere SPID online gratuito, in questo caso scegliendo PosteID tra gli identity provider abilitati: 

Ma cosa si intende per identity provider? Chi sono e come scegliere tra quelli presenti sul sito del governo dedicato a SPID? 

Gli identity provider sono i gestori d’identità digitale. In sostanza, si tratta di:

soggetti privati accreditati da AgID che, nel rispetto delle regole emesse dall’Agenzia, forniscono le identità digitali e gestiscono l’autenticazione degli utenti.

SPID è infatti il Sistema Pubblico di Identità Digitale: ciò significa che, per poterlo richiedere, è indispensabile certificare la propria identità con l’obiettivo di evitare furti d’identità e rendere sicuro l’accesso e l’utilizzo dei servizi telematici di enti come INPS, Agenzia delle Entrate o INAIL. 

Sarà proprio attraverso la procedura che si sceglierà di seguire (sia di persona sia online) che l’identity provider richiederà un documento di identità (documento di riconoscimento, tessera sanitaria e codice fiscale) dell’utente per accertarne l’identità. 

Per alcuni potrebbe sembrare una complicazione in più, ma in realtà questo passaggio è fondamentale per assicurare la sicurezza ed evitare qualsiasi tipo di rischio di incorrere in furti d’identità. 

Sul sito del governo è possibile trovare la lista completa degli identity provider abilitati. Questi ultimi vanno selezionati esclusivamente sul sito del governo: solo in questo modo avrai la certezza di procedere con la corretta attivazione di SPID gratuito online e non subire eventuali truffe. 

SPID gratuito online: i migliori siti per richiedere SPID gratis

Proprio sul rischio di subire truffe è bene chiarire una cosa: 

richiedere SPID online per il cittadino è un’azione sempre gratuita con gli identity provider abilitati!

Ulteriori servizi, qualora uno o più dei diversi gestori d’identità ne mettano a disposizione, possono essere a pagamento, ma il fatto che non si tratti di servizi gratuiti è sempre segnalato nel riquadro della griglia (lista degli identity provider) che può essere consultata sul sito

Quali sono i servizi in più a pagamento che un identity provider può fornire?

Ognuno dei nove gestori d’identità mette a disposizione delle procedure, talvolta simili, altre diverse, per certificare la tua identità. 

Tutti, per esempio, offrono la possibilità di completare l’intera procedura per ottenere SPID gratuito online. 

Questa opzione è sempre possibile se chi richiedere SPID è in possesso o di una CIE (Carta d’Identità Elettronica) o di una CNS (Carta Nazionale dei Servizi, da attivare presso un ufficio della propria regione di residenza) o una firma digitale

Altri identity provider, però, offrono anche l’opportunità di effettuare il riconoscimento, oltre che di persona presso le proprie sedi o sportelli, anche utilizzando una semplice webcam tramite PC, tablet o smartphone e seguendo le indicazioni di un operatore. 

In alcuni casi, questa opzione rimane gratuita per l’utente (è il caso di Sielte o Lepida). Altri gestori d’identità, invece, offrono il servizio, ma a pagamento

È il caso, per esempio, di InfoCert, Intesa, Namirial, Spid Italia e Tim

PosteID invece offre l’opportunità di completare la procedura totalmente online effettuando l’identificazione tramite app se si è in possesso di un conto corrente con IBAN. 

Alla fine della procedura di registrazione, a completamento dell’identificazione, infatti, viene richiesto di effettuare un bonifico da 1 euro da un conto a te intestato. L’importo, finita la procedura, verrà poi automaticamente restituito.

È comunque bene ricordare che i servizi a pagamento da parte di questi identity provider sono facilmente individuabili sul sito del governo o sui siti stessi dei gestori dell’identità. 

SPID gratuito online: come scegliere tra gli identity provider

La scelta del gestore d’identità può essere effettuata in base alle proprie necessità. 

Come abbiamo visto, infatti, l’utente ha la possibilità di vagliare le diverse proposte offerte dai diversi identity provider per attivare SPID. 

Si può dunque scegliere il miglior identity provider a seconda delle proprie esigenze optando in base a: 

tipo di procedura per il riconoscimento, da effettuare di persona oppure online; tempi medi per ogni tipo di operazione, dalla registrazione al sito alla procedura per il riconoscimento via webcam oppure di persona; possibilità di richiedere SPID di livello 1, di livello 2 o di livello 3; opzioni totalmente gratuite o a pagamento. 

È inoltre importante ricordare che tra gli identity provider presenti nella lista sul sito del governo, solo Aruba, Intesa, PosteID e Sielte offrono la possibilità di richiedere SPID di livello 3. 

Ci sono infatti delle differenze tra SPID di livello 1, SPID di livello 2 e SPID di livello 3. Tali livelli indicano in grado di sicurezza delle credenziali ed è perciò indispensabile che tu sappia qual è il livello di cui hai bisogno per i servizi che dovrai utilizzare: 

SPID livello 1: il livello base di SPID che permette di effettuare l’accesso con nome utente e password; SPID livello 2: utilizzato per servizi per cui c’è bisogno di un grado di sicurezza maggiore, richiede un ulteriore step attraverso la generazione di un codice temporaneo (OTP, one time password) oppure tramite App da smartphone; SPID livello 3: oltre a nome utente, password e codice OTP richiede ulteriori soluzioni di sicurezza, tra cui supporti fisici come smart card che vengono erogate dal gestore di identità.

Normalmente, per il cittadino (SPID per uso privato) basterà procedere con la creazione di credenziali di SPID di livello 1. 

Come richiedere SPID gratuito online: requisiti e documenti necessari

I passaggi per richiedere SPID gratuito online non sono molti e possono essere effettuati da tutti i cittadini una volta compiuti i 18 anni di età.

Il primo step è collegarsi al sito del governo appositamente creato per SPID, avendo a portata di mano i seguenti documenti: 

un documento di riconoscimento (carta d’identità, passaporto, patente ecc.); tessera sanitaria e codice fiscale; una e-mail e un numero di telefono.

Il secondo step è consultare le diverse offerte proposte dagli identity provider della lista dei gestori di identità abilitati e scegliere quello che maggiormente si adatta alle proprie esigenze. Dopodiché collegarsi al sito dell’identity provider scelto. 

Sul sito di ognuno dei gestori d’identità potrai effettuare la procedura di registrazione che comporta l’inserimento dei dati anagrafici, la creazione delle credenziali SPID e, infine, la procedura per il riconoscimento che verrà effettuata secondo la propria scelta (via web, di persona, audio-video con bonifico oppure tramite CIE, CNS o firma digitale). 

SPID online gratuito: perché è importante SPID e a cosa serve 

Munirsi di SPID è diventato fondamentale al giorno d’oggi, dal momento che ormai tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione saranno utilizzabili solo accedendo o con SPID, o con CIE o con CNS

Inoltre SPID offre innumerevoli vantaggi anche ai cittadini, garantendo alti livelli di sicurezza.

Con SPID sarà possibile accedere e utilizzare i servizi di enti come l’Agenzia delle Entrate, per usufruire dei servizi online, per esempio il 730 precompilato, o INPS per richiedere bonus, inviare pratiche, consultare il cedolino della pensione e così via. 

Non solo. Proprio durante lo scorso mese sono stati molti i docenti, ancora non in possesso di credenziali SPID, a dover attivare il Sistema Pubblico di Identità Digitale per poter usufruire della Carta del Docente.