L’identità digitale meglio nota come SPID, è un servizio che serve a tutti i cittadini italiani per accedere ai servizi online legati alla pubblica amministrazione

Assieme allo SPID troviamo anche la CIE (carta d’identità elettronica), entrambi saranno a breve gli unici strumenti disponibili per accedere ai servizi online della pubblica amministrazione. 

Questi due strumenti sono stati molto utili a tantissimi italiani per svolgere le prenotazioni e le compilazioni di determinati servizi online, si può fare la richiesta attraverso tantissimi portali e provider diversi, uno dei metodi sicuramente più utilizzati è quello tramite Poste Italiane.

Il servizio delle poste è sempre stato molto semplice e soprattutto gratuito, in modo da poter raggiungere una fascia di popolazione sempre più ampia; da poco tempo però la creazione del proprio SPID tramite i servizi di Poste Italiane è diventato a pagamento

Vediamo assieme nel corso di quest’articolo cosa è cambiato nell’attivazione del proprio SPID con Poste Italiane, come fare per attivarlo e soprattutto quanto costerà questo servizio. 

Spid: come funziona l’identità digitale 

L’acronico SPID sta per Sistema Pubblico di Identità Digitale, e consiste in un sistema che permette ai cittadini di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione attraverso i canali telematici

Vengono fornite delle credenziali, uniche per ogni cittadino, che si utilizzano allo stesso modo per accedere a diverse piattaforme a seconda del servizio della quale vogliamo usufruire. 

SPID è un servizio riservato a tutti i cittadini maggiorenni e da la possibilità di accedere anche ai servizi della Pubblica Amministrazione europea; recentemente è stato reso possibile l’accesso anche ai cittadini minorenni purché in possesso di delega. 

Per attivare lo SPID bisogna far riferimento ad un provider ovvero un gestore che si occupa di organizzare e conservare tutte le varie identità e le loro credenziali, fornendo anche un alto livello di sicurezza. 

La sicurezza dello SPID è legata ad un sistema a due fattori, consentendo al cittadino di avere la massima sicurezza rispetto ai suoi dati sensibili. 

Come abbiamo visto in precedenza lo SPID serve per accedere a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione su tante piattaforme differenti sia per quanto riguarda i servizi offerti dallo stato che da enti privati equivalenti, per il controllo della propria situazione pensionistica o relativamente alla propria condizione fiscale.

Uno dei provider più utilizzati fin ora è stato quello di Poste Italiane, questo perché fino a poco tempo fa era l’unico provider gratuito, il servizio di Poste Italiane per l’attivazione dello SPID è stato messo però anche lui a pagamento, vedremo nel corso dell’articolo quanto costa il servizio e come funziona. 

Spid: a quali servizi si può accedere con l’identità digitale

Come abbiamo visto lo SPID serve per accedere ai servizi della PA, sia quelli offerti dallo stato che da società esterne come per i servizi di Poste Italiane. 

Con SPID si può tranquillamente accedere al proprio fascicolo fiscale, tramite l’Agenzia delle Entrate, verificare il proprio stato e sapere se ci sono delle tasse o dei contributi da versare, oppure sapere se abbiamo a nostra disposizione delle agevolazioni concesse dallo stato.

Da un punto di vista sanitario è inoltre possibile prenotare esami e visite mediche, direttamente presso gli ospedali di riferimento grazie al Sistema Sanitario Nazionale, con lo SPID sarà tutto più semplice avendo già i nostri dati registrati e di conseguenza si possono evitare moltissime code ed accorciare le tempistiche di prenotazione. 

Un altro servizio molto utile legato allo SPID è quello della Dichiarazione dei Redditi, infatti con l’identità digitale è possibile visionare la propria dichiarazione e avere sempre tutti i dati relativi a scadenze e cambiamenti rispetto alla propria situazione fiscale alla portata di mano. 

Per quanto riguarda i servizi di Poste Italiane è possibile con SPID accedere a molti diversi servizi, sempre online e da casa propria; vediamo assieme quali sono: 

  • Si può accedere comodamente a MyPoste, il servizio online delle poste che permette di visionare tutte le funzionalità legate al proprio account;
  • si possono visionare i propri dati sanitari ed anagrafici, con la possibilità di richiedere anche dei certificati ed accedere ai vari servizi;
  • si possono ritirare comodamente online tutte le raccomandate a noi indirizzate. 

Spid: come utilizzarlo per i servizi dell’Unione Europea

Ebbene si, l’identità digitale è usufruibile anche per molti servizi dell’Unione Europea, infatti, da quando è nato nel 2018 moltissimi servizi che hanno un proprio portale web consentono di accedere utilizzando lo SPID. 

I servizi pubblici che hanno deciso di aderire a quest’iniziativa fanno parte di un’associazione la European Land Data Assimilation System (eIDAS); essere parte di questo gruppo vuol dire dover rispettare determinate norme in fatto di sicurezza rispetto alla protezione dei propri dati personali, ed è per questo che ne fanno parte tantissimi servizi della Pubblica Amministrazione. 

Aver dato la possibilità di accedere a questi servizi dell’Unione Europea con SPID è un grande successo nei confronti della digitalizzazione del nostro paese, in quanto per potervi accedere bisogna possedere un elevata sicurezza, che lo SPID italiano possiede in quanto utilizza una doppia chiave di accesso. 

Anche i cittadini italiani non residenti in Italia possono usufruire dello SPID, l’unica condizione è quella di essere iscritti presso AIRE, infatti è proprio attraverso il loro sito che si può creare e in seguito accedere alla propria identità digitale. 

Non è invece possibile accedere allo SPID a tutti i cittadini che risiedono in Italia ma che non sono cittadini italiani, neanche con un regolare permesso di soggiorno, fino a che non possiedono la cittadinanza non potranno usufruire del servizio. 

Spid: cosa è cambiato nella gestione del provider di Poste Italiane

La notizia che sicuramente più è circolata nelle ultime settimane riguarda il passaggio nella gestione dello SPID da parte di Poste Italiane, in quanto il servizio da novembre 2021 non è più gratuito ma a pagamento. 

Vediamo assieme come si può attivare quindi SPID con Poste Italiane; innanzitutto bisogna essere in possesso della propria carta d’identità, tessera sanitaria, un indirizzo e-mail valido ed un recapito telefonico

Si può a questo punto accedere alla sezione dedicata del sito di Poste Italiane per la creazione dello SPID, nella prima parte vi verrà chiesto di scegliere un’opzione di identificazione, questo serve per verificare la vostra identità, una delle opzioni possibili è quella presso un ufficio postale

Se avete scelto quest’opzione il costo del servizio sarà pari a 12 euro, e dopo aver inserito i propri dati personali si potrà scegliere l’ufficio postale di riferimento, giorno ed orario presso la quale presentarsi per effettuare le verifiche. A questo punto saranno forniti via mail la propria username e password per poter usufruire a tutti i servizi legati allo SPID. 

La seconda opzione è quella di effettuare tutta la procedura online utilizzando la Carta d’Identità Elettronica o il passaporto elettronico, in questo caso basterà scannerizzare il documento e una volta che i dati verranno verificati si otterranno le credenziali di accesso. 

Attenzione però, bisogna essere in possesso del proprio PIN, senza del quale bisognerà pagare un costo di servizio pari a 10 euro a Poste Italiane per poter continuare con la procedura. 

Esiste un ultimo metodo per ottenere lo SPID, il bonifico bancario, questa procedura risulta essere un po’ complessa ed ha un costo pari a 10 euro, bisognerà inviare foto e registrare un video sempre all’interno della sezione dedicata di Poste Italiane, successivamente inviare il bonifico con il pagamento, sono validi solo i bonifici SEPA e con IBAN nazionali. 

Spid alle poste: è possibile averlo ancora gratuitamente?

È ancora possibile creare il proprio SPID con Poste Italiane gratuitamente, basta seguire alcuni accorgimenti che vi elenchiamo di seguito. 

È possibile ottenere lo SPID gratuitamente con Poste Italiane se possediamo un conto Banco Posta oppure una Postepay, questo perché bisogna avere un numero di telefono registrato e certificato con Poste Italiane. Con questo metodo si può accedere direttamente con le proprio credenziali e successivamente attivare lo SPID in modo rapido e semplice. 

Abbiamo già accennato in precedenza alla modalità di accesso con la Carta d’Identità Elettronica, in questo caso se abbiamo con noi il nostro PIN la richiesta sarà totalmente gratuita e non dovremmo pagare nulla, bisognerà semplicemente utilizzare un’applicazione apposita che permette di scannerizzare la propria Carta o il proprio passaporto elettronico, una volta verificati si ottengono le credenziali di accesso. 

Esistono infine altri due metodi, il primo si riferisce a tutti coloro che possiedono un lettore Bancoposta oppure una carta Postamat, in questo caso basterà come sempre accedere alla sezione del sito con le proprio credenziali di accesso normali, ed utilizzare il proprio lettore per scannerizzare la carta, a questo punto verrà inviato un codice, direttamente sul lettore, che permetter di attivare gratuitamente lo SPID. 

L’ultimo metodo riguarda un altro codice PIN, quello relativo alla Carta Nazionale dei Servizi, è possibile ottenerlo facendo richiesta al sito della propria regione, una volta ottenuto può essere utilizzato per molti servizi, tra cui lo SPID. Si potrà accedere al sito delle poste con il lettore smart-card all’interno della quale inserire la Carta Nazionale e inserire così tutti i documenti richiesti per ottenere lo SPID gratuitamente. 

Ma se io voglio attivare il mio SPID di persona presso gli sportelli devo per forza pagare? 

In realtà esiste un ultimo metodo relativo all’attivazione dello SPID con l’identificazione di persona; infatti, basterà selezionare come scelta per identificarsi quella di recarsi presso un ufficio della Pubblica Amministrazione autorizzato. 

In questo caso si potrà andare in uno degli sportelli autorizzati ed eseguire l’operazione gratuitamente, basta portare con sé il proprio codice fiscale e il codice che viene rilasciato in fase di iscrizione, a seguito delle verifiche la procedura si può dire conclusa.