Spread: che cos'è e come calcolarlo con un metodo semplice?

Lo spread è un termine che è particolarmente usano nel mondo della finanza e si riferisce alla differenza tra due valori. Vediamo nel dettaglio che cos’è, come si calcola e quali sono le sue diverse tipologie.

Image

Quando si effettuano degli investimenti, in particolar modo nel trading online sia che si tratti di spread betting o di trading di CFD​ (contratti per differenza), lo spread rappresenta la differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita per un particolare asset. 

Il prezzo al quale acquisti (prezzo bid) è sempre superiore al prezzo al quale vendi (prezzo ask) e il prezzo di mercato sottostante sarà generalmente posto nel mezzo tra questi due prezzi.

Uno dei valori di spread più conosciuti a livello italiano è lo spread BTP Italia 10 anni che è spesso associato allo spread BTP/Bund che:

indica la differenza tra il rendimento offerto dal BTP (Buono del tesoro pluriennale)* a 10 anni e il suo analogo tedesco, il Bund. 

Gli spread di trading sono implementati da market maker, broker e altri fornitori per aggiungere costi a un'opportunità di trading, in base alla domanda e all'offerta. A seconda di quanto sia costosa, volatile e liquida un'attività, lo spread oscillerà insieme al prezzo dell'attività e al volume degli scambi.

La definizione di spread

La parola "spread" presenta una varietà di definizioni in diverse aree della finanza, ma il concetto fondamentale è quello di rappresentare una differenza tra due prezzi

Lo spread nel trading ne è un esempio, in cui l'acquisto di un bene e la vendita di un altro avviene simultaneamente con un'opzione o un contratto a termine. Lo spread, in questo caso, è la differenza tra il prezzo bid e ask.

Per comprendere meglio che cos’è lo spread, consigliamo la visione del seguente video altamente informativo pubblicato all’interno del canale YouTube Te Lo Spiego:

Che cos'è lo spread?

In termini finanziari, la definizione di spread è la differenza tra il prezzo bid e il prezzo ask di un bene, un titolo o una merce. È un termine che viene utilizzato in modo trasversale nel settore finanziario. 

Nel trading azionario è la differenza tra i prezzi ask e bid per un'azione. 

Nel trading a termine, si riferisce alla differenza di prezzo per la stessa merce tra i mesi di consegna. 

Nel trading di obbligazioni, si riferisce alla differenza di rendimento tra obbligazioni con scadenze diverse e qualità simile o viceversa.

In breve, la definizione dello spread è la differenza tra due quantità correlate. Per gli investitori, queste differenze possono fornire un'opportunità commerciale.

In senso generale, la definizione dello spread è semplicemente la differenza tra due misure.

  • Nei mercati azionari, è la differenza tra il prezzo ask od offer che un trader è disposto a pagare quando acquista azioni e il prezzo a cui intende venderle.
  • Nei mercati valutari si applica lo stesso principio. Lo spread è il costo per i trader e il profitto per i dealer.
  • Lo spread ha un significato leggermente diverso nei mercati obbligazionari e in titoli a reddito fisso simili. Pur denotando ancora differenza, si riferisce alla differenza nei rendimenti di obbligazioni simili. Ad esempio, se il rendimento di un'obbligazione del Tesoro statunitense è del 5% e quello di un'obbligazione del governo del Regno Unito è del 6%, lo spread è dell'1%. Con le obbligazioni può riferirsi anche alla differenza di rendimento su titoli di diversa qualità, ma con la stessa data di scadenza. Ad esempio, un'obbligazione ad alto rendimento che paga il 9% e un'obbligazione del Tesoro statunitense del 5%, ha uno spread del 4%.
  • Nei futures, lo spread è la differenza tra i prezzi della stessa merce o titolo a date di consegna diverse. Ad esempio, nei contratti futures sul grano, c'è generalmente uno spread tra il prezzo dei contratti futures sul grano di gennaio e quelli di ottobre. I cambiamenti nel mercato, in questo caso il mercato del grano, fanno sì che lo spread si restringa e si allarghi.

Il bid-ask spread, noto anche come bid-offer spread o buy-sell spread, si riferisce alla differenza tra i prezzi quotati, in un order book o da un market maker, per la vendita immediata (bid) e l'acquisto immediato (ask) di un bene. Le attività in questione potrebbero essere azioni, opzioni, contratti futures o valute.

Ad esempio, se il prezzo ask per un'azione è $ 12 e il prezzo bid per lo stesso titolo è $ 10,50, lo spread bid-ask per quel titolo è $ 1,50.

Alcuni mercati hanno più liquidità di altri. Il mercato valutario, ad esempio, è generalmente considerato il più liquido del mondo finanziario. Lo spread bid-ask del mercato valutario è molto piccolo, intorno allo 0,001%, il che significa che lo spread può essere misurato in cent o frazioni di cent. Le azioni a bassa capitalizzazione e altre attività meno liquide possono avere uno spread dell'1 o del 2% del prezzo minimo richiesto di tale attività.

Uno spread trade, o commercio di valore relativo, è ciò che accade quando un investitore acquista e vende contemporaneamente due titoli correlati che sono stati raggruppati insieme come una singola unità. Ogni transazione in uno spread trade è nota come "leg".

L'idea alla base dello spread trading è quella di creare un profitto dallo spread (la differenza) tra le due gambe. Di solito le gambe di uno spread trade sono future e opzioni.

Il motivo per cui gli scambi di spread vengono eseguiti come una singola unità è triplice. In primo luogo, garantisce il completamento sincronizzato del commercio. In secondo luogo, elimina il rischio che una gamba non venga eseguita. E in terzo luogo, consente al trader di sfruttare lo spread mentre si restringe e si allarga, invece di essere attaccato alle fluttuazioni di prezzo delle gambe.

Esistono tre tipi principali di spread trade:

  • Spread di calendario: vengono effettuati in base alla performance di mercato attesa di un'attività o di un titolo in una data specifica, rispetto alla performance dell'attività in un altro momento. Ad esempio, futures sul grano di gennaio e futures sul grano di ottobre
  • Spread intercommodity: riflettono la relazione economica tra due merci comparabili, ma diverse. Ad esempio, il rapporto storico tra i prezzi dell'argento e dell'oro
  • Spread delle opzioni: possono essere alquanto complicati. Fondamentalmente, derivano dall'acquisto e dalla vendita dello stesso titolo, ma in diversi "punti di attacco"

Lo spread di rendimento, o credit spread, si riferisce alla differenza tra i tassi di rendimento quotati in un order book o da un market maker tra due diversi investimenti. Viene spesso utilizzato come indicatore di rischio per un prodotto di investimento rispetto a un altro.

L'espressione "differenza di rendimento di X su Y" è usata da alcuni analisti finanziari per riferirsi alla differenza percentuale annua di "rendimento alla scadenza" tra due strumenti finanziari, X e Y.

Per creare uno sconto sul prezzo di un titolo, in modo che possa essere abbinato al prezzo di mercato attuale, è necessario sommare lo spread di rendimento e una curva di rendimento di riferimento. Questo prezzo appena aggiustato è noto come spread corretto per le opzioni ed è generalmente utilizzato con obbligazioni, derivati ​​su tassi di interesse, opzioni e titoli garantiti da ipoteca (MBS).

Lo Z-spread, noto anche come spread della curva dei rendimenti, Z SPRD o spread a volatilità zero, viene utilizzato insieme agli MBS. Si riferisce allo spread risultante dall'uso di una curva dei rendimenti del Tesoro zero coupon, necessaria per lo sconto di un programma di flussi di cassa predeterminato per raggiungere il suo prezzo di mercato attuale.

Lo spread di credito si riferisce alle differenze di rendimento tra un titolo di debito e un Buono del Tesoro statunitense che hanno la stessa scadenza, ma qualità diversa.

Il termine viene utilizzato anche come strategia di opzioni in base alla quale viene acquistata un'opzione a premio basso e un'opzione a premio elevato viene venduta sullo stesso asset sottostante.

Come calcolare lo spread?

Uno spread nel trading viene calcolato come la differenza tra il prezzo bid e ask di un'attività finanziaria, che si tratti di una coppia di valute, di un indice o di una merce. Questo valore è anche chiamato spread bid-ask.

La diffusione di uno strumento è una rappresentazione di quanto siano strettamente allineate la domanda e l'offerta.

Se lo spread bid-ask è molto basso, c'è un consenso comune sul prezzo di un asset. Tuttavia, se ci sono alcune disparità tra le opinioni di acquirenti e venditori sul valore di un asset, lo spread è generalmente più ampio.

Ad esempio, supponiamo che un asset abbia:

  • Un prezzo di acquisto (offerta) di 1449,5
  • Un prezzo di vendita (chiesta) di 1451,1

Lo spread è, quindi pari, alla differenza tra prezzo di acquisto e di vendita, cioè 1451,1 - 1449,5 uguale a 1,6 punti.

Come funziona lo spread negli investimenti?

La diffusione è un'informazione cruciale da tenere presente quando si analizzano i costi di negoziazione. Lo spread di uno strumento è un numero variabile che influisce direttamente sul valore dell'operazione.

Gli spread sono costruiti attorno al prezzo corrente o al prezzo di mercato di un asset. Market maker e broker possono aggiungere alcuni costi di transazione allo spread per semplificare il processo di transazione, che può essere particolarmente dominante quando si opera con i contratti a termine e con i futures.

Molti sono i fattori che influenzano lo spread nel trading, i principali sono:

  • Liquidità. La liquidità è determinata dal volume degli scambi. Un'attività liquida può essere facilmente convertita in contanti, mentre ciò è più difficile per un'attività illiquida. Le attività meno comunemente negoziate tendono ad avere uno spread più ampio, mentre le attività comunemente negoziate tendono ad avere uno spread più stretto.
  • Volatilità. Quando i mercati fluttuano con movimenti di prezzo ampi e rapidi, lo spread è generalmente molto più ampio. I market maker possono sfruttare la volatilità come un'opportunità per aumentare i propri spread e i trader tenteranno di trarre profitto dalle relative fluttuazioni.
  • Prezzo. Collegato sia alla liquidità che alla volatilità, quando il prezzo di un asset è basso, la volatilità è molto più alta mentre la liquidità è molto più bassa, il che provoca uno spread più ampio. Il contrario, invece, si verifica quando un bene è più costoso.

Una strategia semplice di spread

Le più conosciute strategie di spread delle opzioni si basano su acquisti e vendite simultanei della stessa opzione di classe sullo stesso titolo base, ma con date di scadenza diverse o con un prezzo di esercizio diverso.

Uno spread rialzista significa che acquisterò un'opzione call in-the-money e venderò un'opzione call out-of-the-money. Questa è generalmente una buona strategia per sfruttare il prezzo delle azioni di un asset che aumenta moderatamente nel corso di alcuni mesi.

Immaginiamo che il prezzo delle azioni del nostro titolo scelto sia stato scambiato intorno a $ 800. Potrei inserire uno spread di call rialzista acquistando una call che è già in the money (ITM). Ciò significa che il prezzo di esercizio, ad esempio $ 760 per azione, è inferiore al prezzo dell'azione di $ 800. Allo stesso tempo, scriverei una chiamata per la stessa data di scadenza che è out of the money (OTM) con un prezzo di esercizio di circa $ 825.

La chiamata in-the-money dovrebbe costarmi circa $ 55, mentre la chiamata out-of-the-money mi addebiterà circa $ 20. Il mio debito per entrare in questo trade è di $ 55 meno $ 20, che equivale a $ 35. Questi prezzi sono da considerare per ciascuna azione. I contratti di opzione sono generalmente scritti per 100 azioni. Pertanto, il mio addebito totale all'inizio di questa strategia sarà di $ 3.500.

A questo punto, è importante capire come appaiono gli spread delle opzioni, quali sono alcuni dei costi e dei benefici e perché dovresti usare gli spread delle opzioni. Il vantaggio principale del bull call spread è che si riducono le spese per l'acquisto di una call vendendo una call out of the money.

Potresti notare che si è anche ridotto il potenziale rialzo rispetto all'acquisto di una semplice opzione call. Questo è assolutamente corretto. Tuttavia, con il trading di spread di opzioni, l’obiettivo non è quello di estrarre il massimo guadagno possibile solo dalle operazioni di successo. Il trading di spread di opzioni è una strategia a lungo termine con l'obiettivo di ridurre il rischio e aumentare le probabilità di profitto su ogni singola operazione.

E se credessi che i prezzi delle azioni di un'azione siano aumentati troppo, troppo velocemente e potrebbe essere pronti a scendere? Questa è una posizione ribassista e sarà opportuno andare short sulle stock option. In questo caso, si utilizza uno spread di call ribassista. Uno dei principali vantaggi del bear call spread è che il profitto viene realizzato immediatamente: si compra una call out-of-the-money e si vende una call in-the-money.

Queste due strategie di spread di opzioni ti danno un'idea di base di ciò che puoi ottenere con il trading di spread di opzioni. Queste strategie limitano il potenziale di profitto su ogni singola operazione, ma il trading di spread su opzioni limita anche il rovescio della medaglia e riduce al minimo il rischio di perdita. L'obiettivo principale del trading di spread su opzioni è generare profitti sostenibili con il minimo rischio.