ABB è la seconda azienda al mondo nella robotica e la numero uno in Cina. Questo segmento genera da solo il 9% del suo giro d’affari e, insieme a quello dell’industria dell’automazione, rappresenta il 60% circa del fatturato. Gli analisti stimano che questi due business da soli abbiano il potenziale per produrre una crescita dei ricavi superiori a quella del Pil globale. “Le nostre previsioni indicano per il gruppo svizzero un aumento medio del fatturato del 4% nei prossimi cinque anni. Ci aspettiamo che la divisione della robotica sovraperformi grazie all’ingresso in nuovi settori, oltre a quello dell’auto e dell’elettronica. L’azienda ha iniziato a lavorare all’espansione del suo mercato, ma le potenzialità sono molto alte e ABB potrebbe fare molto meglio. I risultati di questo segmento potrebbero modificare in maniera sensibile la nostra valutazione, in base alle nostre stime se la robotica crescesse al doppio rispetto a quanto previsto attualmente il fair value, ora pari a 25 franchi svizzeri, salirebbe del 7%”, dice Denise Molina, analista azionaria di Morningstar (report aggiornato al 23 ottobre 2019).

Il Moat di ABB

Gli analisti di Morningstar riconoscono ad ABB un Economic Moat elevato per via del forte potere contrattuale che l’azienda riesce a esercitare sui clienti. In tutti i segmenti in cui è attiva, infatti, il gruppo svizzero offre prodotti fortemente integrati con i processi produttivi delle aziende cliente e questo le permette di ricava mark-up elevati sui prezzi di vendita.

Nel segmento power grids, legato all’infrastruttura per la trasmissione e la distribuzione di elettricità, i suoi clienti sono prevalentemente le utility del settore elettrico, le quali hanno l’esigenza di avere strumenti affidabili che permettano loro di monitorare e programmare il passaggio da una fonte di energia all’altra. Trattandosi di servizi di pubblica utilità non possono permettersi di scegliere fornitori poco affidabili. Nel segmento dell’automazione industriale, i suoi partner sono principalmente le aziende del settore energetico e dell’industria navale, le quali hanno processi produttivi potenzialmente pericolosi e, anche qui, hanno bisogno di partner di cui fidarsi.