Investv, la trasmissione quotidiana dedicata alle strategie operative dei top trader italiani. Scopri ogni giorno alle ore 10 in diretta su certificati.vontobel.com le idee di trading dei migliori operatori di mercato su indici di Borsa, azioni, materie prime e valute. Clicca qui per iscriverti alla Newsletter.

Fabio Michettoni (Squadra Azzurra) Turbo Certificate Long su EUR/USD - ISIN DE000VE55XT9. Per Fabio Michettoni l’operazione è un Long sul tasso di cambio EUR/USD con Ingresso a 1,0988, Stop Loss a 1,0870 e Target a 1,1019. Il trader afferma che, malgrado l’euro sia debole rispetto al dollaro, sia in corso una fisiologica accumulazione di dollari da parte soprattutto del Sud-Est asiatico. Inoltre, questo fenomeno comportebrebe anche degli svantaggi per l’economia americana, che avrebbe bisogno di un dollaro meno forte. A livello tecnico, il tasso di cambio è su un livello di supporto strategico tra 1,05 ed 1,06, dove passa una trend-line di lunghissimo periodo risalente agli anni ’80, che lascia propendere il trader per un potenziale recupero da parte dell’euro. Il trader, che si dichiara un operatore contrarian, cerca di sfruttare gli eccessi del mercato per operare durante il ritorno ad una condizione di equilibrio.

Eugenio Sartorelli (Squadra Gialla) Leva Fissa 7X Short su ESX - ISIN DE000VE1F7M6. Il trader sceglie uno Short sull’indice EuroStoxx 50 con Ingresso a 3.784, Stop Loss a 3.806 e Target a 3.750. Secondo Sartorelli, sui mercati globali è in corso un deciso mispricing, determinato dalle iniezioni di liquidità delle Banche Centrali dai divieti di vendita importi agli hedge fund dal governo cinese. Secondo il trader, l’unico mercato che sta prezzando correttamente il fenomeno del corona-virus e le sue conseguenze è quello delle materie prime, che scendono drasticamente perché non influenzate dalle banche centrali. A livello tecnico, il trader individua due doppi massimi, sia della giornata odierna sia di ieri, e dalla sua analisi ciclica identifica il potenziale inizio di una fase di debolezza sull’indice, che sposta le probabilità verso dei ribassi. A livello operativo, lo Stop Loss è fissato al di sopra dei doppi massimi, perché il trader vuole aspettare una conferma prima di uscire dal proprio Short. Dall’analisi volumetrica del trader emerge come si siano formati dei vuoti volumetrici durante la salita dell’indice, con dei punti di attrazione su livelli di 3.750 e 3.730. Il trader spiega inoltre la propria regola d’oro: la sua tecnica è spostare lo stop loss sulla pari nel momento in cui il guadagno in corso eguaglia il rischio iniziale dell’operazione. Per Sartorelli, infatti, è di fondamentale importanza non chiudere in perdita dei trade con i quali si è raggiunto un profitto equivalente al rischio iniziale.