Investv, la trasmissione quotidiana dedicata alle strategie operative dei top trader italiani. Clicca qui per iscriverti alla Newsletter.

Paolo Serafini (Squadra Azzurra) Leva Fissa su 7X Long Index linked to S&P 500 - Index ISIN DE000VF3GTE0. Paolo Serafini decide di operare Short sull’indice S&P500, con Ingresso a 3.377,5, Target a 3.360 e Stop Loss a 3.388. Il trader ritiene che la forte volatilità con accelerazione al ribasso della sessione di ieri sull’indice americano, sia da non sottovalutare, nonostante la seduta del venerdì sia tipicamente caratterizzata da bassa volatilità e mercati tendenzialmente neutri. Il rapporto Rendimento-Rischio è leggermente superiore ad 1, e Serafini ha deciso di fissare il proprio Stop Loss su un livello piuttosto largo rispetto all’ingresso, proprio a causa dell’aumentata volatilità. Il trader conferma di aver valutato anche un potenziale Long dai minimi di ieri per cercare di sfruttare un eventuale re-test, tuttavia è prevalso il bias ribassista, trattandosi di una strategia intraday. Inoltre, il forte movimento rialzista dell’oro concorre nel rinforzare la strategia ribassista sull’indice, trattandosi del bene rifugio per eccellenza che ha, quasi sempre, mostrato correlazione negativa con gli indici azionari.

Eugenio Sartorelli (Squadra Gialla) Leva Fissa 7X Short su ESX - ISIN DE000VE1F7M6. Eugenio Sartorelli sceglie un trade Short sull’indice EuroStoxx 50, con Ingresso a 3.789, Target a 3.740, e Stop Loss a 3.821. Sartorelli dichiara che la giornata odierna è ideale per entrare al ribasso potenzialmente su qualsiasi indice azionario. Dal suo punto di vista, infatti, la fase attuale non può che essere di estrema ed ingiustificata euforia, come mostra ad esempio il mercato cinese che ha recuperato l’intera perdita subita dopo la diffusione del coronavirus ed ha chiuso 13 delle ultime 15 sessioni in positivo. Inoltre, il trader evidenzia la necessità di una correzione ciclica, sia sul brevissimo che sul medio periodo, aggravata dal fatto che i dati degli ultimi giorni, negativi per la maggior parte, sono stati del tutto ignorati dai mercati.