Stufa a Pellet, come si abbassa e regola la temperatura? Ecco come farlo

La temperatura della stufa a pellet può essere facilmente abbassate e regolata: ecco come farlo in maniera semplice.

Ormai è abbastanza noto, la stufa a pellet è diventata negli ultimi anni la soluzione complementare di riscaldamento preferita dalle famiglie italiane.

Tale crescita delle vendite è da ricercarsi soprattutto nella riduzione del prezzo di vendita della biomassa che è scesa sotto i 6 euro a sacchetto.

Sono preferite anche rispetto alla stufa a gas e a quelle elettriche proprio per il risparmio che esso producono: circa il 30%.

Ma intanto l’arrivo del mese di marzo 2024 fa preoccupare e non poco gli italiani: infatti scade il 29 febbraio la possibilità di usufruire dell’Iva ridotta al 10% sulla biomassa con un ritorno all’applicazione dell’Iva ordinaria a partire dal 1 marzo 2024.

Ciò dovrebbe provocare importanti ripercussioni sull’intero settore del pellet, a partire dalla produzione del combustibile fino a quello delle stufe.

Proprio in vista di un possibile aumento sono tanti gli italiani che si chiedono quali sono le abitudini da adottare al fine di ottimizzare l’uso di questi apparecchi. 

Non tutti lo sanno ma basta osservare alcune semplici accortezze tra cui l’impostazione della giusta temperatura a cui far lavorare l’apparecchio.

 Ecco, allora, come gestire ed impostare al meglio la temperatura della stufa a pellet.

Stufa a Pellet, ecco come si abbassa e regola la temperatura

Sono tanti gli italiani che in questi ultimi tempi hanno implementato i loro impianti di riscaldamento che le moderne stufe a pellet.

Si tratta di soluzioni certamente più sicure rispetto alle tradizionali stufe a legna e ai sistemi a gas e rappresentano un’ottima soluzione per riscaldare le nostre abitazioni, tanto che negli ultimi tempi la loro vendita è aumentata di un +21% rispetto al 2009.

Ma qual è la temperatura ideale da impostare per poter ottenere del risparmio dal suo utilizzo?

La prima cosa da dire è che con le moderne stufe a pellet è possibile regolare la temperatura grazie al dispositivo presente sul pannello di controllo.

Questo permette di impostare la temperatura e i tempi grazie all’accensione automatica e al consumo di pellet ottimizzato. La gestione elettronica della stufa permette di evitare sprechi, ma anche di monitorare l’apparecchio e le sue funzionalità.

Inoltre permette di gestire gli orari di accensione, mantenimento e spegnimento, anche grazie alla possibilità di accedere a delle app da cellulare.

Inoltre non è opportuno superare i 20-22 gradi: questo per differenti motivi tra cui il rispetto dell’ambiente e la tutela della salute di chi abita in casa.

Una temperatura troppo alta genera inoltre un maggiore consumo di pellet e ciò si traduce anche in un maggiore inquinamento.

Va sottolineato che ad inquinare è l’uso di apparecchi vecchi e non correttamente installati.

Va detto inoltre che temperature oltre i 22 gradi possono provocare anche problemi respiratori dovuti all’aria secca.

Stufa a pellet, attenzione al tipo di combustibile che si usa

Per ottimizzare la resa della stufa a pellet è necessario considerare però alcuni elementi come  la tipologia di pellet da usare.

Non tutti i pellet hanno lo stesso potere calorifico, ad esempio il pellet di faggio  è più potente di abete.

Il consiglio è scegliere un pellet con una determinata percentuale di umidità: un pellet troppo umido  non garantisce una corretta combustione.

Ciò provoca danni all’impianto generando costi di riparazione e di manutenzione sempre più alti.

Il consiglio è quello di acquistare pellet, con una percentuale di umidità inferiore al 10%.

Attenzione all’accensione

Tra le tante accortezze è importante prestare attenzione anche alla fase di accensione e al bruciatore.

Questo perché il momento in cui si consuma maggior combustibile è il momento dell’accensione.

Quindi meglio impostare in questa fase la stufa a pellet alla potenza massima così che gli ambienti si riscalderanno in maniera veloce ed una volta raggiunta la temperatura questa potrà essere impostata ad un certo livello evitando così lo spreco di Pellet, e di conseguenza risparmiando.

 

Achiropita Cicala
Achiropita Cicala
Collaboratore giornalistico, classe 1985.Ho una laurea magistrale in Economia Applicata, conseguita presso l'Università degli Studi della Calabria. A percorso universitario ultimato, ho approfondito sul campo le competenze acquisite in Finanza e Statistica presso alcuni studi commerciali. Attualmente, collaboro con diverse testate giornalistiche online per le quali scrivo, con flessibilità, di argomenti che spaziano dall'economia alla politica, dal mondo della scuola a quello dell'amministrazione pubblica. Passioni? La scrittura in primis, la grafica in secundis!
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
776FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate