L’apprendistato professionalizzante è un contratto che prevede un obbligo di formazione da parte dell’azienda. E alla scadenza può diventare automaticamente un rapporto a tempo in determinao. Una ricerca dice che può creare occupazione permanente.

L’importanza della formazione

Negli ultimi decenni, nel mercato del lavoro italiano, la forma tradizionale di rapporto di lavoro a tempo indeterminato è stata progressivamente sostituita da numerosi contratti alternativi a tempo determinato.

I contratti a termine potrebbero agevolare l’ingresso nel mercato del lavoro dei giovani, facendo acquisire loro esperienza lavorativa. Tuttavia, la realtà è più complicata. I contratti di breve o brevissima durata esistono in quanto utili a soddisfare temporanee esigenze produttive delle imprese. Di conseguenza, possono verificarsi numerose transizioni da un contratto a termine a un altro. La durata breve del contratto scoraggia inoltre imprese e lavoratori a investire in formazione. Il contratto di apprendistato professionalizzante potrebbe invece avere un vantaggio rispetto agli altri nel creare occupazione permanente.

Un contratto di apprendistato professionalizzante può essere stipulato fino al giorno prima del compimento di 30 anni da parte del lavoratore e differisce da uno temporaneo di pari durata per l’obbligo di formazione del lavoratore e per la conversione automatica in un tradizionale contratto permanente al termine del periodo di formazione in assenza di notifica di cessazione. Immediata implicazione è il beneficio di un periodo di prova esteso all’intera durata del periodo di formazione.