Se vuoi installare delle zanzariere nuove in casa, c’è un bonus che ti permette di ottenerle gratis. Ecco come funziona e qual è l’unico requisito da rispettare.

Rientra tra le agevolazioni per la casa anche il cosiddetto bonus zanzariere: si tratta di una misura minore, legata a quelle più note.

Grazie all’agevolazione, si possono installare determinati prodotti in maniera totalmente gratuita nel rispetto di un requisito.

Ma, anche nel caso in cui tale requisito non venga rispettato, c’è comunque una seconda possibilità per ottenere uno sconto del 50%.

Nel peggiore dei casi, quindi, si pagherà solamente la metà del prezzo previsto.

Cerchiamo di capire cosa fare per ottenere questo irrinunciabile sconto.

Come installare le zanzariere completamente gratis con questo bonus e un solo requisito

Iniziamo analizzando il primo caso, ossia il bonus zanzariere che consente di ottenere i prodotti e le relative installazioni gratuitamente.

Come già accennato, in questo caso sarà necessario rispettare un requisito, previsto a livello normativo.

E non si tratta di un requisito che ha a che fare con l’immobile presso il quale si intende effettuare l’installazione.

Infatti, secondo la normativa, non si fa distinzione tra le diverse categorie catastali dell’immobile oggetto di installazione.

Basterà che i locali interessati siano in fase di riqualificazione. Il modo per ottenere le zanzariere gratis, ottenendo un rimborso completo di quanto speso, è quello di far rientrare i lavori di installazione all’interno del ben noto Superbonus 110.

In questo caso, si avrà diritto al rimborso totale, ma solamente se, nel contempo, saranno in atto dei lavori trainanti.

Il bonus 110 è infatti accessibile a patto che si stiano nel frattempo realizzando lavori “maggiori”, come quelli legati ad eventuale isolamento termico dell’immobile, o ancora dei lavori volti a potenziare la resistenza dell’immobile stesso in caso di eventi sismici.

Solo in caso di concomitanti lavori trainanti potremo inserire l’installazione delle zanzariere all’interno dei lavori trainati, e ricevere quindi il rimborso totale di quanto speso.

Nel caso in cui questo requisito non venga rispettato, invece, non si potranno ottenere le installazioni gratuite.

Se non si rispetta il requisito previsto, il bonus zanzariere vale la metà

Questo però non significa che, nel caso di mancanza di lavori trainanti, si debba rinunciare all’agevolazione.

Infatti, in mancanza del requisito appena analizzato, si potrà comunque accedere ad un bonus zanzariere, ma di importo minore.

Si potrà cioè richiedere la misura al 50%, mediante la richiesta di una seconda agevolazione. 

Stiamo parlando dell’Ecobonus, che consente di ottenere indietro la metà di quanto saldato per l’acquisto e l’installazione delle zanzariere.

Per poter ottenere lo sconto previsto, in questo caso, basta avviare lavori di riqualificazione energetica.

Ed è per questo che le zanzariere prescelte, per essere oggetto di bonus, dovranno avere una caratteristica specifica.

Dovranno, cioè, garantire una schermatura solare ed un conseguente miglioramento dell’efficienza energetica dell’immobile dove verranno installate.

Chiaramente, i prodotti scelti dovranno essere fissi: le zanzariere smontabili non possono infatti garantire la schermatura solare. Di conseguenza, non potranno garantire lo sconto del 50% previsto dall’agevolazione.

Specifichiamo per gli interessati che, anche in questo secondo caso, la categoria catastale dell’immobile non è causa di esclusione. Il bonus può dunque essere richiesto per ogni categoria, nel rispetto della riqualificazione energetica e qualora le zanzariere rientrino tra quelle ammesse.

Leggi anche: Il bonus psicologo non basta per tutti, ma ci sono gli aiuti regionali: dove richiederlo.

Beneficiari e modalità di richiesta

La platea dei potenziali richiedenti che possono avere accesso alla misura è davvero molto ampia.

Il bonus zanzariere, sia al 50%, sia nel caso in cui si vogliano ottenere le installazioni gratuitamente, fa infatti parte delle agevolazioni senza ISEE.

Al momento della richiesta, in effetti, non verrà richiesto di presentare la propria situazione reddituale. Piuttosto, sarà molto importante possedere la documentazione tecnica che attesti che le zanzariere scelte rispettino i requisiti di schermatura solare.

Altro documento fondamentale è rappresentato dalla fattura relativa ad acquisto e installazione dei prodotti. Sono infatti ammessi al rimborso solamente i prodotti saldati con mezzi tracciabili.

Eventuali spese saldate in contanti non daranno quindi accesso al bonus zanzariere.

Per ottenere l’agevolazione, l’ente di riferimento è l’ENEA. Ed è a tale ente che andrà inviata la comunicazione di termine dei lavori oggetto di agevolazione. Il termine per l’invio è il novantesimo giorno dalla data di conclusione dei lavori.

La misura sarà accessibile, salvo proroghe con la prossima Manovra di Bilancio, fino alla data del 31 dicembre 2022.

Leggi anche: Per chi ricicla le bottiglie di plastica c’è un bonus da 50€ senza limiti di reddito.