Camminare o correre, ecco cos'è meglio per la salute (e la dieta): tutta la verità

Vuoi fare attività fisica ma non sai cosa scegliere tra una corsa e una passeggiata? Ecco cos'è meglio, considerando benefici e controindicazioni.

camminare-o-correre-cos-e-meglio

Fare attività fisica fa sempre bene. Praticare un'attività che ci tenga in movimento produce numerosi benefici non solo sul nostro corpo, facendolo diventare più tonico e mantenendolo in forma, ma anche sulla psiche, sulla quale ha un effetto positivo.

Inoltre, si allontana il rischio di malattie cardiovascolari e aiuta a liberare la mente dai pensieri, soprattutto se l'attività fisica viene fatta all'aria aperta e in contatto con la natura. Ma quindi tra camminare e correre cos'è meglio? A seconda delle tue esigenze personali, ecco cosa devi sapere.

Camminare o correre, cos'è meglio? Come scegliere

Prima di tutto, bisogna ribadire che entrambe le attività hanno i loro benefici e aiutano a vivere più a lungo. E non è detto che ci sia un'attività migliore di un'altra. Generalmente, al contrario, dipende dai bisogni individuali.

Camminare è un'attività a costo zero, che può essere praticata ovunque, e ha il vantaggio di allontanare depressione e ansia. Tuttavia, se ormai della camminata non ne puoi più, puoi provare ad aumentare gli sforzi e concederti una corsa. Otterrai gli stessi benefici della camminata, ma in un tempo decisamente minore. Se si dispone di una cyclette a casa, si può praticare anche questo tipo di allenamento. Ma tra camminare o fare la cyclette, cos'è meglio lo decidono le singole necessità.

Diversi studi, inoltre, si sono soffermati sui benefici di camminata e corsa, cercando di comprendere quale attività sia migliore per la salute. Gli effetti positivi però non si discosterebbero più di tanto: la corsa richiede uno sforzo maggiore per polmoni e cuore, ma la camminata riduce in egual modo il rischio di morte negli anni successivi. Bisogna però tenere in considerazione il fatto che la corsa è più traumatica per i muscoli e i legamenti e il rischio di infortuni è maggiore.

Benefici della camminata

Uno dei vantaggi più importanti della camminata è quella di migliorare la salute cardiovascolare. Migliora la circolazione sanguigna e si riduce il rischio di contrarre malattie cardiovascolari.

Inoltre, la camminata può aiutare a mantenere il proprio peso o a diminuirlo, se accompagnata da una corretta alimentazione. Il sistema muscolare ne trae giovamento, in quanto aumentano la forza e la resistenza muscolare. I benefici fisici dipendono anche da quanto bisogna camminare al giorno e il numero di passi da effettuare.

Ci sono giovamenti anche dal punto di vista mentale, perché camminare migliora la salute psichica, riduce lo stress e migliora l'umore. Se camminiamo all'aperto in una bella giornata di sole, c'è anche il vantaggio di fare un bel rifornimento di vitamina D. Inoltre, ora che è quasi arrivato l'inverno, camminare al freddo fa bene alla salute.

Benefici di una corsa

Importanti benefici si riscontrano anche con la corsa, la quale migliora la salute cardiovascolare stimolando il cuore e la capacità polmonare. Per quanto riguarda il movimento, la corsa ha il vantaggio di bruciare le calorie in maniera più veloce, tonificando e rafforzando soprattutto le gambe. Non solo: la resistenza delle articolazioni e la densità ossea migliorano attraverso questa attività.

Anche la salute mentale ne trae giovamento, perché vengono rilasciate le endorfine, ossia i cosiddetti ormoni della felicità, che aiutano a tenere lontano la depressione.