La dieta del cardiologo è la più gettonata del momento: ecco cosa fare per perdere 10 kg

La dieta del cardiologo è la più gettonata del momento: vediamo cos'è, come funziona, quanti chili fa perdere e cosa consente di mangiare.

dieta del cardiologo cos e

Avete mai sentito parlare della dieta del cardiologo? E' il regime alimentare più gettonato del momento e promette di far perdere anche 10 chili. Ecco cos'è e quali sono gli alimenti consentiti.

La dieta del cardiologo fa perdere 10 kg: ecco cos'è e come funziona

Un nome bizzarro, ma che comunque induce ad avere fiducia. Stiamo parlando della dieta del cardiologo, il regime alimentare più gettonato degli ultimi tempi. Stando a quanto sostengono gli esperti, oltre a consentire di perdere dieci chili, permette di mantenere un ottimo stato di salute generale.

Si tratta di una combinazione alimentare con regole specifiche, che punta ad ottenere vantaggi notevoli su più fronti. Prima di vedere cos'è la dieta del cardiologo, una precisazione è d'obbligo: come tutti i regimi di questo tipo, è bene parlarne con il medico prima di cambiare le proprie abitudini culinarie.

Chiarito ciò, entriamo nel vivo. La dieta del cardiologo mira a pulire le arterie ed è stata studiata soprattutto per aiutare a stare meglio le persone con patologie gravi. Stiamo parlando di malattie come il diabete, il cancro e le disfunzioni cardiovascolari. E' un regime alimentare sano, che va a migliorare sia la circolazione sanguigna che quella linfatica.

La dieta del cardiologo, come avrete facilmente intuito, propone un'alimentazione sana e bilanciata. Ergo: macronutrienti, proteine, carboidrati e grassi sono perfettamente equilibrati. E' varia e, a patto che il medico abbia dato l'ok, può essere seguita anche da persone che non soffrono di gravi patologie. In sostanza, si tratta proprio del regime che viene consigliato dal cardiologo ai propri pazienti.

Per quanto riguarda la colazione, è preferibile farla con un frutto, tra cui pesca, pera o anguria. Sono caldamente sconsigliate le banane e l'uva. A pranzo, invece, si può scegliere tra carne o pesce, nella dose di 200 grammi, e una verdura (sempre 200 grammi). Quest'ultima deve essere sempre diversa, in modo da ottenere tutti i nutrienti di cui l'organismo ha bisogno, come minerali e vitamine. In alternativa, il secondo pasto della giornata si può fare con la pasta integrale - 60 grammi - condita con 200 grammi di verdura.

A cena si può scegliere se consumare 150 grammi di carne o pesce, accompagnati da insalata fresca. E' bene sottolineare che carne e pesce devono sempre essere alternati. Infine, per quel che riguarda gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio si consiglia frutta fresca di stagione oppure frutta secca. Attenzione: come in tutte le diete, gli spuntini non vanno mai saltati perché consentono di arrivare ai pasti principali senza la solita fame da lupi.

Un'ultima raccomandazione è d'obbligo: la dieta da sola non basta. Per stare bene, sia nel corpo che nella psiche, è necessario bere tanta acqua e praticare un po' di sana attività fisica giornaliera.