Fare la doccia tutti i giorni fa male: perché? Ecco i motivi e le accortezze da seguire

Perché fare la doccia tutti i giorni fa male? La pelle si rovina ma non solo. Ecco le opportune accortezze da seguire.

Il trend che è partito dagli Usa è quello degli unwashed (letteralmente non lavati) che ormai sta spopolando ovunque. Ma perché, vip inclusi, scelgono di non lavarsi?

Perché fare la doccia tutti i giorni fa male? La pelle si rovina ma non solo.

Ecco qualche pratico consiglio da seguire.

In questo articolo riportiamo le domande e risposte più chieste dalla nostra comunità.

Sommario:

  1. 1.

    Perché fare la doccia tutti i giorni fa male

  2. 2.

    Cosa succede se si fa la doccia tutti i giorni?

  3. 3.

    Quante volte si deve fare la doccia?

  4. 4.

    Quanto deve durare al massimo una doccia?

Perché fare la doccia tutti i giorni fa male

Partiamo da una considerazione di carattere generale. Il fenomeno degli unwashed è strettamente legato a motivazioni di tipo etico, in particolare anti-spreco e legate alla salvaguardia dell’ambiente.

Un movimento ambientalista a cui hanno aderito anche vip come Brad Pitt o Russel Crowe che, perlomeno stando a quanto hanno loro stesso affermato, si fanno la doccia una volta alla settimana e lo shampoo addirittura ogni 10 giorni.

L’obiettivo è quello di ridurre lo spreco di acqua, che strizza l’occhio dunque sia al risparmio che alla tutela dell’ambiente.

Fare la doccia tutti i giorni dunque farebbe male soprattutto al pianeta, considerando anche l’uso/abuso di shampoo e bagnoschiuma che si disperdono nelle falde acquifere.

Cosa succede se si fa la doccia tutti i giorni?

A ogni modo, al di là del trend ecologico che si intende seguire oppure no, un fondo di verità, nel fatto che fare la doccia tutti i giorni fa male, c’è.

In effetti, la pelle sembrerebbe subire un forte indebolimento proprio a seguito dell’utilizzo quotidiano di detergenti e acqua, in abbinamento allo strofinio della spugna sul corpo.

Se si fa la doccia ogni giorno, si va ad intaccare il film lipidico che ricopre la nostra cute, rendendola secca e disidratata, ma anche indebolita e quindi più esposta a irritazioni ed infezioni.

Sull’epidermide infatti sono presenti batteri buoni e oli protettivi che rappresentano una vera e propria barriera di protezione per l’intero organismo.

Ma chi fa sport o semplicemente sente l’esigenza di una doccia veloce ogni giorno, magari al mattino appena svegli o alla sera prima di mettersi a dormire per rilassarsi, come deve comportarsi?

Quante volte si deve fare la doccia?

Gli esperti concordano sul fatto che la frequenza ideale per fare la doccia sia di 2-3 volte alla settimana, alternano negli altri giorni un’accurata igiene delle parti intime.

Il punto è che non per tutti questo ritmo è indicato, a meno di non andare a sacrificare sia l’igiene personale che la prevenzione dei cattivi odori.

Si pensi a chi fa sport ad esempio, ai più piccoli che giocano all’aperto o nei parchi pubblici, che sudano giocando nelle ludoteche o nelle palestre, durante le attività pomeridiane.

Senza contare che anche il clima e la temperatura ambientale giocano un ruolo molto importante. In estate è davvero difficile resistere alla tentazione di una bella doccia rinfrescante, anche più volte al giorno.

Ecco allora alcuni accorgimenti da adottare per fare la doccia anche tutti i giorni:

  1. 1.

    soprattutto se abbiamo già fatto la doccia al mattino, ma abbiamo solo bisogno di rinfrescarci durante il giorno (per eliminare la fastidiosa sensazione di sudore), il semplice getto di acqua calda può bastare, senza ricorrere all’utilizzo del sapone

  2. 2.

    i detergenti devono essere il più delicati possibili. Meglio optare per il sapone intimo (da passare ad esempio anche sotto le ascelle) e completare con un semplice getto di acqua su tutto il corpo

  3. 3.

    anche per lo shampoo, il consiglio è di utilizzare prodotti di qualità, poco aggressivi e irritanti per il cuoio capelluto

  4. 4.

    se si utilizza lo scrub per il corpo (ad esempio una volta alla settimana) non c’è bisogno anche di insaponarsi con il bagnoschiuma. Basta solo procedere con il risciacquo

  5. 5.

    sotto la doccia, prima di terminare con l’ultimo risciacquo, è bene strofinare sulla pelle un po’ di olio idratante specifico (quello che si usa per i bambini è perfetto). Si procede con l’infilare l’accappatoio e la pelle risulterà morbida, idratata e luminosa come non mai.

Infine, la regola aurea è che la doccia deve durare poco. Il minimo indispensabile. Ecco le indicazioni in merito.

Quanto deve durare al massimo una doccia?

Sicuramente ridurre i tempi della doccia fa risparmiare, ma anche la salute guadagna non poco dal fare docce brevi.

La doccia ideale dovrebbe durare in media 3-5 minuti, considerando che per ogni minuto in cui il rubinetto dell’acqua resta aperta si consumano all’incirca 15 litri di acqua.

Chi ha l’abitudine di fare anche lo shampoo in doccia, sicuramente si tratterrà per qualche minuto in più ma dovrà tenere l’accortezza di chiudere il rubinetto mentre si insapona.

Natalia Piemontese
Natalia Piemontese
Consulente lavoro online e professioni digitali, classe 1977. Sono Natalia, Piemontese di cognome, pugliese di nascita e calabrese d'adozione. Laureata in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Bari, ho conseguito un Master in Selezione e Gestione delle risorse umane. Mamma bis, scrivo sul web dal 2008. Sono specializzata in tematiche del lavoro, business nel digitale e finanza personale. Responsabile del blog #mammachebrand, ho scritto un e-book "Mamme Online, come gestire casa, lavoro e figli".
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate