La caduta dei capelli è un fenomeno normalissimo messo in atto dal nostro organismo come processo di rinnovamento. Succede con la nostra pelle, con le nostre unghie e succede ovviamente anche con la nostra chioma. Nulla di cui allarmarsi quindi, se la caduta dei capelli non comporta una perdita anomala di questi ultimi.

Con l'arrivo dell'autunno può manifestarsi in modo più evidente. Secondo gli esperti infatti esiste una correlazione tra la caduta dei capelli e il cambio di stagione e se contrastarla è impossibile imparare a prendersi cura dei propri capelli in vista di questo periodo è fondamentale. Ecco allora cosa ci dice e cosa ci consiglia la scienza.

Perché in autunno cadono molti capelli? La risposta a questa e a tante altre domande

Non solo in autunno, per essere precisi a ogni cambio stagione cadono in media, dalla nostra testa, dai 50 ai 100 capelli al giorno. Non c'è da preoccuparsi quindi se durante questo periodo ci capita di trovarne qualcuno in più sulla spazzola.

La caduta dei capelli coincide con il ricambio stagionale per via delle temperature e in generale delle caratteristiche della stagione in arrivo, come la durata delle ore di luce per esempio, che implica una minor produzione di estrogeni man mano che ci si avvicina ai mesi più freddi. Si tratta quindi di un processo assolutamente naturale e se vogliamo vedere è la stessa cosa che accade alle foglie sugli alberi o al ricambio della pelliccia degli animali.

Ma parlando in modo specifico del periodo autunnale, la caduta dei capelli dura per un totale di tre mesi durante i quali si possono mettere in pratica una serie di consigli se non per limitarne la caduta almeno per contribuire al loro rafforzamento. Occhio però a non incappare nei così detti "rimedi miracolosi".

Cosa non fare

Sempre più spesso i social network si fanno vetrina degli integratori delle marche più disparate, pubblicizzati da influencer che sicuramente poco ne sanno di questo mondo. Alcuni di questi integratori, sponsorizzati anche dai giovanissimi, hanno anche un aspetto molto invitante.

Ma non fatevi ingannare! Non stiamo dicendo che gli integratori non funzionino, ma risultano sicuramente inefficaci se assunti in modo casuale e soprattutto senza buone abitudini alimentari e non ad accompagnarli.

Prima di acquistarli quindi, il consiglio è quello di rivolgersi al proprio medico, l'unico a conoscenza della nostra anamnesi che può indirizzarci al meglio verso la strada più adatta a noi, che si tratti di un percorso alimentare o psicologico, due dei fattori che influiscono su una maggiore o minore caduta dei capelli, escludendo ovviamente i fattori genetici.

Prendersi cura dei propri capelli aiuta anche l'ambiente

Un primo consiglio per prendersi cura dei propri capelli e ostacolarne quindi una maggiore caduta è partire dalla propria alimentazione stando attenti a non farsi mancare una buona dose di vitamine, fondamentali per rafforzare la nostra chioma.

Sicuramente può aiutare tenersi il più lontano possibile da situazioni stressanti e a proposito di stress bisogna assolutamente smettere di adottare cattive abitudini come quella di lavare i capelli con prodotti aggressivi e troppo spesso.

Oltre al fatto che farsi la doccia tutti i giorni comporta un consumo inutile di acqua e non è proprio il periodo giusto per farsela mancare ed elettricità con l'uso frequente del phon, sottoporre troppo spesso i capelli alla sequenza "acqua-sapone-sfregamento-asciugatura" oltre a stressarli impedisce loro di sviluppare una naturale produzione di sebo utile per mantenere un certo equilibrio tra forza del fusto e pulizia.