Ecco perché tenere lo stendino in casa fa male

Tenere lo stendino all'interno delle mura di casa in inverno può provocare danni alla propria salute: ecco il motivo.

Perché lo stendino in casa fa male

Tenere lo stendino all'interno delle mura di casa può fare male. L'aria troppo secca che si viene a creare all'interno della propria abitazione può infatti portare ad alcuni danni per la propria salute, motivo per cui l'abitudine consigliata da molti di tenere lo stendino in casa si dovrebbe in realtà abbandonare. Ecco la spiegazione.

Perché tenere lo stendino in casa fa male

Spesso il tenere lo stendino in casa può sembrare una soluzione comoda e logica soprattutto nel corso della stagione invernale, soprattutto per tutti coloro che vivono in case piccole o anche prive di balconi. Lo stendino con i vestiti appesi può essere utile per compensare l'umidità troppo secca di una stanza, ma si tratta allo stesso tempo di una pratica che può risultare nociva e dannosa per tante persone.

Il bucato umido può portare problemi alla salute soprattutto nella stagione più fredda e con i riscaldamenti accesi, e un'altra pratica da evitare consiste anche nel tenere i propri vestiti sui termosifoni caldi: in questo caso il rischio è infatti quello di soffocare i caloriferi con un enorme dispendio di calore e di energie e con un conseguente aumento della bolletta. Nemico principale alla luce di tutto ciò è dunque quello dell'umidità.

In un ambiente domestico, un clima troppo umido può portare facilmente allo sviluppo di muffe, tra cui soprattutto il Pennicillum e l'Aspergillus. Oltre che per le pareti di casa, le muffe sono ovviamente dannose anche per la salute, che se inalate possono portare a pesanti infezioni polmonari. Un rischio enorme cui sono soggetti in particolar modo persone con patologie, anziani e bambini.

Questa una delucidazione al riguardo da parte dell'Humanitas:

Le muffe sono microrganismi appartenenti alla famiglia dei funghi. Pertanto possono diffondersi con la produzione di spore che formano vere e proprie colonie su diverse superfici come, per esempio, i muri di casa, i filtri dei condizionatori, il legno, i tessuti e il cibo, anche se riposto nel frigorifero.

Lo stendino con i panni umidi appesi rischia quindi di far salire in maniera vertiginosa il tasso di umidità nell'aria, soprattutto in inverno con la presenza dei riscaldamenti accesi. La situazione peggiora ulteriormente nel caso in cui lo stendino venga posizionato in bagno o in cucina, zone in cui vi è già un'altissima umidità a causa di docce e di lavandini.

Cosa fare quando non c'è lo spazio per lo stendino

Come consigliato dai medici, è bene cercare in tutti i modi possibili di tenere basso il livello di umidità negli appartamenti evitando di conseguenza la diffusione delle muffe.

Tra i metodi da adottare per poter riuscire nell'intento c'è prima di tutto quello di far asciugare i panni bagnati al sole e di fare ricorso all'utilizzo di un'asciugatrice. In più è bene evitare di stendere i panni nella propria camera da letto oltre che nei bagni, in cucina e nelle zone giorno.

Nel caso in cui in casa manchi lo spazio necessario oppure si sia privi di asciugatrice si può trasformare un piccolo angolo della casa in apposito spazio per la lavanderia come ad esempio una cantina o comunque una zona che sia distante dalle aree più frequentate dell'abitazione. Altra ottima soluzione potrebbe consistere nell'areare la casa nelle ore più calde del giorno oltre che nell'eliminare le infiltrazioni e le muffe.

Leggi anche: Influenza novembre 2023, i numeri non preoccupano: ecco i sintomi

Leggi Anche

adolescenti insieme ma ognuno con il proprio smartphone

Natalia Piemontese

24 feb 2024