Tumore al pancreas: i sintomi iniziali, la prevenzione e la cura

Quali sono i sintomi iniziali del tumore al pancreas? Si tratta di un cancro che, purtroppo, ancora oggi presenta un alto tasso di mortalità.

Tumore al pancreas sintomi iniziali

Il tumore al pancreas, lo stesso che ha ucciso Gianluca Vialli e contro cui combattono altri vip come Eleonora Giorgi e Fedez, presenta un alto tasso di mortalità. Vediamo quali sono i sintomi iniziali.

Tumore al pancreas: quali sono i sintomi iniziali?

Stando ai dati del 2022, in Italia ci sono stati 14.500 nuovi casi di tumore al pancreas. Purtroppo, si tratta di un cancro che lascia poche speranze di vita, con la minor sopravvivenza sia a un anno dalla diagnosi (34% nell’uomo e 37,4 % nella donna) che a cinque anni (11% nell’uomo e 12 % nella donna).

Questo tipo di cancro colpisce raramente persone che hanno meno di quarant'anni, mentre è diffuso nella fascia d'età compresa tra i 50 e gli 80 anni. Circa il 70% dei tumori si sviluppa nella testa del pancreas, con origine nei dotti che trasportano gli enzimi della digestione. Meno comuni, invece, sono quelli neuroendocrini, lo stesso che ha colpito Fedez. Al contrario, Eleonora Giorgi sta combattendo contro l'adenocarcinoma duttale del pancreas, ossia la tipologia più diffusa.

Purtroppo, i sintomi iniziali del tumore del pancreas sono pressoché impercettibili. In un primo momento, infatti, la malattia non dà grandi segnali, o almeno non tali da indurre le persone a preoccuparsi. Non a caso, gli stessi medici possono tranquillamente non accorgersene, oppure scambiare i disturbi con altre patologie. E' anche per questo che, spesso, la diagnosi arriva quando la massa tumorale è già estesa.

Pertanto, i disturbi più evidenti compaiono quando il cancro è già sviluppato fino agli organi vicini o ha bloccato i dotti biliari. Generalmente, i pazienti lamentano: perdita di peso e di appetito, ittero (colorazione gialla degli occhi e della pelle), dolore alla parte superiore dell’addome o alla schiena, debolezza,  nausea o vomito. Talvolta, si può essere colpiti anche dal diabete.

Tumore del pancreas: prevenzione, trattamento e cura

Come in tutti gli altri tumori, anche nel caso del pancreas la prevenzione è fondamentale, ma difficile. Innanzitutto, è consigliato non fumare: quanti hanno questo vizio rischiano il doppio rispetto agli altri. Il rischio aumenta anche in presenza di familiarità dei cancri della mammella e dell’ovaio, sindrome da melanoma familiare con nevi multipli atipici, pancreatite familiare, sindrome di Lynch e sindrome di Peutz-Jeghers. Anche l'alcol, il caffè, la sedentarietà e l'obesità giocano un ruolo importante. In ogni modo, è bene seguire una dieta ricca di frutta e verdura e povera di grassi.

Come già anticipato, il cancro al pancreas è difficile da diagnosticare in tempi utili. Il medico, dopo una prima anamnesi, può consigliare la tomografia computerizzata (TC), l’ecografia dell'addome esterna o interna e la tomografia a emissione di positroni (PET), in alcuni casi eseguita in combinazione con la TC (PET/TC). Ovviamente, in presenza di massa tumorale sono necessarie la biopsia e il marcatore tumorale CA-19-9.

Ad oggi, il tumore del pancreas resta una delle neoplasie più difficili da trattare e da curare, specialmente a causa della diagnosi tardiva. Solitamente, l'asportazione chirurgica completa può avvenire solo in una fase iniziale della malattia. In tutti gli altri casi, ossia a patologia avanzata, l'intervento è diverso in base alla localizzazione dalla massa. Dopo l'operazione, potrebbero essere necessarie la chemioterapia e la radioterapia.

Leggi Anche

adolescenti insieme ma ognuno con il proprio smartphone

Natalia Piemontese

24 feb 2024