La dieta vegana rende giovani e allunga la vita? Ecco la verità che devi conoscere

È risaputo che mangiare frutta e verdura migliora la qualità della vita. Tuttavia, le ricerche scientifiche dimostrano che avere uno stile di vita vegano aiuta persino a restare giovani.

vegani-vivono-piu-a-lungo

Da qualche tempo si è verificato un incremento di adesione alla dieta vegana. Gli alimenti vegani, in particolare, aiutano a prevenire o guarire da patologie diabetiche, cardiache o correlate all'uso di alimenti di origine animale, ma non solo. Secondo alcuni studi, aiutano anche a rimanere più giovani. I vegani quindi vivono davvero più a lungo?

Il merito è dei principi nutritivi contenuti in questi alimenti, che contribuiscono a rendere la pelle più luminosa e a ridurre la presenza di macchie. Scopriamo quindi se effettivamente la dieta vegana renda giovani e allunghi la vita di chi la pratica.

I vegani vivono più a lungo? Facciamo chiarezza

I ricercatori del Massachusetts General Hospital hanno condotto uno studio secondo cui i vegani vivono più a lungo rispetto a chi mangia la carne. In particolare, sono stati presi in esame i dati clinici e le abitudini alimentari di circa 130.000 pazienti nell'arco di 30 anni.

Le analisi di questi dati hanno dimostrato che un aumento del 3% di proteine vegetali nella dieta riduce del 10% il rischio di mortalità. Un aumento delle proteine animali, invece, determina un maggior rischio di mortalità per malattie legate al cuore.

Tuttavia, è importante tenere in considerazione alcuni fattori sociali e ambientali che influiscono sulla nostra salute. Tra questi, sicuramente vanno citate la sfera morale e psicologica dell'individuo, che hanno un grande impatto sulla sua salute e sulla qualità di vita.

I 5 benefici della dieta vegana

Gli alimenti vegani contengono all'interno ricchi nutrienti e fibre, aiutando l'organismo a seguire il giusto percorso verso il benessere. Ecco una lista dei 6 benefici che la dieta vegana garantisce.

1. Vitamina C e antiossidanti

Agrumi, kiwi, prugne, bacche e broccoli sono gli alimenti che contengono una quantità maggiore di vitamina C e antiossidanti. Se assunti, stimolano la produzione di collagene ed elastina.

Il collagene, in particolare, seppur venga già prodotto dall'epidermide, con il tempo va incontro a un processo di degradazione. Assumendo questi alimenti, invece, può essere reintegrato nell'organismo rimpolpando la pelle. L'elastina, invece, la mantiene elastica.

2. Betacarotene

In quanto carotenoide, il betacarotene si trova spesso in frutta e verdura di colore giallo e arancione. Gli alimenti ricchi di betacarotene sono le carote, i peperoni, le patate dolci, il mango, il melone, le albicocche e le pesche.

Precursore della vitamina A, aiuta a difendere la pelle dai danni dei raggi ultravioletti. Inoltre, è un coadiuvante nel trattamento dell'acne. Dal betacarotene trova giovamento anche la bellezza dei capelli.

3. Vitamina E

Alleata perfetta per contrastare l'invecchiamento cutaneo, la vitamina E è famosa per il suo effetto anti-age. Si trova perlopiù in verdure a foglia verde, cereali integrali, legumi e frutta secca, come mandorle e nocciole.

Questi alimenti, in particolare, contrastano la comparsa di rughe, perché aiutano la pelle a trattenere l'acqua ed evitano così la disidratazione.

4. Vitamine del gruppo B

In caso di irritazioni cutanee, l'alleato migliore per la pelle è l'avocado, ma anche gli alimenti ricchi di vitamine del gruppo B.

Tuttavia, le fonti vegetali sono povere di vitamina B12, che se non assunta può portare a un danneggiamento dei nervi, causando formicolio o perdita di sensibilità nelle mani o nei piedi.

Per questo motivo, diventa fondamentale assumerla attraverso alimenti come crauti, funghi e prodotti a base di soia fermentata.

5. Omega 3

Molte operazioni di marketing inducono a far pensare che l'Omega 3 si trovi solo nei prodotti a base di pesce. Spesso, però, è proprio la lavorazione del pesce che fa perdere agli alimenti l'Omega 3, essenziale per favorire la salute di cuore, cervello e articolazioni.

Integrarlo in una dieta vegana è molto semplice. Sarà infatti necessario assumere noci, olio di colza (una pianta dai fiori gialli coltivata in Canada e Stati Uniti), semi di chia e semi di lino.

La dieta rende giovani? L'esperimento de "Le Iene" con Ludovica Pagani, Flavia Pennetta e Valentina Vignali

Da sempre l'uomo cerca un elisir di giovinezza per allungare la propria vita. L'obiettivo, però, dev'essere quello di vivere in salute anche quando sopraggiunge la vecchiaia.

Le Iene hanno così scelto di condurre un esperimento con l'aiuto del biologo e nutrizionista Marco Gallo su Valentina Vignali, Ludovica Pagani e Flavia Pennetta.

Il primo step è stato quello di verificare la loro età biologica, dimostrando quanto e se il loro corpo stesse invecchiando. In particolare, quello che si mangia, quanto lo si mangia e la quantità del sonno determinano il nostro status di salute.

Una volta verificata l'età biologica a ognuna è stata proposta una dieta su misura da rispettare di 4 settimane. Al termine, sono stati valutati i risultati ottenuti. Vediamo com'è andata per ognuna di loro.

Valentina Vignali

Valentina Vignali è una nota influencer e giocatrice di basket, amante però di tutti gli sport. Ha 32 anni a livello anagrafico, mentre la sua età biologica, combinata da una componente genetica e dallo stile di vita, è di 35 anni.

La dieta a lei proposta da Marco Gallo è pesco-mediterranea. Si tratta di un'alimentazione a base di cereali, grassi sani come olio e proteine assunte attraverso legumi, pesce e una piccola parte di uova e formaggio.

Trascorse le 4 settimane, l'età biologica di Valentina è diminuita di 6 mesi.

Flavia Pennetta

Flavia Pennetta, una delle tenniste italiane più forti di sempre, ha come età anagrafica 41 anni. La sua età biologica, invece, è di 37 anni. Il biologo e nutrizionista Marco Gallo ha scelto quindi di assegnarle una dieta iperproteica.

Si tratta di una dieta a base di alimenti proteici in misura maggiore del fabbisogno, con meno carboidrati e grassi. Trascorse le 4 settimane, la sua età biologica è però aumentata di 6 mesi.

Questo dimostra, secondo il nutrizionista Gallo, che quando si assumono troppe proteine potrebbero crearsi nel nostro corpo delle sostante tossiche in eccesso.

Spesso questo tipo di dieta viene utilizzata per perdere peso, ma l'esperimento ha mostrato che non sempre si tratta di un'alternativa sana.

Ludovica Pagani

Ludovica Pagani è un'influencer di 28 anni con più di 3.8 milioni di follower, conduttrice tv e dj. La sua età biologica è superiore alla sua età anagrafica. Ha infatti 33 anni.

Le è così stata proposta una dieta vegana, che ha migliorato la sua età biologica, dopo solo 4 settimane, di 2 anni e 5 mesi. Grazie a questa alimentazione, infatti, sono migliorati il colesterolo, i trigliceridi e la glicemia.

Leggi anche: Ecco cos'è Veganuary: la sfida a mangiare vegano nel mese di gennaio