Henry Cavill lascia The Witcher, le ragioni dietro la scelta che addolora i fan

Lo scorso 22 ottobre, Netflix ha annunciato che, a partire dalla quarta stagione di The Witcher, il ruolo principale di Geralt non sarà più interpretato da Henry Cavill, ma da Liam Hemsworth. Ecco le motivazioni dietro alla sua scelta.

Image

Lo scorso 22 ottobre, Netflix ha annunciato che, a partire dalla quarta stagione di The Witcher, il ruolo principale di Geralt non sarà più interpretato da Henry Cavill, ma da Liam Hemsworth (già uno dei favoriti per il ruolo alle audizioni del 2018, in cui aveva però prevalso Cavill).

L’attore ha affermato che la separazione con Netflix sia stata consensuale. I toni distesi e le ottime parole spese nei confronti del collega non hanno però chiarito il nodo principale della questione, ovvero che cosa abbia spinto Henry Cavill ad abbandonare un ruolo da protagonista in una serie di successo, per la quale sono  previste altre quattro stagioni. 

Tuttavia, il tempismo dell'ultima dichiarazione e alcune passate dichiarazioni di Cavill permettono di elaborare alcune teorie sul perché l’attore britannico abbia deciso di abbandonare The witcher. 

Henry Cavill ha lasciato The Witcher per Superman?

In un recente comunicato, Cavill ha dichiarato: 

Al mio posto, il fantastico Mr. Liam Hemsworth indosserà il mantello del Lupo bianco. Come il più grande dei personaggi letterari, passo la torcia con reverenza per il tempo trascorso a impersonare Geralt, ed entusiasmo all’idea di vedere Liam accettare la sfida di interpretare quest’uomo così affascinante e pieno di sfumature. 

In effetti, a nessuno è sfuggito come proprio una decina di giorni fa Cavill sia ricomparso nei passi di Superman, in un cameo di Black Adam. Un’apparizione molto breve, ma sicuramente significativa per il futuro dell'altro grande eroe impersonato dall’attore. Lo stesso Cavill ha poi dichiarato che il cameo è solo un piccolo assaggio di qualcosa di più grande. 

Cavill si è sempre mostrato entusiasta all’idea di riprendere i panni di Clark Kent, e i cambiamenti di management all’interno della DC farebbero pensare a una nuova collaborazione. 

L’idea di dover portare avanti contemporaneamente due ruoli importanti, che richiedono molto dal punto di vista fisico, avrebbe quindi potuto spingere l’attore ad interrompere The Witcher allo scadere del contratto (del resto anche altri personaggi secondari avrebbero rinegoziato i loro contratti nello stesso periodo). I numerosi viaggi richiesti dalla serie, in particolare, non sarebbero compatibili con un impegno con la DC. 

L'ipotesi dei fan: le divergenze artistiche tra Henry Cavill e gli autori di The Witcher

Tuttavia, alcune passate dichiarazioni dell’attore farebbero pensare che, oltre a una ragione solamente legata alla carriera (e al portafoglio, dato che non è difficile immaginare che un ruolo come Superman possa fruttare un cachet molto più ricco di quello di Geralt di Rivia ) anche ad alcuni dissapori con gli autori e gli showrunner della serie. 

In un’intervista del 2019, Cavill aveva infatti dichiarato di essere un grandissimo fan della saga, di leggere i libri e giocare ai videogiochi ad essi ispirati nel proprio tempo libero, e di considerare un grandissimo privilegio, più che un lavoro, avere la possibilità di dar vita ai miti della propria infanzia ed età adulta. Proprio la volontà di mantenere il più possibile il suo personaggio fedele alla narrazione originale avrebbe creato non poche frustrazioni all’attore: 

La parte più difficile per me è stata trovare l’equilibrio tra il punto di vista degli showrunner e il mio amore per i romanzi, e nel provare a portare quel Geralt nella visione di chi doveva decidere. Si tratta di percorrere una linea sottile; proprio perché è la storia degli showrunner  si tratta fatalmente di un adattamento. La parte insidiosa era trovare il posto per il Geralt dei libri all’interno di quella realtà e riuscire a dare il meglio per entrambi gli elementi.

Una sfida, dunque, non totalmente riuscita. A sostengo di questa ipotesi si può citare anche la forte critica che uno degli ex sceneggiatori della serie ha recentemente rivolto proprio agli autori di The Witcher: "Sono stato in uno show – vale a dire The Witcher – dove alcuni degli sceneggiatori non amavano sul serio i libri e i giochi, anzi, deridevano il materiale originale".

La petizione dei fan per sotituire gli sceneggiatori di The Witcher

Proprio per questo è stata lanciata una petizione online da parte dei fan, che chiedono a Netflix di cambiare gli autori in modo da convincere Cavill a restare, per evitare di subire un’altra grande delusione come quella del finale del Trono di Spade. La petizione su change.org Italia ha al momento raggiunto più di 140.000 firme, dimostrando la stima dei fan nei confronti dell’attore, lodato come interprete del Lupo Bianco dallo stesso Andrzej Sapkowski, autore dei romanzi. 

Ovviamente nulla di tutto ciò è stato confermato, per cui non si può neanche escludere che la ragione definitiva dell’abbandono di Cavill abbia a che fare con aspetti totalmente diversi. 

Tuttavia, è certo che senza la sua presenza è difficile immaginare un futuro brillante per la serie, nonostante le buone capacità dimostrate finora da Liam Hemsworth: la sostituzione di un personaggio iconico a metà saga segnerà sicuramente un duro colpo per tutto il mondo di The Witcher.