Basta "punta e scatta": le funzioni della fotocamera smartphone che non sfrutti ancora

Ti limiti al "punta e scatta" sullo smartphone perché credi che l'unica alternativa per foto migliori sia la modalità Pro? Non è così: ecco un elenco di funzioni che miglioreranno le tue foto e che si imparano e usano in pochissimi minuti

Funzioni fotocamera per smartphone

Gli smartphone hanno reso la fotografia quotidiana accessibile a tutti, anche a chi non conosce la tecnica del mestiere. Svagarsi, postare sui social e conservare bei ricordi: oggi è facile.

Ma non tutti sanno che è possibile fare ancora di più grazie alla tecnologia, con funzioni che si avvicinano alle foto avanzate ma sono facilissime da usare, in pochi tocchi.

Ecco perché non devi restare bloccato sul "punta e scatta", lo scatto base. Ti presentiamo le funzioni della fotocamera per smartphone che, forse, ancora non sfrutti: si imparano in pochissimi minuti e non serve la modalità Pro.

Sfrutta tutte le fotocamere

Molti smartphone vengono oggi venduti con tre o addirittura quattro fotocamere, quindi meglio sfruttarle tutte! Se non possiedi un modello costoso, alcune camere potrebbero essere un po' deboli, ma potresti trovarle comunque utili.

Una di esse è la fotocamera Macro: serve a fare foto a un soggetto molto vicino, di solito 4 cm o meno, che la principale non metterebbe a fuoco. È utile per fotografare foglie e petali di fiore, il dettaglio di un alimento, oggetti piccoli come gli anelli, o addirittura un insetto.

In Android la trovi nella sezione "Altro" della fotocamera (la più a destra tra le voci in basso), mentre su iPhone viene solitamente attivata in automatico quando sei a 2 cm da un oggetto, o puoi attivarla manualmente con "Controllo Macro" che trovi in "Impostazioni" e poi "Fotocamera".

Molto meno utile è la Bianco e Nero dei modelli economici. Le sue foto sono sempre a bassa risoluzione, non ti servirà; se vuoi un effetto monocromo, è meglio scattare una foto classica e poi usare i filtri.

Quella davvero utile, invece, è la Ultra Grandangolare. Questa lente inquadra un angolo molto maggiore della principale; in parole povere, se di solito riesci a far entrare nell'inquadratura 3 edifici che vedi di fronte a te, la Ultra Grandangolare ne catturerà 4 o 5, ma in qualità un po' minore.

Si attiva semplicemente portando lo zoom indietro sullo schermo (sia restringendolo con due dita, sia toccando la riduzione di zoom nei pallini in basso). Una volta avviata, vedrai subito quanti scatti prima impossibili potrete fare, sfruttandola in orizzontale o verticale.

Se possiedi un telefono di fascia alta potresti avere un obiettivo davvero potente, detto teleobiettivo o lente periscopica. Sa attuare uno zoom ottico reale, non solo virtuale, quindi inquadra con grande dettaglio e limpidezza gli elementi più lontani. Se lo hai, prova semplicemente a zoomare (di solito fino a 3x o 4x) un punto distante, e vedrai che è ancora super definito. Le tue inquadrature non avranno limite.

Regola proporzione, HDR, AI, fuoco e luminosità (in pochissimi tocchi!)

Bene, le tante fotocamere sono utili per casi come vicinanza, lontananza, ampiezza: tienile presenti mentre compri uno smartphone tra i top del Black Friday. Ma grazie ad alcune opzioni rapidissime possiamo rendere più belle anche le foto base della camera principale. Ecco alcune funzioni:

  • Clicca sul pulsante in alto coi tre pallini e scegli la proporzione (cioè l'aspect ratio) della tua foto, tra 4:3, 16:9, 20:9 (Full) e 1:1 (quadrata). Seleziona ciò che ti piace ma ricorda che il 4:3 è il formato originale della lente e quindi il migliore, quindi le altre proporzioni tagliano dei pezzi. L'1:1 è utile per le foto per Instagram.

  • Attiva o disattiva HDR tramite il pulsante in alto. HDR gestisce le luci "difficili" ed è utilissima negli scatti controluce o con parti buie. Ma a volte la vorrai disattivare perché rende lo scatto meno realistico e un po' dipinto.

  • Attiva o disattiva AI (Intelligenza Artificiale) tramite il pulsante sempre in alto. L'AI riconosce cosa stai fotografando e accende alcuni colori specifici per renderla più social e vivace; tienila spenta se preferisci il realismo.

  • Cambia la messa a fuoco semplicemente toccando il punto che preferisci mettere a fuoco. Se non va ancora bene, riprova toccando un'altra volta.

  • Rendi più o meno luminosa la foto tenendo premuto in un punto sullo schermo e poi trascinando verso l'alto (più luce) o il basso (meno luce). Se il risultato non ti soddisfa, riprova con altri punti (cambia la luce catturata) e altri trascinamenti, e sperimenta!

Sfrutta le foto Ritratto e la modalità Notte

Non dimenticarti dell'effetto Ritratto. La maggior parte degli smartphone odierni (sì, anche quasi tutti i modelli a meno di 300 euro) lo possiede; si trova tra le voci in basso, scorrendo a destra nella fotocamera.

Ritratto serve per le foto alle persone, poiché il software del telefono riesce a sfumare lo sfondo, e a lasciare a fuoco solo la persona in primo piano; somiglierà a un Bokeh, cioè a un effetto soffuso, poetico e affascinante.

Sfrutta le foto Ritratto soprattutto per un effetto "wow" sui social. Di solito il telefono gestisce bene le luci del Ritratto da solo, ma se non ti soddisfano, combina Ritratto con i trucchi spiegati prima come la gestione della luce, e definirai tu i dettagli della foto.

E sfrutta la modalità Notte (sempre tra le diciture in basso) per gli scatti serali e bui: tieni il telefono fermo in mano per pochi secondi e la lente assorbirà più luce che può, illuminando molto meglio di uno scatto classico! Se riesci ad appoggiare il telefono in modo stabile o a usare un sostegno, poi, l'esposizione migliorerà a dismisura.

Regola i video e usa le funzioni nuove

Vediamo infine le opzioni per video. Innanzitutto regola la risoluzione (720p, 1080p o 4K) e i frame per secondo (30 o 60). Aumentandoli otterrai video molto più definiti e fluidi, ma peseranno di più sulla memoria del telefono.

La maggior parte degli smartphone odierni possiede varie opzioni per migliorare i video classici, gestibili nella barra superiore:

  • L'AI, che funziona in modi diversi a seconda dello smartphone, spesso serve a migliorare l'illuminazione in notturna o nelle luci difficili come il controsole;

  • La modalità Ultra Steady cioè Ultra Stabilizzata, che restringe un po' la ripresa ma mantiene la parte centrale sempre stabile, anche mentre corriamo o se siamo in un'auto che sobbalza;

  • Ricorda che anche qui puoi tenere acceso il Flash come luce di riempimento per video con poca luce.

    Ma non è finita, vai nella sezione "Altro" della fotocamera per scoprire se il tuo modello ha opzioni aggiuntive per riprese video super innovative. Alcune davvero belle sono:

  • "Film", che applica proporzioni e fuochi simili a quelli cinematografici;

  • "Time Lapse" per riprese lunghe e velocizzate, e "Slow Motion" per quelle brevi e rallentate;

  • "Video a doppia vista", che riprende contemporaneamente con la camera posteriore e con quella anteriore dividendo lo schermo in due.