Conosci il galateo del cellulare? Ecco 5 regole importantissime che devi seguire

Lo smartphone è sempre presente nella vita di tutti i giorni. Ma sai come usarlo senza sfociare nella maleducazione? Ecco 5 regole che dovresti seguire.

galateo del cellulare

Lo smartphone è ormai onnipresente nelle nostre vite. Lo utilizziamo per tenerci in contatto con il mondo, attraverso telefonate o messaggi, lo interpelliamo per ricercare informazioni o toglierci dubbi, ma anche per intrattenerci nei momenti morti.

Per quanto utilizzare il proprio cellulare sia del tutto normale, esistono delle regole che dovrebbero essere sempre rispettate. Se è vero che è un dispositivo che ci facilita la vita, lo è anche che ci sono situazioni in cui dovrebbe rimanere in tasca o in borsa.

Il motivo? Un utilizzo poco consapevole di questo strumento ci porta inevitabilmente alla maleducazione, tanto che assume sempre più importanza parlare di un vero e proprio galateo del cellulare.

Piccole regole che, se seguite, non solo miglioreranno il rapporto con gli altri, ma determineranno anche quei limiti tra noi e il dispositivo, utili a non sfociare nella dipendenza da smartphone.

Non usarlo nei luoghi dove è vietato

Potrebbe sembrare scontato consigliare di non utilizzare lo smartphone là dove ne è vietato l’utilizzo. Eppure, rifletti un momento e pensa:

  • alle tante volte in cui la suoneria di un cellulare ha disturbato la visione del film in sala

  • all’irrefrenabile voglia di scattare una foto in un museo nonostante i cartelli vietino di farlo

  • ai tanti incidenti stradali causati dall’uso scorretto del telefono

Tutti questi esempi ci rendono più facile capire quanto anche ciò che appare scontato può risultare di estrema rilevanza.

Il fatto che usare lo smartphone sia un’abitudine quotidiana non significa che possa essere messa in pratica ovunque e in qualsiasi momento. Alla base di tutte le regole che sembrano limitare la nostra vita, ci sono sempre delle ragioni. Quando le comprendiamo, capiremo anche perché è bene seguirle. Ma anche quando ci appaiono insensate, non c’è altra via d’uscita: vanno rispettate.

Non pensare solo al mondo virtuale

Non c’è cosa più odiosa di parlare con qualcuno – un amico, un familiare o, perché no, una persona al primo appuntamento – che annuisce con la testa a ciò che diciamo, ma ha gli occhi fissati sullo schermo del suo smartphone.

Il galateo del cellulare richiede di prestare attenzione a ciò che ci succede attorno. Questo, prima di tutto, per gli altri. Le persone vogliono sentirsi considerate, vogliono condividere ciò che pensano, amano chiacchierare, ma soprattutto, vogliono essere rispettate. Ma, ancor di più, è fondamentale per non perdere momenti irripetibili e… reali.

In un mondo ormai sempre più virtuale, è importante godersi momenti di vita reale che non si ripeteranno mai più. Come quando si sta a un concerto e si è circondati da chi è troppo impegnato a immortalare il momento per viverlo sul serio (ostacolando anche la vista a noi che, invece, siamo molto consapevoli di ciò che stiamo vivendo!).

Pensa che molti artisti, come i Placebo o Bob Dylan hanno imposto la modalità phone-free ai loro concerti, proprio per assicurare un'esperienza di qualità a tutti i presenti.

Non usare il telefono a tavola

Lo sapevi che a tavola c’è anche il galateo del cellulare da rispettare?

Ebbene sì, oltre a fare attenzione a non posare i gomiti sul tavolo, dovresti anche ricordarti di non utilizzare lo smartphone quando si mangia in compagnia. È fastidioso e irrispettoso.

In verità, l’abitudine potrebbe risultare scorretta anche quando si è da soli. Il momento del pasto non ha solo l’obiettivo di riempirci lo stomaco, ma può rappresentare anche l’occasione per rilassarci e riflettere. E poi se si guarda ciò che si mangia, invece dello schermo del telefono, si riesce a godere molto meglio di sapori e profumi.

A tavola ricorda di tenere lo smartphone in tasca o lascialo nella borsa. E se sei con gli altri, evita di fotografare ogni singola portata costringendoli ad aspettarti.

Non camminare per strada con lo sguardo sullo schermo

Quante volte ti è capitato di essere travolto per strada da qualcuno che era troppo impegnato a inviare messaggi per guardare cosa (o chi) avesse davanti? E quante volte hai dovuto ascoltare l’intera conversazione di un altro passeggero sul tram?

Anche quando siamo per strada dovremmo imparare a utilizzare lo smartphone nel modo corretto. O magari non utilizzarlo affatto.

Attenzione sempre al tono della propria voce quando si è in chiamata – alle persone proprio non interessa cosa ti è successo l’altro giorno – e rimani vigile mentre cammini, specialmente quando devi attraversare la strada.

Leggi anche: Messaggi vocali, arriva il galateo digitale: perché dovresti evitare di inviarne troppi

Non pensare che tutti siano sempre raggiungibili

Oggi siamo sempre raggiungibili e lo smartphone lo abbiamo sempre con noi. Ma pensi che questo autorizzi chiunque a richiamarci all’azione?

Ricorda queste due regole:

  • chiama solo negli orari giusti che, generalmente, comprende la fascia dalle 10 del mattino alle 8 di sera;

  • se la persona che hai chiamato non risponde, è inutile riprovarci a oltranza.

Molte persone hanno la sana abitudine di abbandonare il cellulare per un po’. Magari perché stanno lavorando, magari perché semplicemente la sera vogliono rendersi irraggiungibili e godersi momenti di solitudine o intimità.

Ricorda sempre di rispettare i desideri altrui. E, anzi, prova anche tu a staccare un po’ la spina.