Qatar 2022: le caratteristiche dell'Al Janoub Stadium

I Mondiali di Qatar 2022 partiranno domenica 20 novembre: tutto sull'Al Janoub Stadium, uno degli otto impianti del torneo.

Al Janoub Stadium

Domenica 20 novembre, con la gara del Gruppo A tra i padroni di casa e l'Ecuador, avrà inizio finalmente il Mondiale di Qatar 2022, con la rassegna più importante in assoluto del panorama calcistico che si disputerà per la prima volta nel periodo invernale. A fungere da teatro delle gare della competizione saranno precisamente otto stadi, ognuno a suo modo particolare per quanto riguarda costruzione e struttura. Diamo qui uno sguardo all'Al Janoub Stadium.

Al Janoub Stadium: le sue caratteristiche

Tra gli otto stadi che ospiteranno le gare dei Mondiali di Qatar 2022 vi è anche l'Al Janoub Stadium, il secondo in ordine di tempo ad essere pubblicato in seguito alla ristrutturazione del Khalifa International Stadium. L'impianto è stato progettato da Zaha Hadid, e il suo design è collegato strettamente alla cultura della sua città.

La costruzione dell'impianto risale precisamente al 2014, con l'inaugurazione vera e propria che ha avuto invece luogo nel 2019. Notevole la capienza, con le gare che si terranno in questo stadio che potranno essere seguite da circa 40.000 spettatori. Per quanto riguarda invece la collocazione, l'Al Janoub Stadium si trova nella città di Al-Wakrah, situata a circa 20 km a sud della capitale Doha.

Una collocazione che ne fa lo stadio più a sud di questi Mondiali, con la città di Al-Wakrah che era in origine un piccolissimo villaggio di pescatori in cui aveva luogo la raccolta di perle sul Golfo Persico e diventata con il passare degli anni una delle città più grandi del Paese con circa 80.000 abitanti.

Come tutti i modernissimi stadi di Qatar 2022, anche l'Al Janoub è strettamente legato alla tradizione. Il suo design si vuole ispirare al dhow, la barca araba composta da più vele di forma triangolare. Le caratteristiche che puntano a richiamare in maniera forte la cultura araba non finiscono però qui: degna di menzione è anche la mashrabiyya, ovvero il classico sistema di ventilazione della zona circostante.

Tornando al dhow, che caratterizza la sporgenza dello stadio, questo è costituito da una rivestimento metallico che vuole come detto essere un richiamo alle tipiche strutture in legno utilizzate per le barche. Il tetto, di forma curvilinea, è un ulteriore riferimento alla tradizione marinara della città, con gli spettatori al suo interno che possono avere la sensazione di trovarsi all'interno di una vera e propria nave.

Il tetto, composto in parte di vetro per controllare le temperature, può anche richiudersi allo scopo di poter climatizzare non solo gli spalti ma anche il terreno di gioco. Ad essere provvisto di un sistema di raffreddamento per combattere le temperature, che in Qatar sono elevate anche in inverno, è però tutto lo stadio, con le tribune e il campo che potranno arrivare rispettivamente a 18 e a 20 gradi.

Per raggiungere la struttura, il metodo migliore è rappresentato dalla linea rossa della metropolitana e dal servizio di navette, che sarà disponibile nei giorni in cui si terranno le partite. L'Al Janoub Stadium si trova inoltre inserito all'interno di una vasta area che comprende terme, piscine e un centro commerciale, oltre a palestre, ristoranti, piste ciclabili e di equitazione e una moschea.

La prima gara che si è tenuta in questo stadio risale come detto al 2019, ed è la finale tra l'Al-Duhail e l'Al-Rayyan valevole per la finale della Coppa dell'Emiro del Qatar del 16 maggio di quello stesso anno. Per le nazionali, la prima gara in assoluto è stata invece tra Arabia Saudita e Qatar, una semifinale della Coppa delle nazioni del Golfo.

Al Janoub Stadium: il calendario delle partite

L'Al Janoub Stadium, che al termine di Qatar 2022 verrà ridotto in capienza da 40mila a 20mila posti, ospiterà sette partite. Questi i match in programma:

  • 22 novembre: Francia-Australia (Gruppo D)

  • 24 novembre: Svizzera-Camerun (Gruppo G)

  • 26 novembre: Tunisia-Australia (Gruppo D)

  • 28 novembre: Camerun-Serbia (Gruppo G)

  • 30 novembre: Australia-Danimarca (Gruppo D)

  • 2 dicembre: Ghana-Uruguay (Gruppo H)

  • 5 dicembre: Ottavo di finale

Leggi Anche

dani alves

Redazione Trend-online.com

22 feb 2024