Bayern Monaco, 33 scudetti vinti ma 5 stelle sulla maglia: ecco il perché

Fregiarsi di stelle sulle proprie maglie è dimostrazione di forza e vanto: ecco perché il Bayern Monaco ne ha 5 nonostante abbia vinto 33 scudetti.

Serie A, Ligue 1, Liga, Premier League e Bundesliga: tutti i maggiori campionati europei hanno squadre che vantano almeno una stellina sulla propria maglia. Ma che cosa significa? E perché il Bayern Monaco, di gran lunga la squadra tedesca più vincente di sempre, ha 5 stelle?

Cosa significano le stelle nel calcio?

L’idea di apportare una stella ogni 10 campionati vinti fu di Umberto Agnelli, all’epoca presidente della Juventus. I bianconeri nel maggio del 1958 alzarono al cielo il loro decimo scudetto. Il dottore, per festeggiare e fregiarsi del traguardo appena conquistato, chiese alla Lega Nazionale l’approvazione di poter cucire sulle divise un simbolo, in ricordo del successo raggiunto. La LNP fece rimbalzare la proposta al consiglio federale della FIGC, che concesse la delibera.

Fu solo due mesi dopo l’approvazione che la Federazione decise la forma del simbolo: una stellina. Questa era stata mutuata dal CONI, il comitato olimpico nazionale italiano. Infatti, fin dal 1933, veniva concessa una stella ai presidenti delle federazioni sportive che più si erano distinti in “affermazioni di carattere internazionale”. L’usanza si è poi estesa agli atleti, tecnici, dirigenti e società che più avevano contribuito a portare in alto il nome dello sport italiano.

Dunque, l’idea delle stelle sulle maglie viene direttamente dall’Italia, ma ogni Paese ha le sue regole e le sue normative per assegnarle: scopriamole insieme.

Ecco perché il Bayern Monaco ha 5 stelle

Dal 2004 in Bundesliga le squadre possono fregiarsi di una stella ogni 3, 5, 10 e 20 campionati vinti. Prima della stagione 2020/2021 non si conoscevano i criteri per l’assegnazione di un’eventuale quinta stella, dal momento che nessuno aveva mai superato i 29 titoli.

In Germania, infatti, i campionati vinti si contano a partire dal 1963, anno di fondazione della Bundesliga, che per i tedeschi coincide con l’avvento del calcio moderno. È solo di recente, dunque, che si è potuto fare luce sulla questione, con il 30esimo campionato vinto dai bavaresi. I biancorossi, come da programma, hanno ottenuto la quinta stella nel maggio del 2021, diradando la nebbia d’incertezza che ancora aleggiava sulla faccenda. Il Bayern ora di campionati ne ha 33, e, secondo la logica, viaggia verso il sesto simbolino sulla maglietta: chissà quando arriverà.

Come funziona negli altri campionati

L’assegnazione delle stelle, lo abbiamo accennato, assume regole differenti per ogni Paese. In Inghilterra e in Spagna, per esempio, la legislazione non è per niente chiara, lasciando di fatto totale libertà – seguita dall’incertezza – ai vari club.

In Francia la situazione è più o meno simile, con la differenza che alcune squadre mantengono stabilmente una stella sulla maglietta. Seguendo quello che è il sistema italiano, il Saint-Etienne ne cuce una sulle proprie maglie, conquistata grazie ai 10 campionati vinti. Lo stesso dovrebbe fare il PSG, che vanta 11 titoli in patria, ma non è così: la squadra degli sceicchi non si fregia di alcuna stella sulle proprie divise. Il Marsiglia ne ha una, che però simboleggia l’unica Champions nella storia dei club francesi. Le ambiguità sono tante, così come le possibilità, che sono pressoché infinite: resta da vedere se la situazione normativa verrà regolamentata o lasciata in balia di sé stessa. Nel frattempo, i tifosi si godranno le partite, con o senza le stelle sulle magliette delle proprie squadre.

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate