La rinascita di Eriksen: dal ritiro al Manchester United

Quando l'anno scorso abbiamo visto le immagini di Christian Eriksen scampato per poco a un infarto, abbiamo gioito ma non avremmo mai pensato che sarebbe stato ad un passo dal Manchester United.

Image

Il calcio e la vita sono strani. Si può passare dall'avere tutto al non avere niente, e viceversa, in un continuo rimando di emozioni, sorpassi di sensazioni e così via. Certamente, nessuno di noi avrebbe potuto pensare cosa sarebbe successo a Christian Eriksen. che dalla scampata morte è passato prima al ritiro, poi al Brentford e infine al Manchester United.

Eriksen allo United

Christian Eriksen è ormai vicinissimo a vestire la maglia del Manchester United. Dopo aver trascorso la seconda parte della scorsa stagione con il Brentford, sempre in Premier League, il danese ha cessato il suo contratto e ora è pronto a ripartire dal calcio che conta ai massimi livelli.

Nella squadra che fu del grande Sir Alex Ferguson, ritroverà Erik Ten Hag che la scorsa stagione era alla guida dell'Ajax, e che lo aveva accolto col tutto il club per permettergli di riallenarsi dopo lo spavento dello scorso Europeo.

Al momento, sembrerebbe che ci sia pure l'offerta del Brentford per Eriksen, ma è chiaro che il centrocampista ex Inter vada a puntare quella dello United. Del resto, anche se quest'anno non giocherà in Champions League, la squadra si sta rinnovando e con il suo allenatore punta a tornare ai vertici del calcio inglese oltre che di quello europeo.

Il malore

Lo scorso 12 giugno 2021, come ben tutti ricordiamo, Eriksen si accasciò a terra durante la partita Danimarca-Finlandia valevole per i gironi dell'Europeo 2021. Gli attimi che seguirono divennero minuti, poi quasi un'ora per vederlo di nuovo cosciente e trasportato in fretta e furia all'ospedale.

Per riuscire a salvargli la vita anche in successive occasioni, i medici decisero di installargli un defibrillatore cardiaco sottocutaneo, il quale dovrebbe permettere al danese di ricevere degli impulsi elettrici in caso di nuovo attacco cardiaco improvviso.

Leggi anche: Chi è Akanji, il difensore che piace a Juve e Inter

Il doppio ritiro

Per molti giocatori questo avvenimento può significare il ritiro, del resto Eriksen ha famiglia, ha avuto la sua buona carriera sia a livello di club che di nazionale, chiedere di più alla vita e al calcio era difficile. Ma lui è stato caparbio e dopo un primo momento in cui ha fatto intendere di volersi ritirare, invece, ha proseguito con l'idea di tornare in campo.

La prima cosa da fare è stata quella di iniziare nuovamente ad allenarsi, e il centrocampista è tornato in ritiro ad allenarsi con l'Odense, squadra danese. Poi, ha cercato di superare l'Istituto di Medicina del Coni, per il quale giocare a calcio in Italia con il defibrillatore è vietato, ma non ci è riuscito, quindi ha detto addio all'Inter il 17 dicembre 2021.

In seguito ha continuato ad allenarsi e come detto ha trovato dopo l'Odense pure l'Ajax. In Olanda è stato un ritorno visto Eriksen aveva giocato per il club di Amsterdam dal 2009 al 2014, prima di essere ceduto al Tottenham. Proprio in Premier, poi, ha trovato la sua nuova vita calcistica.

Brentford

Il 31 gennaio 2022 Christian Eriksen è tornato alle dipendenze di un club di calcio. Si tratta del Brentford che milita in Premier League e ne ha richiesto le prestazioni per poterlo riportare a una carriera agonistica. E il danese non si è fatto pregare.

Il debutto non arriva subito, ma quasi un mese dopo, nella partita persa contro il Newcastle per 2-0, quando il centrocampista subentra a partita in corso, tra gli applausi del pubblico. Il primo assist avverrà contro il Burnley, mentre il primo gol contro il Chelsea. Ciò, parlando di club e non di nazionale.

Il ritorno con la Danimarca

Ben prima del gol al Chelsea con la maglia del Brentford, infatti, Eriksen è tornato alla gioia della rete con la sua Danimarca. Il 26 marzo contro l'Olanda, segna il momentaneo 3-2, e si ripete pochi giorni dopo contro la Serbia, nel rotondo 3-0 della sua nazionale.

Ora, l'obiettivo è puntato ai mondiali in Qatar del novembre-dicembre 2022. Per riuscire in una nuova impresa storica, dopo le semifinali di Euro 2021, Eriksen dovrà dare tutto con il Manchester United, così da tornare uno dei centrocampisti più forti d'Europa.

Leggi anche: Chi è Romagnoli, il centrale in uscita dal Milan in arrivo alla Lazio