Una notizia che farà storcere il naso a molti tifosi della Juventus: lo stipendio di Dybala all'Inter non sarà faraonico e sarà addirittura più basso rispetto a quello di altri giocatori Bianconeri. La dirigenza e l'entourage del giocatore si sono incontrati nuovamente e hanno discusso del suo futuro. La Joya può vestire la maglia Nerazzurra e per l'accodo definitivo sembra essere solo questione di tempo.

La Joya all'Inter, le parti sono vicine

Basta nominare assieme "Dybala" e "Inter" per provocare un brivido sulla schiena dei tifosi juventini, brivido che diventa dolore quando si scoprono le cifre dello stipendio.

L'attaccante argentino si è ulteriormente avvicinato ai Nerazzurri e questo perché l'offerta della dirigenza interista è stata considerata interessante, sia dall'agente che dal giocatore.

Fino a qualche mese fa sarebbe stato impensabile vedere la Joya vestire la maglia degli acerrimi rivali dei juventini ma, ora come ora, la trattativa sembra più indirizzata che mai.

Fumata bianca? Non ancora, ma sembra essere solo questione di tempo anche perché all'orizzonte non ci sono altre offerte credibili per il momento.

Nei prossimi giorni l'entourage del giocatore e la dirigenza si incontreranno nuovamente e l'impressione è quella che si prenderà una decisione, e anche in fretta, l'Inter ha bisogno di sapere al più presto che cosa deciderà Dybala anche per capire come muoversi sul mercato, con il nome di Lukaku che riecheggia nuovamente.

Dybala all'Inter, lo stipendio

Abbiamo scritto i precedenza che Dybala è molto vicino all'Inter e questo nonostante lo stipendio non sia faraonico.

Intendiamoci, parliamo comunque di un contratto che parte da una grande somma di denaro al quale si aggiungeranno anche i bonus, ma la cifra è più bassa di quello che ci si poteva aspettare.

L'offerta formale stipulata dai Nerazzurri è di 6 milioni di euro più incentivi e bonus, dei quali si deve ancora discutere, per quattro anni.

A stuzzicare l'attaccante argentino, più che la somma dello stipendio in sé, è la lunghezza del contratto che lascia intendere che la dirigenza crede fortemente in lui.

Questo a Paulo piace, e molto anche dato che è proprio quello che cercava dalla Juventus ovvero essere il fulcro di un progetto, sia presente che futuro.

Se si valutano i 6 milioni di euro di base si può tranquillamente constatare che non sono più di quelli che avrebbe ricevuto alla Juventus, e che sono anche inferiori rispetto ad altri giocatori della Serie A, Juventus e Inter comprese.

Perché non è rimasto alla Juventus

Alla luce dello stipendio di Dybala all'Inter, delle sue cifre e della sua durata è spontaneo chiedersi perché la Joya non sia rimasto alla Juventus.

La risposta è più complicata di quello che si può pensare, dato che i fattori da considerare sono tanti e che tutti assieme hanno inciso sulla sua decisione.

Iniziamo dicendo che gli infortuni, e dunque il basso rendimento delle ultime stagioni, hanno inciso molto soprattutto per via della poca affidabilità sul numero di presenze.

Dybala aveva preteso un aumento dell'ingaggio che la dirigenza era anche disposta ad assecondare, almeno questo in un primo momento.

Dopo lo sfortunato ed ennesimo infortunio il club ha deciso di abbassare le cifre non mantenendo la parola data, e questo ha scontentato Dybala.

Più che per un fattore economico lo ha scontentato perché l'attaccante argentino voleva essere considerato un top player e invece Rabiot, per dirne uno, percepisce uno stipendio più alto del suo.

Con l'arrivo di Cristiano Ronaldo non si è più sentito al centro dell'attenzione, qualcosa si è rotto e le sue sicurezze si sono abbassate assieme alle prestazioni.

Si può capire come ogni piccolo fattore sia indispensabile nel creare una situazione del genere, la stessa che ha allontanato la Juventus e Dybala.

Non solo una questione economica

Quello che i media hanno erroneamente fatto passare è che tra Dybala e la Juventus sia finita solamente per una mera questione di soldi, ma questo non è vero.

Il rapporto si è incrinato anche per una questione di soldi ma non è stato sicuramente l'unico aspetto della questione.

Le lacrime della Joya nell'ultima partita in Bianconero non erano finte, è stato lo sfogo di un ragazzo che ha indossato la stessa maglia per ben sette anni consecutivi.

A Torino è cresciuto, è diventato grande ed è esploso anche come calciatore, deve tanto alla città e soprattutto ai suoi tifosi.

Ciò non toglie, però, che ora che ha raggiunto la piena maturità calcistica non possa sentire l'esigenza di sentirsi il fulcro della squadra, ed è proprio quello che stava cercando.

Per sentirsi così aveva anche l'esigenza di percepire un ingaggio congruo al suo ruolo, ma questo non gli è stato concesso a causa di una stagione molto sfortunata.

È difficile sentirsi protagonisti quando altri giocatori, perlopiù criticati, guadagnano di più e la questione economica si è basata principalmente su questo aspetto.

La differenza tra il trattamento che gli ha riservato la Juventus e quello che gli sta riservando l'Inter è proprio questa, indipendentemente dai soldi a Milano diventerebbe il fulcro del progetto mentre alla Juve non era più considerato tale.

Dybala, Lukaku e Lautaro Martinez

Ora che lo stipendio di Dybala all'Inter non è più un mistero cerchiamo di fare il punto sull'intricata questione mercato, parlando ovviamente del reparto offensivo.

L'Inter deve risanare il bilancio e i più papabili come partenti sono due: Bastoni e Lautaro Martinez.

Detto questo, non è da scartare l'ipotesi che restino entrambi e che l'Inter risani il tutto con plusvalenze e con vari tagli e svincoli.

L'ipotesi che si paventa, dunque, è quella che l'Inter porti a casa Dybala a parametro zero e che compia un altro colpo in attacco: Lukaku in prestito dal Chelsea.

Se questo accadesse il tridente offensivo titolare sarebbe composto da Dybala, Lautaro Martinez e Lukaku, e gli avversari potrebbero iniziare a tremare.

Tre pezzi da novanta, tre campioni che renderebbero competitivo l'Inter non solo in campionato ma anche in Europa.

Al contempo però è da capire se tre ingaggi così altri possano essere gestiti, o se la dirigenza debba rinunciare a uno dei tre per forza.

Staremo a vedere come si muoverà la dirigenza interista, con Marotta che ancora una volta sta infiammando il calciomercato estivo con colpi da fuoriclasse.

Le altre offerte per Dybala

In attesa di vedere se Dybala accetterà o meno il trasferimento all'Inter e il relativo stipendio parliamo della altre offerte ricevute, c'è qualcosa di concreto?

Dalla Premier League ci sono stati i sondaggi di alcuni club, Arsenal, Manchester United e Tottenham hanno solamente chiesto informazioni prima di decidere di non puntare sul giocatore, mentre il Newcastle è stato scartato proprio da Dybala.

Le ultime offerte ricevute non hanno trovato il gradimento del giocatore, oltre al Newcastle anche Siviglia e Borussia Dortmund si sono proposte ma, anche in questo caso, l'attaccante ha declinato ll'invito.

L'attaccante argentino è deciso a rimanere in Italia a meno che un top club non viri deciso su di lui, e in questo momento non sta accadendo.