La sosta nazionale non piace quasi mai, eppure stavolta ci si gioca tutto in 180 minuti. In particolare, i primi 90' di questi potrebbero già essere decisivi nel girone C, quello dell'Italia, dove si affronteranno in una grande sfida Germania e Ungheria. Ecco dove vederla in tv e le probabili formazioni.

Germania-Ungheria, dove vederla in tv

Nel gruppo C di Nations League vanno in campo quattro nazionali a cerca di conferme. In particolare, l'Italia scenderà in casa contro l'Inghilterra per ribadire la sua forza nonostante la mancata qualificazione al mondiale, mentre in Germania, i tedeschi affronteranno l'Ungheria nella sfida di testa del girone.

Per vedere quest'ultima partita in tv, che scatterà alle 20:45 dalla Red Bull Arena di Lipsia, bisognerà necessariamente avere l'abbonamento a Sky. Difatti, le squadre andranno in onda su Sky Sport Uno, e ovviamente pure in streaming su Sky Go e Now Tv.

Germania, la probabile formazione

La Germania ha chiuso bene la scorsa tornata di partite in Nations League, addirittura con un rotondo 5-2 alla nostra nazionale. Tuttavia, il calcio di giugno fa sempre poco testo, soprattutto quando si giocano 4 partite in pochissimi giorni.

Per questo, il CT Flick, ex allenatore piglia-tutto del Bayern Monaco, scenderà in campo col solito 4-2-3-1 che può trasformarsi all'occorrenza in un 4-3-3, mettendo gli uomini migliori a disposizione, ovverosia: Ter Stegen,  Klostermann, Süle, Rüdiger, Raum, Kimmich, Gündogan, Hofmann, Müller, Sané, Werner. Da notare l'assenza di Neur tra i pali per indisposizione all'ultimo minuto.

Leggi anche: Maignan, infortunio in Nazionale: ecco quante partite salta

Ungheria, la probabile formazione

L'Ungheria del CT italiano Marco Rossi è stata la grande sorpresa dello scorso giugno. Una sola sconfitta contro l'Italia e poi ben due vittorie contro l'Inghilterra, di cui una a domicilio addirittura per 4-0, fanno si che i magiari siano in cors per la vittoria del gruppo C e per l'agognata final four della Nations League.

Per questo, l'ex calciatore tra le altre della Sampdoria, ha scelto di non modificare la propria formazione ne il proprio modulo, che sarà un 3-4-2-1, con una difesa più a 5 che a 3 in fase difensiva. In campo dovrebbero scendere: Dibusz, Szalai, Orban, Lang, Nagy, Styles, Schäfer, Fiola, Sallai, Szoboszlai, Szalai.

Il momento della Germania

Come detto, la Germania sta affrontando un buon momento dopo i buoni risultati ottenuti a giugno scorso nel gruppo C di Nations League. La nazionale allenate da Flick ovviamente pensa al colpo grosso, cioè i mondiali in Qatar del prossimo novembre-dicembre, ma è chiaro che chiudere il girone davanti a Italia e Inghilterra, con una di queste due compagini che rischia la retrocessione in Lega B, sarebbe certamente una goduria.

Per riuscire a farlo, bisogna non solo battere l'Ungheria e prendersi il primo posto nel gruppo C, andando a quota 9 punti proprio a più 2 sui magiari, bensì anche ripetersi poi contro gli inglesi a casa loro, lì dove giocare e vincere per la Germania è sempre stato difficile. Tuttavia, la selezione di Flick ha tutte le carte in regola per mandare segnali in vista della Coppa del Mondo.

Il momento dell'Ungheria

L'Ungheria sta affrontando un gran bel momento emotivo, grazie agli ottimi risultati ottenuti a giugno scorso nel gruppo C di Nations League. Marco Rossi è riuscito da tempo, in particolare dal 2018 anno del suo arrivo sulla panchina della nazionale magiara, a plasmare i suoi giocatori al meglio.

I risultati sono sotto gli occhi di tuttti, soprattutto dopo quanto fatto vedere all'Europeo, nel girone peggiore con Portogallo, Francia e proprio Germania. Gli ungheresi difatti hanno perso solo contro i lusitani, mentre con le altre due squadre hanno pareggiato e seppure non c'è stata la qualificazione agli ottavi, hanno meravigliato l'Europa.

Ora è tempo di meravigliare ancora, pure se è difficile pensare di andare in Germania e vincere. Questo perché a differenza del giugno scorso, siamo a inizio stagione e le nazionali più quotate hanno meno problemi nell'affrontare le sfide. Tuttavia, è in dubbio che l'Ungheria proverà a stupire ancora andando a caccia delle final four.

Leggi anche: Andrea Ranocchia rescinde col Monza: cosa è successo