Chi è Herve Renard, l'allenatore dell'Arabia Saudita eroe di Lusail

Herve Renard è uno degli artefici del trionfo dell'Arabia Saudita sull'Argentina. Ma vediamo in maniera approfondita chi è il mister francese, dagli inizi allo storico successo del 22 novembre 2022.

Herve Renard

Herve Renard è diventato un vero e proprio eroe nazionale in Arabia Saudita. Un occidentale che conquista il cuore della patria di Maometto e dell'Islam. Il tecnico francese insegna calcio  all'albicleste in quel di Lusail, in Qatar mettendo in ginocchio la squadra di Messi e co. con una super Arabia Saudita che quasi sicuramente aggiungerà un nuovo giorno festivo al suo calendario. Scopriamo chi è il mister che ha fatto sognare i sauditi.

Chi è Herve Renard: dall'Europa all'Asia

Herve Renard, 54 anni, francese. La sua patria lo ha masticato e poi buttato via etichettandolo come un tecnico non idoneo al gioco del calcio. Mister Renard però non si è dato per vinto dimostrando di avere la stoffa per essere un vincente. Renard è stato prima un calciatore ma come quasi tutti i grandi allenatori non ha avuto successo e allora ha deciso di prendere il timone. Come già anticipato, la Francia non gli ha mai dato troppe opportunità nonostante avesse già vinto tanto. Renard ha infatti allenato solo il Sochaux e il Lille. La sua carriera da mister è iniziata al Drauguignan, squadra in cui ha militato anche come difensore. La sua svolta avviene però nel 2002 quando Claude Le Roy, lo chiama come su vice in Cina. Da quel momento, per Renard, si apre un nuovo mondo.

Il successo in Africa con Zambia e Costa d'Avorio

Il suo bel calcio fa il giro del sud e dell'est del Mondo. Prima in Cina, poi in Vietnam. Torna in Europa allenando in serie minori in Inghilterra e in Francia. Renard però si rende conto che le squadre di club forse non fanno per lui e allora alla chiamata delle nazionali risponde presente. La prima bandiera che allenerà sarà quella dello Zambia, con il quale dal 2008 al 2010 riuscirà a conquistare i quarti di finale di Coppa d'Africa. Con la nazionale africana però mister Renard non aveva ancora chiuso i conti e voleva vincere ad ogni costo. Nel 2011 torna infatti sulla panchina dello Zambia e nel 2012 compie un'impresa: vince la Coppa d'Africa ai rigori contro la Costa d'Avorio con il risultato di 8-7. Per farsi perdonare dagli ivoriani Herve Renard decide di portare sul podio anche loro. A distanza di tre anni, nel 2015, sulla panchina della Costa d'Avorio, si replica e vince nuovamente la coppa d'Africa. Il mister francese entra così nella storia diventando il primo allenatore a trionfare due volte nella competizione. Herve Renard sfiora l'impresa anche con il Marocco. Dal 2016 al 2019 allena la nazionale marocchina e la conduce, dopo 20 anni di assenza, ai Mondiali in Russia nel 2018. La sua esperienza in Marocco però si concluse con una sconfitta al primo turno dei Mondiali e una sconfitta agli ottavi di finale della coppa d'Africa 2019 contro il Benin

"L'impresa degli 11 di Lusail", 22 novembre 2022. Una data da ricordare per l'Arabia Saudita 

Mister Renard però non si dà per vinto e il suo approccio piace ai sauditi. Nel 2019 gli viene affidata la panchina dell'Arabia Saudita. In Medio Oriente c'è stato molto fermento dopo l'assegnazione della Coppa del Mondo al Qatar e nessuno vuole fare brutta figura. Contro qualsiasi pronostico, allora, Renard fa un esordio da paura agli occhi del Mondo: batte l'Argentina 2-1 con la sua Arabia Saudita allo stadio Lusail. L'albiceleste era imbattuta da 36 gare ed era la squadra più temuta di tutte; ma non per mister Renard. Da La Mecca, passando per Medina, a Riyad, per i sauditi questa vittoria è stata quasi come vincere un Mondiale. Herve Renard è entrato nel cuore della tifoseria dell'Arabia Saudita e in tanti lo descrivono come un vero e proprio eroe nazionale. Il 22 novembre per i sauditi non sarà più un giorno come gli altri, ma quasi sicuramente diventerà festa nazionale per ricordare l'impresa degli 11 di Lusail guidati da Herve Renard.

Leggi anche: Ronaldo e Messi giocano a scacchi, nella foto c'è un citazione che non ha capito nessuno