Chi è Jovan Kirovski, il dirigente che Ibrahimović vuole a tutti i costi al Milan

Ibrahimović vuole rendere il favore a chi nel 2018 lo aveva portato in MLS. Ma chi è Jovan Kirovski? Tutto sul dirigente americano.

Un passato da calciatore non particolarmente esaltante, poi la carriera da dirigente sportivo sempre ai massimi livelli seguendo il modello vincente americano: chi è Jovan Kirovski?

Chi è Jovan Kirovski: la carriera da calciatore

Kirovski, contrariamente a quanto farebbe pensare il cognome, nasce in California, a San Diego. Le sue origini sono macedone, ma si sentirà sempre americano. Gioca come attaccante: a 16 anni il Manchester United crede in lui, e lui vola oltreoceano per far parte delle giovanili dei Red Devils. Con gli inglesi segna caterve di gol, ma non esordisce mai in prima squadra perché non gli viene concesso il permesso di lavoro.

Firma un contratto con i tedeschi del Borussia Dortmund, con cui rimane per 3 anni in tutto. Con i gialloneri vince la Champions League nella stagione ’96-’97, diventando il primo americano nella storia ad aggiudicarsi la Coppa dalle grandi orecchie. Quell’anno segna una rete nella competizione, ma è l’unica che metterà a referto nei suoi 3 anni a Dortmund. Dopo le prime due stagioni passa in prestito al Fortunia Colonia, senza brillare, per poi tornare dai gialloneri con cui non totalizzerà alcuna presenza nella stagione ’99-’00.

Passa allo Sporting Lisbona, ma la storia si ripete: Kirovski viene utilizzato poco e non parte quasi mai titolare. Torna in Inghilterra – dove aveva fatto fortuna con la primavera dei Red Devils – e approda al Crystal Palace, all’epoca militante nella Serie B inglese. Qui trova finalmente continuità d’impiego e riesce a segnare 5 gol in stagione. Arriva la chiamata del Birmingham City, con cui rimane per due anni. Ma anche nelle West Midlands non riesce a trovare continuità, così decide di tornare in patria.

A credere in lui sono i Los Angeles Galaxy. Nella stagione ’04-’05 arriva in doppia cifra di gol per la prima volta in carriera. Dopo un anno approda ai Colorado Raptors, con cui segna 12 gol in tre anni. Dopo una breve esperienza ai San Jose Earthquakes torna ai Los Angeles Galaxy con cui termina la propria esperienza da calciatore nel 2012.

In Nazionale ha debuttato appena 18enne in una sfida contro l’Arabia Saudita. Con la maglia a stelle e strisce ha segnato 9 gol in 62 presenze messi a referto in varie competizioni internazionali: ha partecipato alle Olimpiadi americane del ’96 e a due edizioni della Confederations Cup.

Una sfida da dirigente: “l’American mentality”

Dopo il ritiro, Kirovski passa un anno a fare da vice allenatore dei LA Galaxy. Nel 2013 viene promosso come direttore tecnico, un ruolo molto simile a quello di allenatore per compiti svolti e responsabilità. Il direttore tecnico affianca il ct e gestisce la squadra, in più collabora con altri membri dello staff, tra cui gli amministratori. La sua mentalità ha portato moltissimi traguardi nella città del peccato, specie di natura mediatica.

Sotto la sua guida tecnica i Galaxy hanno portato oltreoceano una leggenda del Liverpool come Steven Gerrard. Ma il suo fiore all’occhiello è stato senza dubbio l’ingaggio di Zlatan Ibrahimović nel 2018. Il campione svedese ha innalzato e non di poco il livello – calcistico, tecnico e mediatico – del campionato americano, e tutto grazie a Jovan Kirovsky. E ora Ibra lo vuole nella dirigenza rossonera per provare a portare a un livello ancora più alto la mentalità vincente a stelle e strisce del club di via Aldo Rossi. Come Cardinale, anche Kirovski è pronto a servirsi del “metodo Moneyball”? I tifosi del Milan lo ricordano bene: si tratta dell’algoritmo utilizzato dalla società rossonera per la sessione di calciomercato intrapresa dopo l’addio di Maldini.

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate