Superlega, la Juventus esce dal progetto: ecco i motivi e gli scenari

La Juventus ha deciso di uscire dal progetto Superlega e informa di aver già trasmesso una lettera a Barcellona e Real Madrid, ecco i motivi.

Passo indietro della Juventus sul progetto Superlega, la società informa di aver già comunicato la sua decisione alle altre due squadre maggiormente coinvolte: Barcellona e Real Madrid. Ecco ora che cosa accadrà ai bianconeri e come cambia il suo rapporto con la UEFA.

La Juventus abbandona il progetto Superlega

Dopo che per anni ne è stata una delle massime esponenti, la Juventus ha deciso di abbandonare il progetto Superlega. Se n’è discusso a lungo, sul suo funzionamento, sul suo valore e su come avrebbe potuto rivoluzionare il calcio europeo.

Qualcuno ne era rimasto affascinato, qualcun altro inorridito, per la vecchia dirigenza rappresentava una priorità, ora però, per quella nuova, sembra non essere lo stesso.

E così la società bianconera ha comunicato a Barcellona e Real Madrid la sua decisione: l’abbandono del progetto. La Superlega era stata presentata nell’aprile del 2021 e aveva sancito uno strappo importante con la UEFA.

I dialoghi s’interruppero praticamente fin da subito, e tra minacce di sanzioni e tribunali in vista, la nuova lega non ha mai preso piede.

“La Juventus informa di aver trasmesso una comunicazione a Barcellona e Real Madrid al fine di avviare un periodo di discussione avente ad oggetto l’eventuale uscita di Juventus dal progetto Superlega”

Tre righe fondamentali attraverso le quali la Juventus fa un passo indietro con lo scopo di farne due in avanti nei rapporti con la UEFA. Con questo dietrofront la società bianconera si distanzia anche dall’A22, la società che sta promuovendo il progetto.

I motivi del passo indietro

La Juventus ha dovuto trascorrere una stagione difficile e complicata che, in qualche modo, l’ha messa alle corde. Tribunali, inchieste, gli incubi delle sanzioni sportive ed economiche e sullo sfondo quelle che potrebbero arrivare proprio dalla UEFA.

La nuova gestione ha deciso di dare un taglio netto con quella precedente, sistemando quel che non andava e prendendo le distanze da quello che potrebbe metterla in difficoltà in futuro.

Prima di tutto ha quindi affrontato i tribunali della giustizia sportiva italiana, e poi ha deciso di ricucire i rapporti con la UEFA. Per farlo ha però dovuto sacrificare qualcosa, e quel qualcosa è la Superlega.

In casa dei bianconeri nessuno vuole ritrovarsi nella stessa situazione di quella vissuta nel corso di questa stagione, e per questo è stata una mossa politica di grande valore e impatto.

Nel dialogo tra UEFA e Juventus è interceduto anche Gravina, che ha contribuito a risanare il rapporto tra le parti. Ora sembra che la prossima stagione possa scorrere con meno problematiche e intoppi extra campo, proiettando i bianconeri in una nuova fase della loro storia.

Leggi anche: Milan, esonero di Maldini e Massara: ecco cos’è successo

A22 non ci sta e accusa la UEFA

La comunicazione della Juventus è stata accolta in modi diversi dalle parti in causa. Per il momento Barcellona e Real Madrid non si sono esposte, ma A22 sì.

As, citando A22, scrive “inaccettabile pressione a cui è stata sottoposta la Juve, che è stata minacciata di cacciarla dalle competizione europee per tre anni se non avesse abbandonato il progetto Superlega”.

A22 ha inoltre comunicato che intende presentare al giudice del Tribunale provinciale di Madrid le prove di “minacce e coercizione” subite dalla Juventus.

Insomma, la questione è tutt’altro che conclusa, anche se i bianconeri il loro passo indietro già l’hanno fatto. Staremo a vedere ora che cosa accadrà sul fronte UEFA, le prossime settimane saranno fondamentali.

Leggi anche: Spezia-Verona, dove e quando si gioca lo spareggio: ecco tutto quello che c’è da sapere

Manuel Saccon
Manuel Saccon
Copywriter freelance, classe 1996. Diplomato al liceo delle scienze umane Galileo Galilei di Dolo, coltivo da sempre la passione per la scrittura in tutte le sue forme. Ho seguito un corso di formazione per potenziare le mie conoscenze in ambito social media e copywriting. Collaboro con due redazioni online, seguo la comunicazione di un brand in fase di lancio e gestisco la scrittura creativa di alcuni locali. Sono appassionato di sport, di musica, di serie tv e del mondo del sociale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
778FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate