Chi è Livakovic: il portiere della Croazia che ha parato tre rigori al Mondiale

Eroe per un un giorno e protagonista assoluto. Livakovic para tre rigori agli ottavi di finale e trascina la Croazia ai quarti di finale. Ecco chi è.

livakovic chi e

Ci sono serate nella carriera di un calciatore che rimangono indelebili. Gli ottavi di finale tra Croazia e Giappone è una di queste per Livakovic che è riuscito a parare tre rigori in una singola serie. Andiamo a vedere chi è.

L'eroe degli ottavi di finale

Eroe per un giorno, Livakovic è diventato l'uomo del momento grazie ai tre rigori parati contro il Giappone.

Tra tutte le stelle presenti nella rosa dei biancorossi alla fine il giocatore decisivo è lui, quello che non ti aspetti.

27 anni, gioca nella Dinamo Zagabria e di professione fa il portiere, Livakovic contro il Giappone ha però deciso di mettere il mantello da super eroe oltre che i guantoni.

Si tuffa una volta a sinistra e due a destra, incanta i tiratori dal dischetto e alla fine esulta con i compagni.

Se la Croazia è riuscita a passare il turno, contro un Giappone in splendida forma, gran parte del merito va a lui.

Ora la difficoltà aumenterà ulteriormente ai quarti di finale, dato che l'avversario sarà il Brasile.

Livakovic però apparentemente non teme nessuno, e a questo punto saranno i sudamericani a sperare di chiudere la pratica prima di andare dagli undici metri.

Chi è Livakovic

Dominik Livakovic ha 27 anni, classe 1995, è alto un metro e ottantotto ed è un punto di riferimento non solo della sua Nazionale, ma anche del suo campionato.

Dopo aver iniziato la carriera all'NK Zagabria, ha attirato su di sé le attenzioni della Dinamo Zagabria, squadra che difende dal 2016.

Divenuto uno dei punti fermi del club, vince il campionato dal 2018, senza mai un anno di stop.

Può vantare diverse presenze in Europa League ma non solo, anche in Champions League.

I tifosi milanisti lo sanno bene dato che la Dinamo è stata una delle avversarie proprio dei rossoneri.

Contro il Milan però, ha dimenticato il mantello a casa e Giroud ha segnato su rigore sia all'andata che al ritorno.

Nonostante sia sotto le luci della ribalta grazie alla prestazione contro il Giappone, Livakovic è un portiere di assoluto affidamento e lo dimostra da diverse stagioni.

Livakovic con la Croazia

Livakovic esordisce con la Maglia della Nazionale cinque anni fa, nel 2017.

La vetrina non è importante, è un'apparentemente banale amichevole contro il Cile.

La partita finisce in parità, e per l'occasione si va ai calci di rigore.

Dopo aver visto la prestazione dagli undici metri contro il Giappone, si potrebbe presumere che anche in quel caso l'esordio fosse quello di un predestinato.

Invece non c'è nessun romanticismo nel suo esordio, zero rigori parati e il Cile vince la partita.

Nei Mondiali del 2018, conclusi con la Croazia sconfitta solo in finale, Livakovic indossa la casacca da terzo portiere.

Che sia questo il momento giusto per la sua esplosione?

Leggi anche: Croazia-Brasile: i precedenti e le statistiche delle due squadre

Il record di Livakovic

Dopo aver capito chi è Livakovic, e qual è stato il suo approccio alla Nazionale, andiamo a vedere un aspetto molto interessante della sua carriera.

Infatti, nella partita vinta ai rigori contro il Giappone, non solo ha trascinato la Croazia ai quarti di finale ma ha anche conquistato un record.

Livakovic è diventato il terzo portiere nella storia ad avere parato tre rigori in una singola serie in un Mondiale.

I suoi predecessori? Il primo è il portoghese Ricardo, che ai quarti di finale dei Mondiali del 2006, vinti dall'Italia, ha parato tre rigori all'Inghilterra, precisamente a Lampard, Hargreaves e Carragher.

Il secondo, nemmeno fosse uno strano scherzo del destino, è il suo connazionale Subasic.

Ai Mondiali dei 2018 riuscì a parare tre rigori alla Danimarca agli ottavi di finale, precisamente a Eriksen, Schone e Jorgensen.

Leggi anche: Inizia oggi lo smantellamento dello Stadium 974, Brasile-Corea è stata l'ultima partita