Maldini e Massara, sono alle prese con il loro rinnovo di contratto in quanto membri della dirigenza del Milan. Questa trattativa, ad oggi, non ha ancora trovato alcun riscontro di rilievo. Questo, poiché mancano alcuni dettagli ancora da definire.

Il progetto dei rossoneri, incentivato sicuramente dalla recente vittoria dello scudetto, ha fatto sì che i piani in ottica dirigenziale cambiassero radicalmente. E questo, è sicuramente un valore aggiunto, che potrebbe comunque costringere la dirigenza a voler rivedere alcune delle sue numerose priorità.

Maldini e Massara alle prese col rinnovo

Oltre al calciomercato, il Milan ha a che fare anche con il rinnovo di Maldini e Massara. Questa situazione, infatti, ha creato un alone di mistero che impedisce di vedere con chiarezza ciò che in realtà sta succedendo. Il cambio di proprietà che si ha avuto modo di pronosticare, ha favorito ulteriormente questa nuova ondata di cambiamento.

Una nuova era, per i rossoneri, che in seguito a tale situazione dovranno certamente partire da quelli che sono i vertici della società, se vorranno realmente fornire un nuovo assetto al Milan. Nonostante il rinnovo possa sembrare scontato, osservando con attenzione le tempistiche attuali in realtà non è affatto così.

Il contratto stipulato coi rossoneri da Frederic Massara e Paolo Maldini, uomini di mercato dei rossoneri, scadrà ufficialmente in data 30 giugno 2022. Questa data, essendo imminente, potrebbero costringere la dirigenza a velocizzare le operazioni prima del previsto.

Tuttavia, al momento, non sembra esserci alcuna possibilità che preveda di fatto un accordo tra le parti. Il che sembra abbastanza clamoroso, visto l'apporto fornito in ottica sportiva (e non) da parte dei due esponenti societari.

L'incontro avvenuto non molto tempo fa, aveva inizialmente lasciato ben sperare per un eventuale rinnovo anticipato. Tuttavia, tale discussione pare non aver portato a nulla di concreto. La situazione inizialmente rassicurante che i tifosi rossoneri hanno potuto constatare con mano propria, adesso inizia a vacillare. Portandosi con sé tutte le relative certezze passate.

La situazione in casa Milan

Allo stato attuale, la situazione in casa Milan non è certamente delle più rassicuranti. Quantomeno in merito all'argomento trattato, si intende dire. A livello sportivo, infatti, si stanno avendo dei riscontri tendenzialmente molto importanti.

Per esempio, l'arrivo di Divock Origi che manca solo di ufficialità definitiva. Arrivano buone notizie anche da Botman e Sanches, i cui arrivi potrebbero venir resi noti a breve. Senza dimenticare inoltre il riscatto di Messias dal Crotone, uno dei tanti artefici del capolavoro messo in atto da Stefano Pioli.

Insomma, il fronte riguardante il calciomercato sembra trasmettere emozioni decisamente differenti. Più rassicuranti, indubbiamente. Tuttavia, è proprio il rinnovo di Maldini e Massara, ad essere uno dei punti cardine di questo nuovo Milan.

D'altra parte, l'apporto che hanno fornito è certamente tangibile in tutto e per tutto. Tuttavia, almeno ad oggi, non si hanno ancora delle notizie che facciano pensare ad un rinnovo imminente. Il che è piuttosto insolito, dato che mancano solo 13 giorni alla scadenza ufficiale dei loro rispettivi contratti.

La situazione, non poco tempo fa, era già stata minata da un evento riguardante Paolo Maldini in persona. L'ex giocatore del Milan, ha infatti lamentato le mancate chiamate di rito che in realtà la società avrebbe dovuto riservargli, al fronte della sua scadenza di contratto.

Questo, inizialmente fece presagire alla mancata intenzione di un rinnovo contrattuale. Ipotesi che, fortunatamente, non sembra aver trovato alcun riscontro ufficiale. Questo, benché ad oggi non si abbiano chissà quali elementi validi per poterlo sostenere.

Ma in ogni caso, i prossimi giorni potrebbero essere indubbiamente risolutori, per far sì che si possa avere a propria disposizione un quadro chiaro ed esplicito riguardo a tale vicenda. I dettagli mancanti, in ogni caso, possono fornire senza ombra di dubbio quantomeno alcune certezze. Seppur poche, come è giusto che sia.

Leggi anche: Calciomercato Milan, piace Berardi per l'attacco: le cifre!

I dettagli mancanti

I dettagli mancanti per il rinnovo di Maldini e Massara, non sono ancora stati resi noti. Non del tutto, almeno. Naturalmente, come era già facilmente pronosticabile, la questione economica rappresenta un piccolo ostacolo. Nulla di insormontabile, ma è comunque una questione in grado di causare dei rallentamenti.

In ogni caso, questi dettagli sembrano non rappresentare alcun pericolo, per quelli che poi sono gli esiti della trattativa in questione. Uno dei dettagli principali, dunque, è proprio l'intesa economica tra le parti. Le due figure coinvolte, probabilmente, vogliono valutare al meglio la proposta che gli è stata rivolta.

Questo, per riflettere al meglio sulla decisione da prendere. Certo è che il tempo a propria disposizione è ormai poco, dato che mancano poche settimane prima che il contratto ancora in essere scada ufficialmente. Vista la centralità nel progetto, benché sia improbabile che ciò avvenga, una scadenza potrebbe non essere una notizia rassicurante.

Alcuni aspetti ancora da definire, potrebbero essere invece i vari obiettivi da programmare per la stagione. Un fattore condizionante, per esempio, potrebbe essere quello legato al budget messo a disposizione per il mercato. Oppure, la loro posizione in quello che sarà il Milan del domani.

Insomma, tutte incertezze che devono divenire certezze, per far sì che la strada per il rinnovo possa definirsi spianata a tutti gli effetti. Il ruolo che Maldini e Massara possono avere all'interno della società, in caso di rinnovo, potrebbe essere nuovamente un ruolo centrale.

Tuttavia, queste sono ipotesi che - come ripetuto - dovrebbero diventare dell garanzie. Solo così, infatti, si potrà arrivare finalmente a parlare di firme e ufficialità. Ma fino a che queste ipotesi rimarranno tali, non sarà affatto facile poterne parlare con chissà quale sicurezza dimostrabile.

Cosa succede in caso di scadenza?

In caso di mancato rinnovo da parte di Maldini e Massara, potrebbe esserci una grave perdita all'interno dell'intero ecosistema rossonero. Questo, infatti, potrebbe rappresentare concretamente un duro colpo da sopportare. Nonostante ci sia comunque una certa fiducia, è evidente come le scadenze in atto impongano quasi ad una velocità non sperata.

O quantomeno, non necessaria. L'incontro avvenuto con largo anticipo tra le parti, che si è tenuto qualche settimana fa nei pressi degli uffici appositi, aveva infatti lasciato ben sperare per una trattativa ordinata, e soprattutto portata avanti con cautela.

Tuttavia, a soli 13 giorni dalla scadenza effettiva sembra che le cose siano cambiate. Tutta quella sicurezza vista in precedenza non sembra esserci più, con tutte le conseguenti certezze che sono sfumate in men che non si dica. In caso di scadenza, la società si dovrebbe infatti trovare a fare i conti con dei nuovi arrivi.

Trattative difficili da imbastire, se si considera che la maggior parte dei progetti europei consolidati hanno già i loro uomini di riferimento alla propria corte. Dunque, trovare dei nuovi sostituti che possano accettare le condizioni della società in così poco tempo potrebbe essere un problema difficile da affrontare.

Ad ogni modo, dal vertice del club trapela un certo ottimismo, in vista del rinnovo dei due uomini di mercato direttamente coinvolti nella vicenda. Quello che è certo, è che i vari dettagli mancanti vanno per forza di cose riportati in auge, in modo tale da poter favorire le firme che servono.