Ventidue anni, da compiere il 1° luglio, e un futuro ancora tutto da scrivere: per Marco Carnesecchi questa sarà l'estate della definitivia consacrazione calcistica. Dalla formazione calcistica nelle giovanili del Cesena, alle esperienze poco fortunate con Atalanta e Trapani, ecco chi è il portiere che ha stregato Maurizio Sarri, tecnico della Lazio, pronto a tutto pur di portarlo a Roma. 

Chi è Marco Carnesecchi

Marco Carnesecchi nasce a Rimini ed eredita la passione per il calcio dal padre David, anche lui calciatore fino alla C2. Alto 1.90 per 80 Kg, inizia la sua carriera nel Sant'Ermete Calcio, una piccola realtà romagnola, dove viene notato dai dirigenti del Cesena che lo acquistano per aggregarlo nelle loro giovanili e crescere il portiere. 

Qui Marco Carnesecchi cresce, nel mito di Buffon e studiando le partite dei milgiori portieri in circolazione con un solo obiettivo: migliorarsi. Tuttavia è chiaro a tutti che il ragazzo mostra già in giovane età i lampi del predestinato: ed è chiaro soprattutto ai Percassi e all'Atalanta, da sempre attentissima ai settori giovani e vera e propria fucina di talenti.

Il Cesena ha bisogno di liquidità e l'Atalanta, convinta dalle prestazioni del calciatore, si cimenta in un investimento importante soprattutto per un ragazzo di diciassette anni: un milione e duecentomila euro.

Dopo aver terminato la stagione con il Cesena, Carnesecchi si trasferisce finalmente nella primavera dell'Atalanta dove, nel 2017, vincerà il premio di Miglior Portiere del campionato primavera, dopo una cavalcata degli orobici terminata però alla semifinali. Ma il sogno per Marco Carnesecchi e compagni è soltanto rimandato: nella stagione successiva infatti l'Atalanta si laurea campione d'Italia primavera.

L'esperienza al Trapani

Marco Carnesecchi però deve ancora crescere e per farlo ha bisogno di confrontarsi in un campionato professionistico. L'opportunità arriva dal Trapani, neopromosso in Serie B, che offre al calciatore una sfida affascinante e un ottimo step nel suo percorso di crescita professionale.

Acquistato dai Siciliani nel 2019, esordisce in campionato il 22 settembre nella sfida persa 1-0 contro la Salernitana. Si tratta di un anno altalenante per il giovane portiere: Marco Carnesecchi si guadagna infatti il posto da titolare mettendo insieme ben 33 presenze, ma il Trapani arriva terz'ultimo e retrocede in Lega Pro dopo appena un anno.

Ritorno all'Atalanta e prestito alla Cremonese

Nonostante la retrocessione e l'annata poco fortunata, l'esperienza a Trapani ha comunque contribuito ad aumentare il bagaglio dell'esperienze di Carnesecchi, che torna a Bergamo con maggiore consapevolezza e la voglia di ritagliarsi più spazio.

I pali dell'Atalanta però sono ben protetti da Gollini e Sportiello, e Carnesecchi non stravede per il ruolo di terzo portiere. Si profila per lui allora un nuovo prestito, stavolta alla Cremonese: la partenza con i grigiorossi è lenta, ma nella seconda parte di stagione diventa titolare e colleziona 20 presenze.

Pecchia, allenatore della Cremonese, conferma Maro Carnesecchi tra i pali e il prestito viene rinnovato di una anno: questa è la stagione del definitivo salto del giovane portiere. Grazie alle sue ottime prestazioni, Carnesecchi ha contribuito al raggiungimento del secondo posto in Serie B della Cremonese, valevole per il ritorno in Serie A per i grigiorossi dopo 26 anni.

La nazionale e l'interesse di Mancini

Marco Carnesecchi ha già fatto un'importante trafila nelle giovanili della nazionale. Nel 2019 partecipa sia all'Europeo Under 19 in Armenia, capitano della spedizione però uscita ai gironi, sia al Mondiale Under 20, dove esordisce con il Giappone parando addirittura un rigore nei minuti iniziali.

Il 2019 è anche l'anno dell'esordio nella nazionale Under 21, dove il CT Nicolato gli affida la difesa dei pali nella sfida vinta dagli azzurrini per 4-0 sulla Moldavia. Prorpio nell'Under 21, Carnesecchi si mette in mostra, all'Europeo dove l'Italia viene però eliminata dal Portogallo ai quarti.

Le ottime prestazioni fornite nelle giovani della nazionale, con tanto di fascia di capitano dell'U21, hanno acceso su di lui l'interesse del CT della nazionale maggiore Roberto Mancini, che ha chiamato Carnesecchi a Coverciano il 24 gennaio 2022. Ora, per Marco Carnesecchi si apre l'estate più importante della sua carriera, con tanti Top Club sulle sue tracce.

Sarri stregato: Carnesecchi alla Lazio?

La finestra di calciomercato non è ancora ufficialmente partita, ma i club si stanno già muovendo per ratificare gli accordi. Tra questi la Lazio, che con l'addio a parametro zero di Thomas Strakosha e l'età avanzata di Pepe Reina, è alla disperata ricerca di un portiere.

Maurizio Sarri è stato chiaro: in cima alla lista delle sue preferenze c'è Marco Carnesecchi. Il tecnico toscano è stato rapito dalle prestazioni del riminese in Serie B, ed è convinto anche del profilo del portiere, giovane e italiano, fondamentale per l'apertura di un nuovo ciclo.

La trattiva tra Lazio e Atalanta prosegue: gli orobici fanno del portiere una valutazione di circa 15 milioni, mentre la dirigenza capitolina non vorrebbe spingersi oltre gli 11-12. La sensazione è che con un piccolo sforzo, complice la volontà di Carnesecchi, la trattiva possa chiudersi.

C'è però una variabile che potrebbe complicare la trattiva: nell'ultimo allenamento con l'U21, Marco Carnesecchi ha rimediato un infortunio alla spalla la cui entità è ancora da definire.

Se gli ultimi report medici dovessero essere confermati, e il portiere decidesse di operarsi, dovrà stare fermo ai box per almeno 3 mesi. Una batosta che ha spinto i dirigenti romani a rivalutare l'investimento.

La sensazione è che, affidando la porta per le prime partite della stagione a Reina, la Lazio completerà comunque il trasferimento di Marco Carnesecchi su input di Sarri, così da regalarsi quello che sembra essere il portiere del futuro.

LEGGI ANCHE: Chi è Divock Origi: tutto sul prossimo rinforzo del Milan