Il calcio dei romantici da anni si è andato a farsi benedire. Forse l'ultimo esempio è stato Francesco Totti con la sua Roma, mentre oggi c'è l'esempio dei parametri zero. Certo, però, quando sono i presidenti a mettersi di mezzo, ecco che il romanticismo non può esserci. Anche per questo Mertens pare molto vicino alla Juve.

Mertens alla Juve

La notizia delle ultime ore è quella che fa tribolare il presidente Aurelio De Laurentiis, e tutta Napoli. Dries Mertens sarebbe interessato alla possibile offerta che potrebbe ricevere a breve dalla Juve, dopo il sondaggio avvenuto nei giorni scorsi. Tuttavia ha deciso di non disdire il contratto delle sua casa di lusso a Posillipo, Palazzo donn'Anna. 

Ciro, così come viene riconosciuto dai suoi ormai ex tifosi azzurri, starebbe dunque pensando realmente di fare lo sgarro al suo ex patron, così da mostrargli di che pasta è fatto nonostante la sua età sia arrivata ai 35 anni. Inoltre, ci sarebbe anche un altro motivo.

Vice-Vlahovic

Mertens andrebeb alla Juve non solo per via della forza della squadra, ma ovviamente anche e soprattutto come vice di Dusan Vlahovic, l'attaccante attorno al quale i bianconeri vogliono stringersi per arrivare almeno allo scudetto nella prossima stagione.

Certo, il serbo rispetto al periodo in viola ha peggiorato e di non poco la propria media realizzativa, però adesso con la preparazione estiva dovrebbe essere riuscito a entrare definitivamente nei meccanismi del gioco di Allegri. Inoltre, l'arrivo di Mertens alla Juve è agevolato dal fatto che il casting della dirigenza per altri calciatori non è andato a buon fine.

Leggi anche: Serie A 2022 23, tutte le maglie della nuova stagione tra tradizione e novità

Gli altri attaccanti

Come suddetto, oltre a Mertens, ci sono altri giocatori in lizza per il posto di vice-Vlahovic, ma nessuno pare poter essere acquistabile realmente. Il primo nome è chiaramente quello di Alvaro Morata, che da anni ha un grande rapporto con la squadra di Torino, ma quest'anno gli estremi per tornare ancora non ci sarebbero.

Passando al gallo Belotti, invece, ecco che questi sta aspettando la Roma, la quale deve prima liberarsi di un attaccante in uscita per poi poterlo ufficializzare. Quindi, la dirigenza bianconera ha pensato prima del belga ex Napoli pure a Muriel dell'Atalanta, ma i bergamaschi non intendono cambiare il loro attacco, quindi anche per Zapata niente da fare.

Ancora, ecco che la Juventus ha sondato il terreno per Martial e Kostic. Il primo, sembrerebbe finalmente rientrare nei piani a lungo termine del Manchester United di Ten Hag, mentre Kostic non dà particolari garanzie di successo a differenza degli altri.

Il mercato di Mertens

Nei giorni scorsi, sempre più insistentemente, si era parlato di un grande interessamento da parte della Salernitana per Dries Mertens. Tuttavia, il giocatore vuole la Champions League e la pazza offerta dei granata di circa 3.5 milioni di euro, sembrerebbe in realtà cosa non vera.

Quindi, tra le squadre che militano in Europa, ecco che oltre alla Juventus si è fatta dappresso la Lazio di quel Sarri col qual è diventato uno dei più grandi attaccanti del mondo, nonché primo calciatore del Napoli per reti segnate nella storia.

La Roma, invece, come detto dovrebbe passare direttamente a Belotti, anche se con Mourinho non si può mai sapere, e magari la sorpresa potrebbe arrivare lo stesso.

Dall'estero, poi, Mertens sarebbe stato avvicinato dal Marsiglia di Tudor, dai club turchi e soprattutto dal Trabzonspor dove milita Marek Hamsik. Inoltre, ancora, ci sarebbero su di lui pure l'Ajax e molto defilitao il Valencia di Gattuso. Infine, sarebbe tramontata la pista belga, che lo avrebbe riportato a casa.

L'addio al Napoli

Mertens a differenza di Insigne non ha potuto dare il suo addio al Napoli nello scorso campionato, nella partita casalinga contro il Genoa vinta dagli azzurri di Spalletti. Infatti, il suo è stato un non addio, poiché si pensava che avrebbe rinnovato.

Invece, la proposta di ADL non è stata congrua con le aspettative del giocatore, il quale seppure a 35 anni di età, è ancora una volta andato in doppia cifra. Il milioncino offerto dal presidente del Napoli era troppo poco, per questo adesso lo sgarro allo stesso da parte di Ciro non è più cosa inevitabile.

Leggi anche: La Sampdoria spinge sul calciomercato, dopo Djuricic ecco chi può arrivare