Smentita la notizia della morte di Mino Raiola. Al momento il famoso procuratore calcistico si trova ricoverato all’ospedale San Raffaele di Milano in condizioni gravi.

Il dottor Alberto Zangrillo, primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione, fa sapere che il noto agente sta “combattendo” e che la notizia della sua dipartita era una fake news ripresa da molte testate giornalistiche erroneamente.

Mino Raiola non è morto

Sta facendo il giro del web il Tweet pubblicato dallo stesso Mino Raiola in cui ironizza sulla falsa notizia della sua morte prematura.

"Il mio stato di salute, per chi se lo stesse chiedendo: furioso perché per la seconda volta in 4 mesi mi hanno ucciso. Mi sembra di essere in grado di risuscitare."

Queste le parole con cui l'agente calcistico ha commentato l’accaduto.

Le sue condizioni, però, restano gravi a causa di una malattia che lo tormenta da diversi anni e che lo ha costretto più volte a sottoporsi ad interventi chirurgici.

Chi è Mino Raiola

Mino Raiola è una delle figure più influenti del panorama calcistico per aver fatto intermediazione con mega-offerte che coinvolgono alcuni dei giocatori più importanti.

Tra i vari incarichi, è stato rappresentante di Pogba, Haaland, Ibrahimovic, Romelu Lukaku, Mario Balotelli, Marco Verratti e Henrikh Mkhitaryan.

I numerosi successi in qualità di agente gli hanno fatto guadagnare un posto nella classifica di Forbes del 2020, in cui è risultato al quarto posto tra i procuratori più influenti e ricchi del mondo: il suo fatturato ammonta a 84,7 milioni di dollari.