ll sogno scudetto sfumato ancora una volta nelle ultime giornate di campionato: nella scorsa Serie A, il Napoli è rimasto aggrappato alla scia di Milan e Inter per tutta la durata della competizione, salvo poi crollare alle battute finali. Una rosa da rinfondare, un mercato da analizzare: ecco tutti gli obiettivi dei partenopei.

Se c'è un aspetto che è stato evidenziato dalle scorse stagioni, è la difficoltà del Napoli a reggere la pressione: da Ancelotti a Spalletti, passando per Sarri e Gattuso, la squadra campana è sempre venuta meno dei momenti decisivi. Si profila allora la necessità di rinfondare la squadra, complici gli addii certi (Insigne e Mertens) e quelli a rischio, come Koulibaly e Fabian Ruiz.

Rifondazione Napoli: quanti addii

La volontà del Napoli è quella di ripartire con Luciano Spalletti in panchina. Dopo il terzo posto nella stagione scorsa, l'allenatore toscano è stato riconfermato alla guida dei partenopei. Tuttavia, la finestra di mercato attuale segnerà un grande cambiamento per il Napoli, visti gli addii, certi e probabili, che interesseranno la squadra di De Laurentis.

Addio certo come quello di Lorenzo Insigne: l'ormai ex capitano del Napoli è stato ufficializzato nel corso della stagione passata dal Toronto FC, squadra di MLS dove Insigne percepirà circa 7,75 milioni per quattro anni. Un addio pesante quello del capitano, che rischia di non essere l'unico.

Addio ad un passo anche quello di Dries Mertens: l'attaccante belga ha infatti scelto di non rinnovare alle condizioni proposte da De Laurentis, e rischia di andare a rinforzare una diretta concorrente del Napoli nella prossima stagione. Contatti certi con la Lazio di Sarri, ma il belga rientra anche tra gli obiettivi di mercato della Roma.

Discorso diverso per altri tre nomi fondamentali per il Napoli: Kalidou Koulibaly - contratto in scadenza tra un anno, piace molto a Juve e Barcellona ma il Napoli chiede 40 milioni - Fabian Ruiz - anche lui in scadenza tra un anno e senza intesa sul rinnovo - e Victor Osimhen, che ha ancora due anni di contratto ma anche offerte dalla Premier.

Sul passo d'addio anche Matteo PolitanoDavid Ospina e Diego Demme. Una squadra dunque da rinfondare: ecco allora i movimenti in entrata del Napoli, con tutti gli obiettivi del club.

Mercato in entrata: gli obiettivi del Napoli

De Laurentis ha già ufficializzato nei giorni scorsi l'arrivo di Mathias Olivera, 24 anni difensore uruguaiano del Getafe. Il giocatore ha subito una distorsione al ginocchio mentre si trovava in nazionale, ma per fortuna per il Napoli gli esami non hanno evidenziato lesioni importanti.

Altro acquisto già ufficializzato è quello di Khvicha Kvaratskhelia: l'attaccante giorgiano arriva dalla Dinamo Batumi e sarà un'arma in più nelle rotazioni offensive di Spalletti.

Il nuovo colpo del napoli è Leo Ostigard: il difensore norvegese arriva dal Genoa appena retrocesso, ma è di proprietà del Brighton. Il 22enne arriverà per una cifra vicina ai 5 milioni.

A vestire la maglia azzurra sarà con ogni probabilità Gerard Deulofeu: la trattativa con l'Udinese è alle battute finali, si parla di una cifra compresa tra i 15 e i 18 milioni di euro. L'attaccante spagnolo, all'ombra del Vesuvio, sostituira il partente Politano.

Il Napoli vuole tutelarsi anche in caso di addio di Fabian Ruiz, o comunque di una stagione da separato in casa di quest'ultimo: si fa largo all'ora l'ipotesi Antonin Barak. Il centrocampista ceco è un vero e proprio jolly di centrocampo del Verona, con il vizio del gol. Richiesto da Spalletti, serve però l'accordo con il Verona che spara alto: Napoli fermo a 11 milioni. 

Per un Ospina che saluta, c'è un Sirigu che arriva. Giuntoli tratta l'ex portiere del Genoa, ora svincolato, e avrebbe individuato nel 35enne il vice Meret ideale. Sviluppi sono attesi nel corso di questa settimana.

Sembra invece tramontata la trattativa per Federico Bernardeschi: il 28enne dopo l'addio alla Juventus sembrava vicinissimo al Napoli, ma i problemi relativi all'ingaggio hanno fatto si che la trattativa si bloccasse. Ad oggi non ci sono sviluppi.

Mercato Napoli: le indiscrezioni

Tanti altri nomi sono entrati nell'orbita del mercato del Napoli: non veri e propri obiettivi, per loro non si registra una trattiva ufficiale ma soltanto sondaggi ed interessi velati.

Uno di questi è Carlos Soler, centrocampista tuttofare del Valencia e della Spagna di Luis Enrique. Il Napoli si è interessato, ne ha parlato con gli spagnoli, ma la valutazione di 50 milioni ha frenato gli entusiami: anche alla luce del fatto che Soler è in scadenza fra un anno. Per ora il Napoli non affonda il colpo, se ne riparlerà in futuro. 

Profilo calcisticamente simile a quello di Soler, che potrebbe rientrare tra gli obiettivi di mercato del Napoli, è quello di Svanberg del Bologna: un basso ingaggio, e una valutazione non eccessiva, rientrano nei parametri del Napoli, che potrebbe decidere di affondare il colpo.

Sempre dal Bologna, si registra un interessamento nei giorni scorsi del Napoli per Riccardo Orsolini, reduce da una non esaltante stagione in Emilia-Romagna: il costo dell'operazione è contenuto, ma il profilo non convince né la società né l'allenatore.

Sondaggio del Napoli anche per Pierluigi Gollini: il portiere non è stato riscattato dal Tottenham ed è tornato all'Atalanta. Costi non convenienti per il Napoli, soprattutto per quello che dovrebbe essere il secondo di Meret. Pista fredda, Sirigu convince di più.

Dalla Spagna è rimbalzata nelle ultime ore la voce che vorrebbe il Napoli interessato a Miralem Pjanic. Il bosniaco sarebbe inserito nell'ambito della trattativa che porterebbe Koulibaly al Barcellona: la voce non trova riscontro. Spalletti lo riabbraccerebbe volentieri - lo ha già allenato a Roma - ma l'età del giocatore (32 anni) e lo stipendio da 6.5 milioni rendono l'operazione proibitiva.

Altri nomi accostati al Napoli ma che non sono diventati veri e propri obiettivi di mercato sono Milan Djuric - 32enne svincolatosi dalla Salernitana, pista che si è subito raffreddata - e William Saliba: il difensore francese classe 2001 e di proprietà dell'Arsenal, ha giocato nell'ultima stagione al Marsiglia. Idea tramontata quasi subito, il Napoli ha scelto altri profili.

Napoli che dunque è molto attivo sul fronte mercato: Giuntoli e De Laurentis vogliono regalare, rispettando sempre determinati parametri societari su trattative ed ingaggio, una squadra competitiva a Luciano Spalletti, cosi da tentare l'assalto al primo posto il prossimo anno.