Qatar 2022, ecco tutte le maglie delle nazionali

Dopo tanta attesa e tante polemiche, siamo giunti alla settimana che ci porta all'inizio del mondiale del Qatar 2022. Ecco quindi tutte le maglie delle nazionali qualificate.

Image

Qatar 2022 è pronto a partire con la partita tra i padroni di casa e l'Ecuador, che darà il via ai mondiali più discussi di sempre. Da vedere, oltre ai giocatori e alle loro azioni, anche le maglie di queste due nazionali, così come quelle di tutte le altre qualificate per la rassegna mondiali.

Le maglie delle nazionali ai Mondiali: Qatar e Ecuador

Le maglie delle 32 nazionali qualificate ai mondiali di Qatar 2022 sono 64, con una divisa per la trasferta e l'altra per giocare in casa, anche se si è in un paese ospitante. Partendo proprio dai padroni di casa, ecco che il primo kit sarà tutto rosso, non intenso, mentre il secondo sarà bianco. Così si richiama alla bandiera dello stato asiatico.

Passando all'Ecuador, che cercherà di rovinare la festa ai qatarioti, ecco che i sudamericani possono contare sulla tradizione del giallo della prima maglia, mentre la seconda vede un blu prevalente, con motivi che richiamano alla modernità.

Le altre maglie del gruppo A

Le altre due squadre del gruppo A, oltre a Qatar e Ecuador, sono Senegal e Olanda. Partendo dagli africani, ecco che questi nella prima maglia della loro nazionale mostrano un bianco che prevale con nel petto la bandiera del loro paese. La seconda divista è prevalentemente verde, con in mezzo sempre lo stemma della nazione.

Passando all'Olanda, la squadra di De Boer torna a un orange meno aranciano e più tendente al giallo, in ricordo degli anni 70. Bellissima, così come la prima, anche la seconda maglia con un blu intenso a dominare.

Il gruppo B

Nel gruppo B, l'Inghilterra non cambia granché rispetto agli ultimi Europei, con il bianco dominante nella prima maglia, e il rosso a farla da padrone nella seconda. L'Iran, invece, richiama maggiormente ai colori della propria bandiera nazionale, quindi bianco e rosso, un po' come gli inglesi

Gli Stati Uniti proseguono con il bianco nella prima divisa, mentre la seconda è molto simile a quella ecuadorena. Infine, il Galles di Bale inverte la tradizione di questo girone B, con il rosso nella prima maglia e il bianco nella seconda.

Leggi anche: Perché è vietato togliersi la maglia dopo il gol: i motivi

Il gruppo C

L'Argentina si presenta sempre con la stessa prima maglia, con un celeste che a seconda delle rassegne mondiali cambia intensità. La seconda maglia è simile a quella di Ecuador e Stati Uniti, ma più viola. L'Arabia Saudita, invece, punta sulla modernità coi motivi della prima divisa verde, mentre è più classica nel bianco della seconda.

Il Messico è più tradizioale seppur innovativo nel primo kit, mentre nel secondo si dà alla pazza gioia con dei disegni decisamente strani. Infine la Polonia, rispetta la tradizione con il bianco della prima maglia e il rosso della seconda.

Il gruppo D

La Francia, così come la Polonia, non cede alla tentazione della modernità, se non per una specie di sporcatura sul bianco della seconda maglia. L'Australia si presenta col giallo nella prima divisa, mentre la seconda vede prevalere il blu.

Anche la Danimarca e la Tunisia, non vanno molto dietro alle tendenze odierne, e optano per un rosso e poi un bianco, con i nordafricani che su entrambi i kit hanno dei motivi particolari ma non strani come quelli del Messico.

Il gruppo E

Nel gruppo E, la Spagna mantiene la roja come prima maglia della propria nazionale, ma la seconda invece porta a una moda sbizzarrita, con variazioni di azzurro e celeste. Segue, invece, la tradizione il Costa Rica, con rosso e bianco.

Anche la Germania non cambia con la prima maglia, mentre la seconda è molto innovativa e segue i dettami della modernità con il rosso e il nero che si fondono. Nessuna sorpresa invece da parte del Giappone, con il blu prevalente della prima divisa che lascia spazio al bianco della seconda.

Il gruppo F

Il Belgio, così come altre nazionali suddette, non insegue il nuovo, ma si attesta sulle tradizioni. Quindi ecco il rosso per la prima maglia, e il bianco per la seconda. Lo stesso dicasi per il Canada, che porta come seconda divisa forse la maglia più semplice tra tutte le trentadue del mondiale.

Il Marocco segue i nordamericani e non apporta grosse modifiche, se non sul secondo kit dove è presente un motivo concentrico nel mezzo della maglia. Infine, la Croazia innova la seconda divisa, con uno sfumato che piace tantissimo.

Il gruppo G

Il Brasile non presenta cambiamenti di sorta per la prima maglia, anche se il giallo sembra un po' più sbiadito, almeno nelle foto. La seconda invece è sempre blu ma maculata sulle maniche. La Serbia non cambia invece, con il rosso della prima divisa, e il bianco della seconda che portà lo stemma nel mezzo.

La Svizzera non innova nei colori, ne nella fantasia, visto che il secondo kit sembra quasi uguale a quello dei serbi. Il Camerun, poi, oltre alle maglie ha presentato anche le tute, con il verde a dominare nella prima divisa e il bianco nella seconda.

Il gruppo H

Il Portogallo non cambia, anzi innova leggermente nel posizionamento dei colori, ma rosso e verde della bandiera nazional non si toccano, così come il bianco della seconda maglia. Bella sorpresa, invece, da parte del Ghana che al bianco della prima divisa, alterna un rosso intenso nella seconda.

L'Uruguay, così come i lusitani, non cambiano il primo kit, mentre il secondo è più particolare, a causa dello stemma messo nel mezzo. Infine c'è la Corea del Sud, che segue la moda giovanile del paese e delle band pop che spadroneggiano sui social e anche nel mondo.

Leggi anche: Stefano Pioli salta la conferenza per un grave lutto familiare, ecco cos'è successo