Manca sempre meno alla finale della coppa dalle grandi orecchie, occasione in cui avremo modo di vedere la super sfida tra Real Madrid e Liverpool. Quanto guadagna chi vince la Champions? Un ricco montepremi che spetta solamente a chi riesce ad aggiudicarsi il trofeo. Scopriamo tutti i dettagli nel corso di questo articolo.

Quanto guadagna chi vince la Champions?

Superata la paura Superlega la Uefa ha però capito che bisogna rendere più interessante e anche più redditizia la Champions League, così in questa stagione ha aumentato il montepremi che era già alto nella passata stagione.

Qualificarsi e partecipare alla coppa dalle grandi orecchie è sicuramente una delle maggiori ambizioni di tutti i club, e una grande vetrina per i giocatori che infatti spesso prediligono l'approdo in squadre che vi partecipano.

Partecipare alla Champions League, però, non significa solamente potersi mettere in mostra ed essere annoverati tra le 32 squadre più forti in Europa, ma anche poter ricevere denaro importante.

Il montepremi messo a disposizione dalla Uefa per i partecipanti della Champions è il più alto in Europa, supera di un po' quello dell'Europa League e di gran lunga quello della Conference League, competizione che vede la Roma in finale contro il Feyenoord.

La Uefa ha messo a disposizione ben 2,02 miliardi di euro aumentando la cifra dell'anno scorso che era 1,95 miliardi di euro. Dunque, quanto guadagna chi vince la Champions?

Il gettone per la partecipazione

Prima di capire quanto guadagna chi vince la Champions dobbiamo fare un passo indietro, e andare a vedere come si compone il montepremi finale.

Le squadre di ogni campionato europeo lottano duramente con le proprie connazionali per poter partecipare all'ex Coppa Campioni, ma è davvero così conveniente prendervi parte pur sapendo di non poterla vincere?

La risposta è sì, prima di tutto perché in questo modo aumenta il ranking della squadra e anche la sua appetibilità sul mercato, e poi perché anche solo partecipando si ha un guadagno.

Solamente per prendere parte alla competizione, dunque essendo qualificati per la fase a gironi, ogni squadra guadagna un gettone dal valore di 15,64 milioni di euro.

Niente male se si considera che questo è indipendente da valore storico, vittorie conquistate e avanzamento nel torneo.

Come viene suddiviso il montepremi

Il gettone di partecipazione alla fase a gironi è solamente una parte del montepremi finale, come abbiamo visto in precedenza, questi infatti viene suddiviso in diverse percentuali.

Il gettone da 15,64 milioni di euro vale il 25 per cento del totale, al quale si aggiunge un 30 per cento dipendente dai risultati, un 30 per cento che arriva dal ranking storico della squadra e infine il 15 per cento che arriva dal market pool.

In sostanza, per capire quanto guadagna chi vince la Champions, bisogna sommare al gettone di partecipazione i risultati ottenuti nel corso della competizione, il valore della squadra calcolato dai successi ottenuti negli anni precedenti e infine il market pool.

Una somma di diversi fattori che alla fine determinano la cifra finale che sarà indubbiamente alta.

Cosa sono il market pool e il ranking storico

Nel paragrafo precedente abbiamo fatto menzione di due elementi chiave per capire quanto guadagna chi vince la Champions, ovvero market pool e ranking storico, ma che cosa sono?

Il market pool rappresenta i proventi che derivano dai diritti TV, che in questa Champions League hanno assunto un valore totale di 300,3 milioni di euro.

Questi vengono spartiti tra le varie squadre e non hanno lo stesso valore per tutti, per fare un esempio, i quattro club italiani si sono spartiti circa 50 milioni di euro e la singola cifra si è basata sul piazzamento in campionato dello scorso anno e sui risultati ottenuti.

Il ranking storico, invece, è la classifica delle varie squadre che si basa sui risultati degli ultimi dieci anni, per questo motivo nel nome presenta la dicitura "storico".

Ognuna delle 32 partecipanti avrà una posizione in questa speciale classifica e per ogni punto di coefficiente guadagna 1,137 milioni di euro.

La prima in questa lista, ovviamente, guadagna molti più soldi da questa parte di montepremi rispetto all'ultima classificata.

I premi per la vittoria e per i pareggi

Dopo aver effettuato una disamina su market pool, gettone di partecipazione e ranking storico è necessario analizzare quanto guadagnano le squadre che escono vincenti dalle singole partite.

Già dalla fase ai gironi infatti, ogni vittoria comporta un guadagno non indifferente e importante per capire qual è il montepremi finale, e lo stesso vale anche per il pareggio.

Ogni vittoria ottenuta nella fase a gironi consente al club di ricevere 2,8 milioni di euro, mentre ogni pareggio vale 930.000 euro.

L'unico risultato che non garantisce alcun introito è ovviamente la sconfitta, che oltre a dare zero punti alla squadra nel girone concede anche zero euro alle casse della società.

Quanto vale il passaggio del turno

Se la fase a gironi consente di ricevere denaro per ogni vittoria e per ogni pareggio conquistati anche il passaggio del turno nella fase a eliminazione diretta garantisce introiti, e il loro valore è prestabilito in anticipo.

Superare la fase a gironi e partecipare agli ottavi di finale garantisce 9,6 milioni di euro, una cifra niente male se si considera che questo è solo il primo passo delle sfide secche.

Partecipare ai quarti di finale aumenta ulteriormente il valore del montepremi di 10,6 milioni di euro, la semifinale di 12,5 milioni di euro e infine c'è la finale, che concede a chi vi partecipa 15,5 milioni di euro.

La fase a eliminazione diretta ha il valore totale di circa 48, 2 milioni di euro, e queste sono cifre fisse che non si basano sul ranking storico o altri parametri.

Quanti soldi a chi vince la finale, l'ultimo bonus

Se già i premi fissi relativi alla fase a eliminazione diretta ingolosiscono e non poco le squadre partecipanti, il valore aggiunto lo dà la vittoria finale.

La Uefa infatti "regala" un ulteriore bonus al club che si aggiudica anche la finale di Champions, aumentandone così il compenso finale.

La squadra che uscirà vincente tra Real Madrid e Liverpool guadagnerà un ulteriore premio dal valore di 4,5 milioni di euro, portando così i guadagni ricevuti solo nella fase a eliminazione diretta a 52,7 milioni di euro, ai quali bisognerà sommare tutto il resto.

Quanto hanno guadagnato Liverpool e Real Madrid

Tralasciando il denaro derivante dal ranking storico e dal market pool è possibile fare una stima di quanto hanno guadagnato le due squadre finora.

Solamente considerando i premi fissi, dunque la partecipazione ai gironi e il raggiungimento della finale le due squadre hanno già accumulato 63,8 milioni di euro.

Il Liverpool nella fase a gironi ha vinto tutte e sei le partite a sua disposizione, guadagnando così altri 16,8 milioni di euro e arrivando a 80,6 milioni di euro.

Vincendo la finale, solo dai risultati ottenuti e dai premi fissi, andrebbe a guadagnare 85,1 milioni di euro ai quali bisognerebbe sommare il resto.

Il Real Madrid, invece, nella fase a gironi ha collezionato cinque vittorie e dunque per il momento i premi fissi arrivano a 77,8 milioni di euro, se riuscisse a battere il Liverpool in finale allora la cifra arriverebbe a 82,3 milioni di euro.

Considerando che le due squadre sono tra le più alte in classifica del ranking storico, e i diritti TV derivanti dal market pool, entrambe supereranno largamente i 100 milioni di euro totali di montepremi.