Roma e Feyenoord sono le due squadre che si affronteranno nell finale di Conference League che si disputerà a Tirana il 25 maggio alle ore 21.00, le due squadre sono alla ricerca di una vittoria che gli darebbe un nuovo valore europeo. Ecco quali sono i precedenti tra le due squadre e dove sarà possibile vedere la partita in TV.

Roma-Feyenoord, i precedenti

Per scovare i precedenti di Roma-Feyenoord bisogna andare indietro di qualche anno, precisamente nel 2015 quando i Giallorossi affrontarono gli olandesi ai sedicesimi di finale di Europa League.

Le sfide di andata e di ritorno della seconda competizione europea calcistica sono le uniche due occasioni nelle quali le due squadre si sono affrontate, e non sono mancati i disordini extra campo.

Ben sei tifosi olandesi, in quell'occasione, sono stati condannati con pene inflitte fino ai quattro anni per quello che è successo fuori dallo stadio nelle vie della capitale italiana e per via dei danni alla Barcaccia. Nella partita di andata disputata a Roma Gervinho segnò il gol del pareggio e nella sfida di ritorno i Giallorossi si imposero per 2-1 e riuscirono a passare il turno.

All'infuori della doppia sfida di sette anni fa i due club non hanno mai avuto occasione di scontrarsi e questa può essere una ghiotta occasione, per la Roma di Mourinho, di riportare a Trigoria un trofeo che manca da ben quattordici anni.

Roma-Feyenoord, dove vederla in TV

Ci si attende dunque una sfida dal grosso carico emotivo e di grande tensione, nella speranza che i tifosi questa volta non rubino la scena ai giocatori in campo.

La prima finale di Conference League andrà in scena a Tirana, il 25 maggio alle ore 21.00, e ad affrontarsi saranno Roma e Feyenoord in una sfida che non vede nessuna delle due squadre partire come favorita. Alla luce della ripartizione dei diritti TV tra le varie emittenti è importante fare chiarezza andando a capire dove sarà possibile vedere la partita in TV.

La sfida sarà visibile in chiaro, senza necessità di nessun abbonamento, su TV8, oppure su Sky per tutti coloro che posseggono l'abbonamento. Inoltre, sarà possibile assistere alla finale della Conference League in streaming su DAZN, Now TV, Sky Go e tv8.it.

Dove acquistare i biglietti

Se i precedenti tra Roma e Feyenoord sono pochissimi possiamo dire che anche i biglietti a disposizione sono molto limitati.

Alle ore 12.00 di oggi, 10 maggio 2022, sarà possibile acquistarli attraverso l'apposita sezione presente sul sito della Uefa. La limitatezza dei tagliandi deriva soprattutto dalla decisione degli organi di competenza di rendere fruibili a tutti il loro acquisto, senza dare una via preferenziale ai tifosi delle due squadre.

Inoltre, bisogna anche considerare la capienza dello stadio di Tirana che è abbastanza limitata, può ospitare solamente 21.000 tifosi ma, per via delle regole di prevenzioni anti-Covid, questo numero si abbassa ulteriormente a 19.000.

La società Giallorossa aveva messo a disposizione 1760 biglietti gratuiti vincibili attraverso un concorso, e nella giornata di ieri i fortunati sono stati avvisati.

Al contempo, ha riservato 166 tagliandi gratuiti ai tifosi volati in Norvegia per assistere alla disfatta contro il Bodo e altri 100 per i supporters affetti da disabilità. Oggi dunque, alle ore 12.00 quando ci sarà il tanto ambito quanto temuto click-day per accaparrarsi i biglietti disponibili, ci si aspetta un grande traffico d'utenti.

Il pronostico di Roma-Feyenoord

Pronosticare qualunque partita di calcio è veramente difficile e questo aumenta a dismisura quando le squadre in campo si equivalgono.

La difficoltà aumenta a dismisura quando si gioca una partita secca, soprattutto se questa è una finale di una competizione europea.

Le lacrime di Mourinho, nella semifinale contro il Leicester che ne ha decretato il passaggio del turno, dimostrano tutta la volontà della squadra di aggiudicarsi la competizione. Dall'altra parte però il Feyenoord non è da meno, non è sicuramente la squadra più vincente d'Olanda e occasioni come questa sa che non capitano molto spesso.

Di conseguenza la partita è aperta a ogni possibile scenario, i Giallorossi dalla loro possono contare su tutta l'esperienza di Mourinho, il Feyenoord su tutta la sfrontatezza ed entusiasmo di staff e giocatori.

La semifinale contro il Leicester

Roma-Feyenoord non sarà una partita come le altre, nessuna finale lo è per via dell'incredibile valore storico e anche per l'apporto economica e d'immagine che porta alla squadra vincente.

Inoltre, la mancanza di un numero corposo di precedenti crea un'indecisione molto grande attorno alla questione della squadra favorita, aumentandone di conseguenza anche l'attesa e lo spettacolo.

La Roma arriva da una doppia sfida molto difficile contro l'ostico Leicester che, dopo aver compiuto il miracolo con Ranieri, si è assestata tra le squadre inglesi più imprevedibili e difficili da affrontare.

I Giallorossi nel doppio confronto sono usciti vincenti grazie al passivo di più uno maturato dal pareggio dell'andata, disputato in Inghilterra, e dalla vittoria per 1-0 ottenuta tra le mura amiche in un Olimpico più che gremito.

Un doppio confronto che ha dimostrato come la Conference League sia ricca di squadre di valore e che può regalare grandi emozioni ai tifosi delle squadre partecipanti. Oltre a questo, è riuscito a dare anche molta sicurezza alla squadra di Mourinho che ora può affrontare la finale con la consapevolezza di essere una squadra matura.

La semifinale del Feyenoord

Se la Roma in semifinale ha affrontato il temibile Leicester non è stato semplice nemmeno per il Feyenoord che ha dovuto battere l'Olympique Marsiglia.

La partita di andata, terminata per 3-2 per la squadra olandese aveva dimostrato tutte le abilità offensive della squadra di Arne Slot ma ne aveva anche denotato alcuni limiti in fase difensiva. Al ritorno però, il Feyenoord è riuscito a far terminare a reti inviolate una partita molto serrata dimostrando di poter essere solida se occorre.

Dunque anche gli olandesi arrivano alla finale di Tirana con una rinnovata consapevolezza del loro valore, e non temono di certo la squadra italiana. Considerando che l'ultimo atto della competizione si disputerà in una partita secca siamo curiosi di scoprire quale faccia ci mostrerà il Feyenoord, se sarà spregiudicato e divertente oppure compatto e solido.

Cosa ottiene chi vince la finale

Come prima cosa è necessario porre l'accento su una cosa molto importante, al vincitore spetta di diritto la fase a gironi dell'Europa League nella stagione successiva, e questo non è un dettaglio.

Attualmente la Roma è in una posizione di campionato che gli consentirebbe lo stesso di avervi accesso ma, a sole due giornate dalla fine, la lotta per l'Europa continua a essere più serrata che mai.

Oltre che per i Giallorossi è importante sottolineare questo fatto anche per le future edizioni di questa competizione, dato che questo è stato l'esordio ma che il trofeo è destinato a vivere altre annate.

Considerando che la squadra di Mourinho è arrivata fino all'atto finale, fino ad ora ha già guadagnato circa 18 milioni di euro, se dovesse alzare anche il trofeo raggiungerebbe un totale di circa 20 milioni.

Questo discorso però è riduttivo, bisogna infatti aggiungere a questa cifra anche quella inerente ai diritti TV e agli sponsor, che sappiamo nel calcio moderno essere due elementi fondamentali per le casse delle società.

Partecipare dunque è conveniente, vincere lo è ancora di più! La Roma farà di tutto per farcela e se ci riuscisse potrebbe essere l'univo titolo europeo conquistato da una squadra italiana negli ultimi anni.