Alcune partite sono destinate a rimanere nel cuore dei tifosi per il peso specifico che hanno su un'intera stagione, questo è il caso di Salernitana-Venezia, che andrà in scena oggi 05 maggio, e sarà valevole per il recupero della giornata numero 20. Ecco dove vederla in TV e le probabili formazioni.

Salernitana-Venezia: dove vederla in TV

Quella di oggi sarà una sfida all'ultimo sangue tra due squadre che hanno disputato un campionato praticamente opposto. 

Il Venezia ha giocato un girone d'andata sopra ogni aspettativa salvo poi crollare in quello di ritorno, la Salernitana invece ha disputato un girone d'andata quasi disastroso ma nelle ultime settimane ha racimolato molti punti grazie a un filotto di risultati utili consecutivi.

Salernitana-Venezia parte con le più alte aspettative e tutti gli amanti del calcio si chiedono dove vederla in TV e in questo paragrafo andremo a scoprirlo.

Come di consueto la partita, che ricordiamo essere valevole per il recupero della ventesima giornata di Serie A, sarà visibile su Dazn che per la stagione 2021-2022 se n'è assicurata i diritti.

Nonostante Sky abbia in concessione la possibilità di trasmettere alcune partite della massima serie italiana quella di questa sera non è compresa, sarà un'esclusiva DAZN.

Il commento sarà affidato a Gabriele Giustiniani mentre la parte tecnica sarà a cura di Massimo Donati, la sfida inizierà alle ore 18.00 all'Arechi.

Le probabili formazioni

Dopo aver capito dove sarà possibile vedere in TV Salernitana-Venezia vediamo le probabili formazioni delle due squadre, in quella che sarà una delle partite più determinanti dell'intera stagione.

La Salernitana probabilmente si schiererà con un 3-5-2 con Sepe in porta, Gyomber, Radovanovic e Fazio in difesa, in centrocampo Spazio a Mazzocchi e Zortea sugli esterni e in mezzo a Ederson, a Bohinen e a Coulibaly, davanti confermati Bonazzoli e Djuric.

Il Venezia invece partirà con un 4-3-2-1 con Maenpaa in porta, Mateju, Caldara, Ceccaroni e Haps in difesa, Crnigoj, Vacca e Ampadou in centrocampo, Aramu e Cuisance sulla trequarti e bomber Henry unica punta.

Siamo curiosi di vedere come approcceranno alla partita le due squadre, soprattutto il Venezia che prima della sfida contro la Juventus ha esonerato l'allenatore Zanetti artefice della promozione in Serie A.

Due squadre, due morali opposti

Se ci fossimo trovati a scrivere un articolo su questa sfida nel mese di gennaio avremmo tranquillamente parlato di un Venezia proiettato verso la salvezza e di una Salernitana che inesorabilmente stava scendendo in Serie B.

Le giornate scorrono e il tempo passa, e con essi anche le motivazioni, gli allenatori e gli obiettivi e ora, a tre giornate dal termine più questa partita da recuperare, ci troviamo costretti a fare il discorso opposto.

Il Venezia arriva da una crisi senza precedenti con nove sconfitte consecutive che la stanno trascinando nella serie cadetta, mentre la Salernitana arriva da tre vittorie e un pareggio che lasciano sognare i tifosi Granata.

La squadra campana se dovesse vincere questa sera effettuerebbe il sorpasso sul Cagliari raggiungendo la zona salvezza e, al contempo, lasciando i lagunari all'ultimo posto distanti dalla salvezza.

Ci sono momenti nel corso di una stagione in cui l'esperienza dei giocatori, dello staff, dell'allenatore e della società fanno la differenza, e Nicola sembra proprio aver portato tutto questo.

Già artefice del sogno salvezza centrato con il Crotone l'allenatore vuole bissare quel risultato, regalando a una piazza già entusiasta un altro anno in Serie A.

Soncin invece, chiamato a sostituire Zanetti, non può far altro che vincere oggi per poter continuare a sognare, altrimenti la questione si farebbe veramente complicata, quasi impossibile.

La lotta salvezza

In una Serie A che continua a navigare in acque molto incerte, tra una lotta scudetto giocata all'ultimo sangue e una zona Europea che non è ancora stata decisa, anche la lotta per la salvezza è destinata a resistere fino alla fine della stagione.

Le squadre coinvolte per il momento sono quattro: Venezia, Genoa, Salernitana e Cagliari, con quest'ultima che per il momento sarebbe salva.

Il Venezia ricopre l'ultimo posto in classifica con soli 22 punti conquistati, frutto di un girone di ritorno da film horror, e se vincesse il recupero di oggi si porterebbe a 25 punti pari merito con il Genoa.

Proprio il Grifone si trova penultimo in classifica in una stagione costellata da delusioni, cambio di allenatori e poche soddisfazioni.

La Salernitana, grazie ai 10 punti consecutivi conquistati, si trova ora al terzultimo posto con 26 punti, se oggi contro i Lagunari riuscissero a vincere si porterebbero sopra al Cagliari.

Proprio i Sardi per il momento sarebbero salvi ma i 28 punti non sono assolutamente sufficienti a garantire serenità, e molto dipenderà dal recupero di oggi.

All'appello mancano ancora alcuni scontri diretti come Salernitana-Cagliari e Venezia Cagliari, altre due sfide dal sapore di salvezza.

Calendario lotta salvezza, ecco tutte le partite mancanti

Alla luce di quanto abbiamo detto fino a qui possiamo capire come l'incertezza sia la caratteristica madre di questa Serie A.

Venerdì 6 maggio il Genoa ospiterà in casa la Juventus di Massimiliano Allegri, dopo che quest'ultima ha sconfitto il Venezia nell'ultima giornata di campionato.

Domenica 8 maggio il Venezia, al Penzo, farà di tutto per battere un Bologna in un buon stato di forma che non vuole lasciare punti per strada.

Sempre domenica, alle ore 18.00, la Salernitana affronta all'Arechi il Cagliari che potrebbe significare sorpasso o addirittura distacco, in base al risultato di oggi pomeriggio.

Il 14 maggio i Granata saranno impegnati nella trasferta contro l'Empoli e il Venezia giocherà allo Stadio Olimpico contro la Roma di Mourinho.

Il 15 maggio il Genoa andrà a caccia di punti al Maradona di Napoli e il Cagliari affronterà in casa l'Inter in piena lotta scudetto.

L'ultima giornata, che si disputerà il 22 maggio, vedrà il Genoa in casa contro il Bologna, la Salernitana ospitare l'Udinese e il big match Venezia-Cagliari.

Lotta salvezza, il pronostico

Il calendario ci dimostra come fino all'ultima giornata ogni punto sarà importantissimo poiché ci saranno ancora scontri diretti, partite difficili e altre poco scontate.

Alla luce dello stato di forma dimostrato nell'ultimo periodo, e delle sfide che mancano da qui alla fine della stagione, la Salernitana può centrare il sogno salvezza.

Se oggi pomeriggio riesce a battere il Venezia e poi a bissare la vittoria anche contro il Cagliari nel weekend, allora darebbe un chiaro segnale a tutto il campionato.

Il Cagliari è la seconda squadra con più probabilità di salvezza, dati gli scontri diretti e anche i due punti di vantaggio racimolati fino a qui sulle avversarie.

Il Genoa è come sempre molto duro a morire, ma da qui alla fine avrà sfide complicate e dovrà dare il meglio di sé per poter portare a casa la salvezza.

Il Venezia, nonostante gli scontri diretti di oggi e dell'ultima giornata, parte un passo indietro, sia per via dei punti in classifica che per via del morale che ora è sotto i piedi.

Spezia e Sampdoria

Ci sono altre due squadre che non sono matematicamente salve e che se dovessero perdere tutte le partite potrebbero retrocedere: Spezia e Sampdoria.

Lo Spezia si è bloccato nell'ultimo periodo forse per via della troppa sicurezza acquisita durante il girone di ritorno, non vince dal 2 aprile contro il Venezia, da allora un pareggio e solo sconfitte.

La Sampdoria sta affrontando un campionato ben sotto le aspettative d'inizio stagione e ora deve fare punti al più presto per fuggire alla paura.

La vittoria nel derby di settimana scorsa è stata una bella boccata d'aria fresca e ora deve cercare di fare punti fuori casa, contro la Lazio, nella trasferta di sabato 7 maggio.