Sinisa Mihajlovic, a chi andrà la sua eredità e la posizione del figlio Marko

Sinisa Mihajlovic è scomparso prematuramente all'età di 53 anni, lasciando la moglie e i figli. A chi andrà ora la sua eredità? Facciamo chiarezza.

La prematura scomparsa di Sinisa Mihajlovic ha scosso il mondo del calcio e non solo. Ieri si sono svolti i funerali ai quali erano presenti più di 2.000 persone. L’ex allenatore serbo lascia la moglie e i figli, tra cui uno avuto da una precedente relazione. A chi andrà la sua eredità?

A chi andrà l’eredità di Sinisa Mihajlovic

Per capire a chi andrà l’eredità di Sinisa Mihajlovic bisogna prima fare un passo indietro e vedere quali sono i primi affetti che ha lasciato prematuramente.

L’ex allenatore serbo, con la moglie Arianna Rapaccioni, ha avuto in totale cinque figli.

In precedenza ha però avuto un’altra relazione dalla quale è nato Marko, il suo primo figlio.

L’eredità di Sinisa Mihajlovic sarà quindi spartita tra la moglie e i figli, qual è però la posizione di Marko?

La posizione di Marko

“Con Marko sono stato un padre diverso, e mi dispiace. L’ho riconosciuto, mantenuto, ma non l’ho cresciuto io. Non lo sento da un anno. Gli avevo chiesto di prendersi più responsabilità, non ne è stato capace. Lo chiamerò io quando sarò pronto. Quando qualcuno mi delude, mi serve tempo.”

Parlava così Sinisa Mihajlovic del suo primo figlio, Marko, avuto da una precedente relazione rispetto alla moglie.

Come però ha detto l’ex allenatore serbo, lo ha legalmente riconosciuto.

Questo fa di lui, per legge, uno degli eredi legittimi e di conseguenza avrà diritto a parte dell’eredità, a meno che non decida di rifiutarla.

Il testamento

L’eredità di Sinisa Mihajlovic sarà quindi spartita tra la moglie e i sei figli, ma non è finita qui.

Nonostante, per il momento, non sia ancora stato pervenuto, nel caso in cui esistesse un testamento le cose potrebbero cambiare.

Se in un documento ufficiale e valido Mihajlovic avesse incluso anche qualcun altro nella sua eredità, allora questi ne avrebbe diritto.

Se però il testamento non esistesse, allora rimarrebbe l’ereditarietà per successione.

Leggi anche: In più di 2000 al funerale di Mihajlovic: tra i presenti anche Totti, De Rossi e Mancini

Quanto spetta alla moglie e ai figli

Per quante riguarda le cifre, non ci è dato saperle, si può però ragionare per quote di legittima.

Infatti, nel momento in cui si prendesse atto che non esiste nessun testamento, allora si aprirebbe la successione legittima.

Questa farebbe pervenire e suddividere l’intera eredità ai primi eredi legittimi, di conseguenza moglie e figli.

Alla moglie spetta un quarto, il resto viene poi suddiviso in egual modo tra i figli.

Se tutti gli eredi decidessero, cosa molto improbabile in questo caso, di rifiutare l’eredità, allora questa passerebbe all’erede successivo in linea di successione.

Leggi anche: Gianluca Vialli in gravi condizioni: ricoverato in una clinica a Londra

Manuel Saccon
Manuel Saccon
Copywriter freelance, classe 1996. Diplomato al liceo delle scienze umane Galileo Galilei di Dolo, coltivo da sempre la passione per la scrittura in tutte le sue forme. Ho seguito un corso di formazione per potenziare le mie conoscenze in ambito social media e copywriting. Collaboro con due redazioni online, seguo la comunicazione di un brand in fase di lancio e gestisco la scrittura creativa di alcuni locali. Sono appassionato di sport, di musica, di serie tv e del mondo del sociale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
778FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate