Matteo Berrettini vince la finale del torneo su erba del Queen's contro Filip Krajinovic con il punteggio di 7-5 6-4 e si aggiudica per il secondo anno di fila il tradizionale appuntamento londinese che precede di una settimana Wimbledon, il torneo di tennis più importante e prestigioso del mondo.

Straordinario Berrettini che ha praticamente sempre tenuto sotto controllo l'avversario in finale.

Dopo avere vinto il Queen's lo scorso anno arriva ora il bis. E adesso l'obiettivo non può che essere quello di andare a caccia del bersaglio grosso. Ovvero Wimbledon che inizia lunedì 27 giugno.

Matteo Berrettini vince per la seconda volta di fila il torneo del Queen's

Se c'erano incertezze sullo stato di forma di Matteo Berrettini  -dopo l'intervento chirurgico alla mano destra che lo ha tenuto fuori per tre mesi e che gli ha fatto saltare tutta la stagione sulla terra battuta compresi gli appuntamenti di Roma e Parigi - il tennista azzurro ha risposto nella maniera migliore possibile.

E' rientrato la settimana scorsa al torneo Atp 250 di Stoccarda e ha vinto il torneo battendo in finale lo scozzese Andy Murray dopo una finale estremamente combattuta. Ed ora il bis al Queen's, due tornei vinti in due settimane. Un bellissimo biglietto da visita per presentarsi al torneo di Wimbledon.

Mattteo Berrettini batte Filip Krajinovic: il racconto della partita, primo set Berrettini 7-5

Berrettini ha avuto una partita particolarmente complicata nel torneo, il secondo turno contro Kudla.

Da lì in avanti non ha avuto grosse difficoltà.

Berrettini nella finale parte forte e nel primo game va 0-40 sul servizio del serbo. Ma manca le 3 palle break. Krajinovic va spesso in difficoltà nel suo turno di battuta. Al suo terzo game di servizio arriva il break del tennista azzurro.

Berrettini qui gioca però il suo peggior game di servizio del primo set e il serbo conquista il contro break. 

Si procede con i servizi fino al 5-5 quando Berrettini strappa ancora il servizio al trentenne tennista serbo. Questa volta Berrettini non perde di nuovo il servizio e chiude il primo parziale 7-5.

Matteo Berrettini batte Filip Kraijovic: il racconto della partita, secondo set Berrettini 6-4

Nel secondo set tutto procede con i servizi fino al quinto game nel quale Berrettini strappa il servizio all'avversario. Da lì in avanti il tennista azzurro non concede più possibilità sul proprio servizio e chiude il parzale 6-4.

Gioco, partita, incontro e Queen's vinto da Berrettini per il secondo anno di fila.

Matteo Berrettini, numeri impressionanti su erba, quarto torneo conquisato sui prati

Naturalmente se si vince per due volte di fila il torneo del Queen's, in più ci si mette anche un paio di edizioni del torneo di Stoccarda, non si può non arrivare a Wimbledon nutrendo delle ambizioni.

Da ricordare anche che l'anno scorso proprio ai Championships Berrettini ha raggiunto la finale venendo sconfitto da Novak Djokovic che in quell'occasione vinse il suo terzo slam di fila nel 2021.

Berrettini con quella di oggi ha giocato 10 finali in carriera, sette i titoli vinti. Quella di oggi era la quinta giocata sull'erba.

In precedenza ha vinto le due finali giocate a Stoccarda nel 2019 contro Auger Aliassime e domenica scorsa contro Andy Murray, ha vinto la finale del Queen's dello scorso anno contro Cameron Norrie prima di questa contro Filip Krajinovic.

Unica finale sull'erba persa da Berrettini è quella proprio contro Novak Djokovic ai Championships a Wimbledon 2021.

Berrettini con quello di oggi al Queen's ha vinto in tutto 7 titoli Atp: Gstaad 2018 sulla terra battuta, Budapest 2019 sulla terra battuta, Stoccarda 2019 e Stoccarda 2022 su erba, Belgrado 2021 sulla terra battuta e Queen's 2021 e 2022 su erba.

Matteo Berrettini, il punto su presenze e assenze a Wimbledon

Berrettini non può non arrivare a Wimbledon con particolari ambizioni.

Un Wimbledon peraltro come quello di quest'anno molto particolare che vedrà assenze di rilievo. Come noto a tutti infatti non saranno ammessi i giocatori russi e bielorussi per via della guerra in Ucraina, quindi solo per fare due esempi non ci saranno il campione degli Us Open 2021 e attuale numero 1 del mondo Daniil Medvedev e Andrei Rublev.

Non ci sarà nemmeno, ma per altre ragioni, Alexander Zverev. Il numero 2 del mondo che ha avuto un gravissimo infortunio nel corso della semifinale del Roland Garros contro Rafael Nadal rimarrà out dal circuito ancora per diverso tempo.

Ma Berrettini dovrà pensare soprattutto a se stesso, al suo tennis perchè le possibilità di fare strada ci sono e i mezzi anche.

Ci sarà ovviamente Novak Djokovic, primissimo favorito del torneo, anche se quest'anno è sembrato lontano dal giocatore che abbiamo visto negli anni scorsi. La vicenda australiana sembra avere lasciato conseguenze.

Ci sarà ovviamente Rafael Nadal che ha conquistato i primi due slam di quest'anno. Ha dimostrato che se è iscritto ad un torneo occorre sempre diffidare di lui visto il livello di gioco che è ancora in grado di esprimere.

Ma una cosa è certa: assieme a Djokovic e Nadal e forse Alcaraz - anche se sull'erba ad altissimo livello va ancora testato - tra i primissimi favoriti per il successo a Wimbledon 2022 c'è anche Matteo Berrettini. Appuntamento dal 27 giugno a Wimbledon.