La stagione appena conclusa è stata la prima con i diritti di trasmissione della massima serie italiana in mano a DAZN e, a conti fatti, potremmo dire che questa annata ha vissuto pochi alti e molti bassi. Ora l'emittente britannica ha deciso di aumentare i costi dell'abbonamento ma esiste un'alternativa. Anche TimVision trasmette la Serie A e non ha cambiato il prezzo rispetto allo scorso anno, quale conviene di più?

La situazione DAZN

Nell'incipit del nostro articolo abbiamo detto che i diritti TV riferiti al campionato italiano se li è aggiudicati DAZN, la casa di streaming sportivo più conosciuta del momento.

Il rapporto con i fruitori del servizio però, a dire la verità, non è mai decollato del tutto e questo a causa dei molti disservizi e del costo dell'abbonamento, ritenuto troppo alto rispetto all'offerta.

Soprattutto nella prima parte della stagione, l'emittente britannica ha avuto più di qualche difficoltà a erogare un servizio streaming di qualità, e questo nonostante le grandi promesse e le aspettative che si erano create.

DAZN si è trovato costretto a potenziare ulteriormente la potenza di rete investendo ingenti somme di denaro, ma anche a rimborsare più volte l'importo dell'abbonamento a causa dei disservizi.

Insomma, non è stato un primo anno particolarmente positivo, a peggiorare il tutto c'è stata poi la guerra fredda tra cliente ed emittente rispetto alla condivisione dell'abbonamento.

DAZN non voleva la condivisione tra clienti diversi e si era già preparata a toglierla nel corso della stagione, cosa che però poi di fatto non è accaduta.

Finito l'anno calcistico, però, ha effettuato la sua mossa dividendo gli abbonamenti tra uno base, che mantiene lo stesso costo ma non è condivisibile, e uno Plus a prezzo maggiorato e condivisibile con un altro utente.

Gli abbonati non hanno assolutamente accettato di buon grado la decisione presa dall'emittente britannica e ora qualcuno cerca un'alternativa.

Questa esiste e si chiama TimVision, il quale consente di vedere la Serie A allo stesso prezzo dello scorso anno, di che cifra stiamo parlando?

TimVision Serie A, il prezzo

Alla base dell'insoddisfazione di molti consumatori abbonati a DAZN, dunque, c'è più di un fattore e ognuno di questi  potrebbe essere decisivo sulla sua scelta di mantenere l'abbonamento o disdirlo.

DAZN non può permettersi un grosso calo di abbonati, questo potrebbe comportare la sospensione dell'esclusiva poiché meno sono le persone che guardano le partite e meno soldi la Lega Serie A e le società guadagnano.

In questo contesto intricato e piuttosto in bilico si posiziona TimVision, il quale consente di vedere la Serie A allo stesso prezzo dell'anno scorso. La cifra di cui vi stiamo parlando equivale a 19,99 euro al mese, una cifra diversa rispetto ai 29,99 euro dell'offerta base di DAZN.

Molti tifosi hanno già effettuato il cambio e nelle prossime settimane è probabile che saranno in molti che ci penseranno, ed è comprensibile.

TimVision e DAZN hanno un accordo e il primo ha tutta l'intenzione di sfruttarlo proprio come ha fatto nel corso della stagione erogando, tra l'altro, un servizio di ottima qualità.

L'emittente in streaming britannica sarà in grado di reggere l'urto? O alla fine TimVision le ruberà definitivamente la scena?

Cosa comprende l'abbonamento a TimVision

Con TimVision dunque è possibile vede la Serie A allo stesso prezzo dell'anno scorso, e questo nonostante l'aumento dei costi di DAZN.

L'emittente italiana quindi si pone come l'alternativa numero uno a quella britannica, e questa estate la guerra potrebbe decisamente infiammarsi.

DAZN dalla sua ha un grande parco sportivo oltre che al calcio, che ricordiamo non essere solamente la Serie A ma anche la Liga, la Serie B, l'Europa League e molto altro ancora.

TimVision, però, almeno in ambito calcistico si difende molto bene, infatti grazie all'abbonamento a 19,99 euro mese si possono vedere:

  • le dieci partite di Serie A settimanali;
  • le partite di Champions League, esclusa quella di mercoledì in esclusiva Amazon;
  • le partita di Europa League;
  • alcune partite, le più importanti, di Conference League.

Un pacchetto di calcio molto interessante che consente di vedere le partite dei propri beniamini, o almeno quasi tutte, grazie a un unico abbonamento.

Oltre al calcio, però, presente grazie all'accordo con DAZN, c'è anche molto altro ancora e infatti abbonandosi entro il 25 giugno a 19,99 euro al mese si avrà inclusi nell'abbonamento anche Infinity+ e Discovery Plus e aggiungendo altri 10 euro, arrivando dunque a 29,99 euro al mese, si possono aggiungere Netflix e Disney Plus.

La condivisione dell'abbonamento è possibile?

Abbiamo capito che la Serie A su TimVision si può vedere e anche a un prezzo ragionevole, sicuramente qualcuno però vorrebbe condividere l'abbonamento, è possibile?

Bisogna considerare che la società italiana include nel suo abbonamento quello delle altre società, come ad esempio DAZN, e le partite di Serie A fanno parte di questo accordo.

Nell'abbonamento a TimVision è compresa l'offerta base di DAZN, che dunque non consente la condivisione.

Bisogna fare una doverosa precisazione, si può vedere lo stesso evento su due diversi dispositivi a patto che questi siano collegati alla stessa rete internet.

Quello che non sarà più possibile fare, quindi, sarà vedere lo stesso evento su due dispositivi diversi connessi a reti internet diverse.

Questo genera indubbiamente più di qualche polemica per motivi diversi tra loro, ma DAZN ha già preso la sua decisione.

Il costo esatto dell'abbonamento

Il prezzo base di partenza dell'abbonamento a TimVision fa gola a molti, i 19,99 euro al mese sono considerati accettabili per seguire le partite della propria squadra del cuore ma per quanto tempo rimarrà questo prezzo? Si andrà poi incontro a una maggiorazione com'è accaduto con DAZN?

Il prezzo di 19,99 euro al mese avrà una validità di 12 mesi a partire da settembre 2022, il periodo fino a settembre sarò offerto direttamente dalla società italiana.

A partire da settembre 2023, però, ci sarà un incremento di 10 euro perché l'offerta è valida solamente per i nuovi abbonati.

19,99 euro al mese per il primo anno e 29,99 euro a partire dal secondo anno, questo è prezzo della Serie A e di tutto il pacchetto TimVision.

Cosa rischia DAZN

Alla luce di quanto detto finora appare chiaro a tutti che ora la situazione di DAZN è particolarmente rischiosa.

La decisione di eliminare la condivisione dell'abbonamento e di aumentare i costi del servizio potrebbe rivelarsi controproducente, e il rischio di perdere abbonati è estremamente alto.

DAZN è l'osservata speciale della Lega Serie A, delle società calcistiche e anche degli enti di tutela dei consumatori e tutti assieme valutano la qualità del servizio offerto e il relativo tornaconto.

Se questo dovesse essere basso a causa delle tante disdette, l'emittente britannica potrebbe perdere l'esclusiva sulla trasmissione delle partite del campionato italiano, che potrebbe passare a un'altra emittente streaming o televisiva.

Alla finestra c'è sempre Sky che attende con pazienza di vedere come si evolve la situazione ma non solo, anche Amazon pare molto interessata.