Paura di tornare a casa da sola? Non più con queste 5 app per sentirsi sicure in strada

In Italia, 1 donna su 3 ha paura di uscire da sola la sera. Oggi, però, ci sono delle app create per far sentire le donne più sicure in strada.

app per sentirsi sicure

Nella vita di una donna è capitato almeno una volta di non sentirsi sicura per strada, specialmente nel ritorno a casa dopo un’uscita di sera.

La paura è senz’altro un sentimento soggettivo. Ci sono donne che la percepiscono solo nelle situazioni in cui il rischio è più che concreto, mentre altre possono essere fortemente condizionate dalla paura al punto da rinunciare alle uscite serali con gli amici.

Quale che sia la percezione soggettiva, però, il pericolo è concreto e, se è vero che ognuno di noi, uomini o donne, possa essere spaventato all’idea di dover percorrere una strada buia di notte, lo è anche che le seconde corrono rischi maggiori di quello di poter subire una rapina.

Ma, allora, bisogna rinunciare alla propria libertà? No, ovviamente.  

E oggi un ulteriore aiuto viene dalla tecnologia. Ecco perché vogliamo farti scoprire 5 app per sentirsi sicure in strada quando si torna a casa. Alcune di queste sono state create appositamente da attiviste e altre donne per le donne. Altre, invece, ci mettono in contatto direttamente con le autorità competenti.

Vediamo come funzionano e perché possono essere un valido aiuto per sentirsi meno sole.

Wher

Wher è una delle applicazioni più utilizzate dalle donne italiane che vogliono sentirsi sicure anche quando tornano a casa la sera.

È una delle prime app, creata da donne per le donne. Il concetto alla base della creazione dell’applicazione è che molte donne non si sentono sicure di camminare per strada da sole la sera, specialmente in viaggio o in città che non conoscono.

Il meccanismo dell’app è molto semplice. Raccogliendo le valutazioni dagli utenti, segnala le strade che possono rivelarsi più pericolose o sicure, in base ad alcuni fattori come l’illuminazione o l’affollamento.

L’app presenta alcuni bollini, contrassegnati da colori diversi in base alla sicurezza della strada (per esempio, il verde è associato a strade di maggiore sicurezza, mentre il rosso quelle non consigliate).

Viola Walkhome

Viola Walkhome è un servizio al momento disponibile su Instagram, ma presto sotto forma anche di app.

Se ne sta parlando molto in questo periodo, perché l’obiettivo è proprio quello di far sentire le donne sicure mentre tornano a casa da sole. Si tratta quasi di un vero e proprio call center gratuito che offre la possibilità alle donne di prenotare una videochiamata con un volontario che le accompagna a casa, facendo loro compagnia.

Non è, dunque, solo un modo per sentirsi meno sole, ma anche per intimidire eventuali aggressori, meno propensi ad avvicinarsi se il loro comportamento venga registrato sotto forma di audio o di video.

Leggi anche: Gesto antiviolenza delle 4 dita: cos’è, come si fa e come intervenire

Where are U

Tra le app per sentirsi sicure per strada, ce n’è anche una ufficiale del 112, il numero di emergenza Europeo. Tramite l’applicazione è possibile effettuare chiamate di emergenza, allertando polizia, carabinieri o ambulanze, senza necessità di ricordare ogni numero di telefono collegato.

L’app rileva la posizione tramite Gps. Quando si decide di chiamare, la posizione viene trasmessa automaticamente, anche quando la rete dati non è disponibile (in questo caso, la posizione viene trasmessa via SMS). Inoltre, è disponibile anche il servizio di “chiamata silenziosa” quando non è possibile parlare perché ci sono malintenzionati nelle vicinanze.

L’app è disponibile sia per iOS che per Android.

Guardian Safely Around

Nata dalla creatività di alcuni studenti catanesi, Guardian Safely Around è una delle app per sentirsi sicure da sole.

Il funzionamento è simile a quello di Wher, perché segnala strade o percorsi più sicuri della città basandosi sulle valutazioni di altri utenti e sempre in base ad alcuni fattori come la luminosità, la presenza o meno di persone ecc. di giorno, di sera o di notte.

Anche in questo caso, il sistema di geolocalizzazione permette di condividere la propria posizione. In più, è anche possibile chiamare le autorità competenti o anche i cosiddetti “guardiani”, cioè familiari, amici o altre persone indicate dall’utente in precedenza.

1522 antiviolenza e stalking

Come per Where are U, anche quest’app per sentirsi sicure è un’applicazione ufficiale del numero antiviolenza 1522, promossa dal Dipartimento per le Pari Opportunità e ormai attiva dal lontano 2006.

Come altre app per sentirsi sicure per strada che abbiamo analizzato in questa piccola guida, la donna che la utilizza ha la possibilità di avviare una chiamata di richiesta di aiuto e ricevere la risposta da parte di un operatore o un’operatrice. Questi ultimi offrono un primo supporto, fornendo anche utili informazioni sui servizi socio-sanitari pubblici e privati presenti sul territorio nazionale.

L’app è gratuita e il servizio è attivo 24 ore su 24, per tutti i giorni dell’anno. È inoltre disponibile in italiano, inglese, francese, spagnolo e arabo.

 Leggi anche: L'emoticon contro la violenza sulle donne che può salvare la vita